2002
20
Feb

20/02/2002

Commenti () - Page hits: 1300

(mercoledì)

Che cosa è successo di preciso nel brevissimo lasso di tempo intercorso da quando ho alzato il sedere dal divanetto a quando ho incrociato lo sguardo di Monica, non saprei dirlo con precisione. Ma la sensazione, quella sensazione che ho provato quando i nostri occhi si sono incontrati, quella si, quella la ricordo bene. Era una sensazione che mi avvisava che stavo per essere fottuto, perché dal momento in cui i miei occhi hanno incontrato i suoi la mia vita sarebbe cambiata. E' successo come nei film. Tutto intorno a noi ha iniziato a funzionare al rallentatore. Le cose e le persone che ci stavano intorno sono sparite e al centro della scena c'eravamo soltanto noi. Io e lei. Ed il brivido che mi attraversava, che mi bloccava la gola, non era a senso unico ma aveva un'andata e un ritorno. Le sensazioni che provavo io le stava provando anche lei. Sono cose che si capiscono queste. Sono cose che si intuiscono.

Ed io lo intuivo dal modo in cui lasciava cascare i suoi occhi dentro i miei. Dalla serenità del suo visto e dai gesti lenti della mano che anticipavano il mio arrivo. Eravamo in simbiosi. Sintonizzati sulla stessa lunghezza d'onda. Ne ero sicuro. Stavamo guardando lo stesso film. Anzi ne eravamo gli attori protagonisti. E la sceneggiatura della nostra storia sarebbe stata candidata all'Oscar.

Ho camminato verso di lei al rallentatore e ho notato il suo sguardo che per qualche secondo si è spostato dal mio e si è rivolto a quello della sua amica che le sedava accanto. I suoi occhioni da cerbiatta hanno incrociato quelli dell'amica e hanno detto:

"Ecco vedi, sta arrivando l'uomo che aspettavo. Quello di cui ti ho sempre parlato".

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Mauro Righi

Mauro Righi nasce a Sesto S. Giovanni (MI) il 26 gennaio 1974, lavora come Area Manager nel settore delle telecomunicazioni.
Ha scritto la sua prima poesia nel 1982, quando frequentava la quarta elementare, sei anni più tardi ha deciso di fare della scrittura il suo passatempo preferito. Ha scritto diversi racconti e poesie e ha realizzato una sua Home Page http://space.tin.it/arte/kegar. Ha collaborato con diversi siti Internet di letteratura realizzando interviste, articoli e curando le rubriche di poesia. Alcuni suoi racconti sono stati pubblicati da riviste del settore e in antologie. Oltre ai racconti, ha al suo attivo i romanzi Anche a Buddha piaceva il blues e L'anima sulla strada ancora in cerca di editore.
Nel mese di ottobre '99 si autoproduce insieme all'amico e quasi omonimo Mario Frighi, la raccolta di racconti Intrighi con la quale vince diversi premi letterari.
A marzo 2004 fonda insieme ad altri amici gli O.P.M. (Organismi Poeticamente Modificati) un gruppo di scrittori, poeti, musicisti ed attori, con i quali realizza una serie di performance poetico musicali.
Dal dicembre 2003 collabora con il sito dadam@g (www.dadamag.it) occupandosi della sezione poesia.

:: Testi recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 55 millisecondi