2004
1
Ott

Un uomo di un altro tempo

Commenti () - Page hits: 1300

Non aveva il becco di un quattrino. Mica perché convinto del dire, di chi ne dispone, che non offrano felicità. Semplicemente perché lui nulla aveva. Semmai interpretava, rappresentava, usava.

Lui non aveva un lavoro, lo faceva. Non aveva casa, la abitava. Solo di una cosa ammetteva e rivendicava il possesso. Del suo tempo. Che sarebbe pure stato (forse!) soggetto ad un termine, ma lui non pativa l'ansia di consumarlo preferibilmente entro la scadenza. Però di quel tempo, del suo tempo, era geloso. E quasi ossessivamente possessivo. Quindi lo attraversava come meglio gli uzzolava. Tanto che pareva lo sprecasse. E in fondo quello era il suo cruccio nascosto. Invece di usarlo producendo valore per il civile consesso, o riproducendo dolore per un nuovo tempo, lui scialava il suo tempo. Dormiva, leggeva, passeggiava, scriveva, dipingeva, andava in bici, cucinava. A volte in compagnia di pochi altri randagi pari suo. Tutto ciò per il solo esclusivo piacere di giocare col tempo. Magari di giocare il tempo.

Un giorno, mentre correva in tondo in senso antiorario, cercando d'ingannare il tempo, la vide. Ascoltava musica e coglieva bacche lungo i sentieri del parco. Sembrava che anche lei non rincorresse il tempo. Che pure in un momento sarebbe passato come verdure. Si annusarono in un istante. Li sfiorò appena il pensiero di essere in ritardo. Si rassicurarono valutando la tradizionale saggezza che sconsiglia a chi ha tempo l'attesa. Quindi, essendo arrivati appena in tempo, decisero di non perderne.

Da quel giorno non ebbero altro tempo che il loro. Da sprecare insieme in giorni senza tempo.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
:: Testi recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 32 millisecondi