2004
1
Ott

La sentirò di nuovo

Commenti () - Page hits: 1250

Sono emozionato. Dopo tanti anni, tanti anni da sembrare insopportabili, la sentiro' di nuovo.
Ma oggi ho deciso: prendo il telefono, supero quello stato di ansia che mi prende quando faccio qualcosa di irragionevole e pericoloso e la chiamo.
Se mi rispondera' lei, diro' semplicemente: "ciao, sono Marco, ti ricordi di me?"
E gia' conosco la risposta, lei si ricorda benissimo... lei conosce bene il suo Marco, hanno vissuto una breve vita assieme e niente nel seguito degli anni lo ha mai sostituito....
Ma non mi aspetto certamente un grande calore. Solo circospezione e qualche ammissione accompagnata (lo so anche se non lo vedo) da un vago rossore sulle guance lentigginose.
In quei pochi attimi dovro' riordinere i pensieri, decidere cosa dire e cosa tacere. Quanto aprire il cuore e quanto lasciar capire. Oppure quanto proteggere e difendere.
E' pericoloso, con una donna cosi', abbandonarsi fiduciosi. Lei in mano ha un coltello ed e' il peggiore dei coltelli: quello dell'amore.
Ma... via! Ora basta con queste esitazioni! Se devo vivere davvero, non posso certo stare a speculare sui sentimenti e sulle paure. Vada come vada... tutt'al piu' mi rispondera' "Marco chi?" Allora buttero' giu' il telefono e buona notte! Tutto come prima.
Ecco. Ora la chiamo. Ho cercato nervosamente il numero sull'elenco. Squilla.
Mi risponde proprio lei:
"Pronto?"
"Ciao, sono Marco, ti ricordi di me?"
"Certo che mi ricordo... quanto tempo! Come stai?"
"Bene, mamma!"

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
:: Testi recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 50 millisecondi