2005
20
Set

D i VINO J AZZ FESTIVAL

di
Commenti () - Page hits: 950

Musica, cultura e gastronomia

s’incontrano in un'ambientazione di grande suggestione,

dal 22 al 25 settembre va in scena a Torre del Greco

la seconda edizione del DiVino Jazz Festival.

Prenderà il via giovedì 22 settembre la seconda edizione del DiVino Jazz Festival. La rassegna diretta da Gigi Di Luca è organizzata dall’ Ethnos Club in collaborazione con la cooperativa La Bazzarra e il sostegno della Regione Campania – Assessorato alle Attività produttive e all’ Agricoltura, della Provincia di Napoli – Assessorato al Turismo e Sviluppo, del Comune di Torre del Greco – Assessorato alle Politiche degli Eventi, dell’E.R.S.A.C. e della Costiera dei Fiori, con il patrocinio del Patto Territoriale “Il Miglio d’Oro” e dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio.

Il festival si terrà per quattro sere (22-25 settembre) nell’affascinante area degli ex Molini Meridionali Marzoli (via Calastro), uno dei luoghi più suggestivi della città di Torre del Greco. Durante tutto il periodo di svolgimento, l’area sarà aperta al pubblico sin dal pomeriggio con numerose proposte culturali quali: presentazioni di libri, incontri, seminari, conferenze, proiezioni a ciclo continuo di video e documentari, nonchè mostre fotografiche e di arte contemporanea ed estemporanee di pittura. Questa seconda edizione si presenta ricca di eventi, caratterizzata dall’incontro tra il jazz e la canzone d’autore, la musica argentina e la poesia. Il programma prevede quattro concerti, uno per sera, e degustazione di vini della Campania, a cura dell’ERSAC, e della Sicilia (saranno presenti le aziende Donna Fugata, Firriato, Calatrasi) oltre a vari eventi nelle vinerie dell’area vesuviana.

Apertura affidata al jazz classico di Fabrizio Bosso, uno dei migliori trombettisti italiani, dotato di grandissima tecnica, sensibilità e padronanza dello strumento, in quartetto con Luca Mannutza al pianoforte, Luca Bulgarelli al contrabbasso e Lorenzo Tucci alla batteria.

Venerdì 23 settembre sarà, invece, la volta di Maria Pia De Vito, Enzo Pietropaoli e Danilo Rea alle prese con “So Right” tributo a Joni Mitchell. Questo progetto, nato alcuni anni fa quale omaggio alla grande arte di Joni Mitchell, ha poi preso strade autonome, proponendosi oggi come una sorta di profonda analisi sul tema “canzone” in rapporto con l’entourage della musica “intelligente”.

L’amico di Cordoba, ovvero Peppe Servillo, Natalio Mangalavite e Javier Girotto andrà in scena sabato 24. I tre musicisti presentano un progetto ispirato al tango di Piazzolla, a Jobim, al jazz e alla canzone d’autore italiana. L’amico di Cordoba unisce l’anima sudamericana con quella mediterranea, in cui la latinità dei protagonisti è il filo conduttore di una fusione di stili e di emozioni.

La chiusura del festival sarà affidata a Stefano Benni e Umberto Petrin che proporranno, in esclusiva a Torre del Greco, l’anteprima nazionale di “Misterioso - Viaggio intorno a Thelonious Monk”, un omaggio al pianista più rivoluzionario della storia del jazz a vent’anni dalla sua morte. Stefano Benni, scrittore e poeta, suo grande ammiratore, lo ricorda in un reading che riunisce citazioni dalla biografia del grande pianista e da Allen Ginsberg, e suoi originali. La voce intensa del poeta si incrocia con il pianoforte di Umberto Petrin, massimo esecutore italiano di Monk.

Molto contenuto il prezzo dei biglietti per assistere ai concerti: 5 euro la prima sera e 10 euro per le serate successive comprensivi di un bicchiere (col logo del festival) e tre degustazioni di vini offerti dall’ERSAC e dal DiVino Jazz. Le classiche sedie da concerto per gli spettatori saranno sostituite da tavolini da bar con sedie e candele, per ricreare un jazz club all’aperto e far gustare agli spettatori musica e vini di qualità. Un incontro tra il vedere e il sentire, tra l’ascoltare e il gustare . Il Divino Jazz Festival, inoltre, fa parte del coordinamento dei festival jazz realizzato dalla Provincia di Napoli

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
::
È nata a Montecchio Emilia (RE) nel 1980, ma risiede da sempre in provincia di Parma. Laureata in lettere classiche presso l’Università degli Studi di Parma con una tesi in Storia del Teatro e dello Spettacolo dedicata alle riscritture del mito di Antigone, è attualmente dottoranda in discipline teatrali e cinematografiche presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Collabora con alcuni siti internet dedicati a letteratura e teatro, con un’agenzia letteraria e con un mensile locale. Da sempre interessata all’universo della scrittura e all’editoria, si è recentemente qualificata al primo posto nel concorso Storie a Mezzogiorno (sezione narrativa). Autrice della post-fazione al libro di Fortuna Della Porta IO CONFESSO, sta attendendo l’uscita del suo primo racconto nell’antologia dal titolo Piccole Storie, edizioni La Chiave.
:: Eventi recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 49 millisecondi