2004
1
Ott

L'attimo dormiente

Commenti () - Page hits: 1450

Perchè si prenda una decisione, a volte, è difficile a dirsi. La si può prendere così, per caso. E così, per caso, un giorno, l'attimo decise di non fuggire più. Stanco di correre in eterno, di essere inseguito, di venir chiamato sempre e ovunque (“Un attimo, un attimo!”, “Un attimino”), decise di fermarsi.

Per farlo, e questo anche voi lo capirete, scelse una bella giornata: temperatura gradevole, brezza leggera, cielo azzurro. Si sdraiò al sole, finalmente tranquillo e senza ansia, talmente rilassato che neppure la cervicale lo tormentava più. Ed era così beato, così sereno e soddisfatto, da sembrare l'essenza della felicità. Non appena si fu coricato, ogni persona in questo mondo, reale non so quanto, pensò: eccolo, è l'attimo che aspettavo! Sembra un fiore del Paradiso, e io posso coglierlo davvero! Ma nessuno fece in tempo a muovere il primo passo: l'attimo chiuse gli occhi ed ogni cosa in questo mondo, reale perchè matto, si fermò. L'acqua nella fontana, sotto l'ala degli uccelli il vento, l'onda del mare sulla riva, nella mente dell'uomo i sogni. E non dimenticate che gli occhi, quell'attimo, li chiuse per cent'anni. Mese più, mese meno. Per cent'anni il sole arse i prati, gli uccelli non deposero le uova, l'acqua non sprizzò dalle sorgenti, dai sogni la realtà non prese forma. La terra inaridì e i suoi abitanti ancor di più. Passato quel secolo, l'attimo infine si svegliò, così, per caso, e gli effetti della sua pigrizia non gli sfuggirono. La Terra era ferma. E lui si era fatto rigido, duro, fragile come un cristallo di zucchero o di ghiaccio, che con un niente si frantuma. Questa non è vita, pensò l'attimo. E la cambiò, perchè pazzo non era: in un attimo tornò a scorrere, come sciroppo dal tronco dell'acero, come acqua nel letto del fiume.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
:: Testi recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 41 millisecondi