2004
1
Ott

Osvaldo

Commenti () - Page hits: 1200
Osvaldo guardava i piccioni che si riunivano a frotte ai suoi piedi per accaparrarsi tutte le briciole di pane secco che gettava dalla panchina. Doveva ancora comprare il pane per la sera e il giorno dopo, ma poteva permettersi ancora qualche minuto lì. Almeno i piccioni gli erano di compagnia, gli erano simpatici. Al negozio il vecchio fornaio, amico da una vita, gli dava sempre un mezzo filone di pane casereccio, che si sbriciolava facilmente. E ne era soddisfatto, così avrebbe avuto di che sfamare i suoi amici al parco, l'indomani. Già, domani. Come ogni giorno, domani si sarebbe svegliato di buon'ora, lavato e sbarbato. Sarebbe uscito e, dopo la colazione al bar del paese, con il solito caffelatte, sarebbe andato al cimitero, a trovare la moglie e il fratello. Verso ora di pranzo andava in trattoria, dove i soliti attempati compaesani lo avrebbero accolto col consueto “'Ongiorno sor Osvà!”, prima di tornare ai loro chiacchiericci e ai loro tornei di briscola. La solita minestrina di pomodoro, con un piatto di formaggio fresco. Pagato il conto, sarebbe poi rientrato a casa e, prese le molliche di pane con cui aveva riempito col tempo un sacchetto di carta, ne sarebbe uscito di nuovo. Avrebbe fatto la sua solita passeggiata lungo il fiume e si sarebbe ritrovato lì, sulla sua panchina, coi suoi piccioni. Almeno gli erano di compagnia, si disse. E poi, come ogni sera, sarebbe rientrato a casa, avrebbe cenato con un uovo e qualche pomodoro. Poi, seduto sulla poltrona di fronte alla finestra che dava sulla valle, avrebbe letto per l'ennesima volta la parabola del “figliol prodigo”, e avrebbe guardato e sperato, da quella finestra, che fosse quella la sera tanto attesa. Finchè non si sarebbe addormentato sulla poltrona.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
:: Testi recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 54 millisecondi