:: Home » Testi » 2004 » Ottobre
Sezioni: In Xanadu (109) Narrativa (1)
In Xanadu | Mirco è già fuori, sulla bici, un piede sul pedale e uno sulla ruota del Ford di suo padre.Guarda l'orologio nella macchina e sputa in terra.Arrivo io, poi France che si tocca e saltella. S'abita in discesa. In fondo alla discesa lo stop, e le macchine... | 1/10/2004
Commenti ()
In Xanadu | Intervista alla mamma e alla zia [ sui tempi di guerra Dio, patria, lavoroIl nonno, dalla prigionia, scrive due righi [ alla nonna: "non dimentico, dopo che si torna come da cent'anni a un bacio, ci puoi fare un altro bambino" Come volano da due rive... | 1/10/2004
Commenti ()
In Xanadu | È dura crescere quando sei povero. E ancor più dura è crescere quando sei un bambino povero in un mondo che diviene consumista. Ed io ero una bambina povera in una società che cresceva cinica. Andavo a scuola, prima elementare nell'ottobre dell'80. Non... | 1/10/2004
In Xanadu | -Deve essere la più bella di tutte!-Mamma, non voglio mancarti di rispetto…ma insomma non mi sembra poi così importante!-Ti dissi ch'avi a essiri a 'cchiù bedda!-Ok, ok; ma non alzare la voce e soprattutto non parlare in dialetto, ti prego.-E... | 1/10/2004
In Xanadu | Sveglio.Ancora, ancora una maledetta volta.Appena sveglio già in ritardo, i buoni propositi che svaniscono come neve al sole, una lista di impegni a cui terrai fede solo per metà.Ed è strano, ti dici, come il tempo muti alcuni ricordi rendendone il... | 1/10/2004
In Xanadu | …così com'era venuta, improvvisa si sciolse la nebbia, mentre un alito gelido gonfiò alte le vele. Si scosse gemendo la nave tra i flutti mentre noi marinai restavamo stupiti, chè mai mare era parso più strano. Dal blu del cobalto, trasmutò l'acqua in... | 1/10/2004
In Xanadu | Fumi d'incensi. Marmi rossi.Affreschi d'alberi e cieli.Lucerne; mobili penombre.Grande vasca di marmo verde. L'acqua serpeggia riflessi rubino. Come gonfio cadavere d'ippopotamo, Caio Flavio fuoriesce dall'acqua. Calvo, le palpebre socchiuse. Si vive... | 1/10/2004
In Xanadu | Il bambino si avvicinò al ragazzo steso sul grande prato, all'ombra di un albero.“Che fai?”, chiese.“Niente… penso”, rispose il ragazzo.“E a che pensi?”“Non lo so… penso al mondo, alla vita. Roba così”. Il ragazzo fece un gesto d'impazienza.“Perché?”,... | 1/10/2004
media 5 dopo 1 voti
media 2 dopo 1 voti
media 5 dopo 1 voti
Narrativa | Primavera, Aprile. Anno imprecisato.   Il cielo era magnifico, libero da nuvole al centro, velato appena nella parte inferiore da uno strato sottile di polvere luccicante. Stelle a grappoli, e onde lievi a levigare il grande cristallo: la luna si... | 11/10/2004
Commenti ()
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 310 millisecondi