2004
1
Ott

La Signora

Commenti () - Page hits: 1400
Anche i pochi che non lavoravano per Lei, dopo tanti anni passati a sentirla chiamare “La Signora”, avevano preso a chiamarla così. Erano passati dodici anni dal suo ritorno e trentuno da quanto era partita.
Figlia, di madre orfana e vedova, sorella maggiore di altre cinque bocche, senza istruzione per via dei fratelli, di lavoro, anche se c'è ne fosse stato, non l'avrebbe trovato mai. Era partita, a lavorare in Europa, prima che anche il suo paese diventasse Europa. Di lavoro ne aveva trovato tanto, da farne due, tre alla volta e tutti a dire che sembrava un mulo dal tanto lavoro, malgrado lei si sentisse in vacanza, avendo iniziato a svezzar fratelli a neanche quattr'anni.
Lavorando in fabbrica di giorno, nei pub di notte e di fine settimana nei ristoranti, s'era fatta qualcosa da poter spendere. Si vestiva però, bene e con due lire, e d'uscire non le andava, che una birra e una pizza le costavano quanto quasi un ettaro di terra a casa sua. C'aveva la terra, quella grassa del suo paese, nella testa e nel sangue e già con il primo stipendio ne comprò un pezzetto e di soldi a casa non ne mandò mai perché, già dopo pochi mesi, i fratelli e la madre presero a mangiare lavorando la terra che andava comprando.
Un ettaro al mese per 19 anni di lavoro, più le tredicesime, le ferie mai fatte, la liquidazione, le mance, i tre per due e i vestiti al mercato; la terra che naturalmente si fa altra terra, fino ad averne tanta da dover pagar un esercito di gente per non farla andar in malora. Così era diventata La Signora, che ora a sentirselo dire, dopo anni a sapersi pensata puttana, perché era bella e straniera e per la strada sorrideva per sembrare riposata; le veniva da ridere, che non lo era stata che poche volte e solo per i trattori.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
:: Testi recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 50 millisecondi