:: Home » Eventi » 2005 » Agosto
2005
29
Ago

Due giorni per raccontare la città di Modena

di
Commenti () - Page hits: 1050

01.Due giorni per raccontare la città di Modena

Il 7 e 8 ottobre un fine settimana all’insegna della narrazione: oltre venti appuntamenti gratuiti tra passeggiate narrative, visite d’autore, concerti e spettacoli per bambini.

Tra i protagonisti Subsonica, Afterhours, Edmondo Berselli e Manlio Brusatin

Samuel dei Subsonica, Manuel Agnelli degli Afterhours, i Perturbazione, il giornalista Edmondo Berselli, l’architetto e storico delle arti Manlio Brusatin, lo scrittore e musicista Emidio Clementi: sono solo alcuni degli ospiti della manifestazione Due giorni per raccontare la città, in programma a Modena il 7 e 8 ottobre 2005: oltre venti appuntamenti gratuiti, disseminati in vari punti della città e distribuiti nell’arco dell’intera giornata, tra passeggiate narrative alla scoperta dei monumenti e degli angoli più suggestivi, visite condotte da personaggi illustri e itinerari inusuali. E ancora: interventi musicali, “percorsi dell’assenza”, proiezioni e spettacoli di burattini, fino a comporre un programma per tutti i gusti e tutte le età

Filo conduttore della manifestazione, promossa da Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e HoldenArt in collaborazione con il Comune di Modena, sarà la narrazione, in tutte le sue molteplici sfaccettature. Per due giorni sarà possibile riscoprire la città ripercorrendo la storia di monumenti talmente familiari al punto che quasi non li si nota più, riappropriandosi della capacità di guardare con curiosità e voglia di conoscere. Un’opportunità in più per i modenesi, che vivono e lavorano quotidianamente tra questi luoghi; un’ottima occasione per i turisti e i nuovi visitatori, che potranno accostarsi alla città di Modena da un prospettiva inedita e originale qual è quella di chi si ferma ad ascoltare, o a leggere, una storia.

Ogni giorno si svolgeranno passeggiate narrative, condotte da studenti universitari che in maggio hanno frequentato un apposito corso di formazione; ci saranno anche visite narrate d’autore, e itinerari insoliti, come il “percorso dell’acqua” e il “percorso delle assenze”. Le giornate si concluderanno con l’intervento di narratori eccellenti (musicisti, cantanti, scrittori, architetti, attori) concentrati nelle due serate.

A fare da cornice alle narrazioni sarà un gioco di racconti e aforismi realizzati nel corso di un cantiere di scrittura che si è svolto, sempre nell’ambito della manifestazione, lo scorso giugno e che i modenesi troveranno affissi sulle pareti della città. Infine, raccontare una città vuol dire ascoltare tutte le voci che la compongono, quindi anche i cittadini stranieri che la abitano. In questo senso HoldenArt ha progettato anche un laboratorio di narrazione rivolto agli stranieri che vivono a Modena, in collaborazione con il Comune, e che produrrà come risultato narrazioni itineranti per la città.


02.TUTTI I PROTAGONISTI DELLA “DUE GIORNI”

Manlio Brusatin , storico delle arti e architetto, insegna all'Università Ca' Foscari di Venezia e al Politecnico di Milano. Tra le sue pubblicazioni, Einaudi ha in catalogo: Storia dei colori, Storia delle linee e Storia delle immagini ("Piccola Biblioteca Einaudi Ns"), Arte della meraviglia, Venezia nel Settecento: Stato, architettura, territorio ("Saggi"), L'arte dell'oblio ("Saggi").

Alfonso Cipolla , drammaturgo e critico teatrale, insegnante, studioso di teatro tra Otto e Novecento ed in particolare di teatro popolare, marionette e burattini, ha partecipato a numerosi convegni e ha pubblicato saggi presso Electa, Garzanti e la Fondazione Mondadori.

Con Giovanni Moretti ha fondato e dirige l’Istituto per i Beni Marionettistici e il Teatro Popolare, curando la realizzazione di numerose mostre e pubblicazioni.

Alberto Jona è musicista e uomo di teatro, ha svolto attività concertistica in Europa e Stati Uniti, ha pubblicato saggi sul teatro del Settecento e la musica del primo Novecento. Dagli anni Novanta si occupa di organizzazione teatrale, dirige il Festival Incanti a Torino e collabora con la compagnia Controluce. Ha fondato con Alessandro Baricco e Antonella Parigi nel 1994 la Scuola Holden. Attualmente è presidente del Centro Studi Holden e Direttore di HoldenArt-formule di narrazione.

Edmondo Berselli, nato a Campogalliano in provincia di Modena, è editorialista de La Repubblica e dell’Espresso ed è direttore della rivista Il Mulino di Bologna.Ha pubblicato nel 1995 il volume “L’Italia che non muore” e un saggio sull’eccentricità, “Il più mancino dei tiri”, dedicato al calciatore dell’Inter Mariolino Corso. Con il suo libro "Canzoni" ha tracciato un ritratto della società italiana dagli anni 50 ad oggi attraverso la musica leggera.È stato finalista del premio Estense con “Post Italiani”. Il suo ultimo libro è “Quel gran pezzo dell’Emilia”, edito da Mondadori.

Giovanni Moretti , attore con esperienze di teatro, radiofonia, televisione, cinema. È stato socio e attore del Teatro Della Dieci, ha fondato il Teatro dei Burattini di Torino, diventato poi il Teatro dell’Angolo. Negli ultimi anni si è costruito un repertorio evocatore di grandi personaggi del teatro e della cultura: Pirandello, Leopardi, Benjamin, D’Annunzio ed Eleonora Duse, su cui ha pubblicato saggi per la Storia del teatro di Einaudi.

Michele Di Mauro , attore e autore, ha fondato la Compagnia I soggetti con i quali gestisce il Circolo D’Arte Varia Mario Dravelli, ha fondato la scuola di teatro T.N.T (Teatro Non Teatro) organizzando spettacoli e s stagioni teatrali. Ha collaborato con il Teatro Stabile di Torino e con la Compagnia Teatro Settimo. È stato protagonista di numerosi spettacoli teatrali e di film. Ha condotto il progetto teatro della Scuola Holden e ha partecipato in veste di attore e autore a numerose trasmissioni di Radio Due.

Luca Massimo Barbero , studioso ed esperto d’arte moderna e contemporanea, è uno dei più interessanti critici e curatori nel panorama della critica nazionale. Tra i numerosi incarichi istituzionali ricoperti: dal 1995 è consulente artistico per il Comune di Vicenza ed è responsabile per la catalogazione delle opere di arte moderna e contemporanea, dal 1996 è Vicepresidente esecutivo del Guggenheim International Circle e dal 1998 al 2002 è Presidente della Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia. Attualmente è Associate Curator della Guggenheim Collection di Venezia e curatore per le mostre organizzate dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena. Ha ricoperto incarichi didattici presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia, l’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, la Scuola Holden e l’Accademia di Belle Arti di Perugia. Consulente di eventi artistici, ha curato importanti mostre e cataloghi di artisti contemporanei quali Fontana, De Pisis, De Chirico, Savinio, Bonalumi e numerosi altri.

Romano Danielli , burattinaio, si è perfezionato nell’interpretazione delle maschere: Fagiolino, Sganapino, Sandrone, Pantalone, Dottor Balanzone, (questa maschera l’interpreta con successo anche in persona).

Scolpisce personalmente le sue teste di legno e dipinge i fondali per il suo teatrino. Fin da ragazzo ha affiancato al primario impegno di burattinaio, quello d’attore di prosa e negli ultimi anni, anche di regista. Nel 1977 ha fondato una propria compagnia dialettale. Oltre che in gran parte d’Italia, ha avuto la fortuna di portare i suoi spettacoli all’estero.

Dario Piludu , arpista, sperimentatore musicale, docente e sperimentatore di nuove tecnologie, è diplomato in Arpa. Tuttora é presidente e direttore artistico del Centro Sardo Studi e Ricerche, struttura attiva nel campo della didattica e della sperimentazione/ricerca. Ha fatto parte di diversi Ensemble di musica da camera. Nel corso degli anni ha spostato la sua attenzione verso tecniche arpistiche di sperimentazione per dirigersi verso una sperimentazione anche di tipo elettronico. è fondatore e direttore del Experimento Ensemble che dal 1995 opera nel campo della sperimentazione elettroacustica. Collabora con artisti dell’area visiva. Ha registrato per la Rai Radiotelevisione Italiana,Radio France, per la Radio Tedesca , per la Radio Spagnola

Giampiero Rigosi , nato a Bologna, è autore di testi teatrali, sceneggiature per cinema e televisione, canzoni, e insegnante presso seminari e laboratori di scrittura. È tra i fondatori della rivista Incubatoio 16, è socio fondatore dell'Associazione Scrittori di Bologna e membro dell'Associazione Internazionale Scrittori di Polizieschi.Ha pubblicato per theoria "Dove finisce il sentiero" (1995) e la raccolta di racconti "Chiappe da Apache", "Come le nuvole sopra Veracruz" (Moby Dick, 1998), "Lola a caccia" (Adnkronos Libri, 1999). Nel 2000 ha pubblicato "Notturno bus" (Einaudi, collana Stile Libero Noir), nel 2002 ha pubblicato insieme a Carlo Lucarelli ed Eraldo Baldini "Medical Thriller" sempre per Einaudi..
Ha inoltre curato un laboratorio di scrittura creativa all'interno della Casa Circondariale di Bologna.

Luca Scarlini si occupa di drammaturgia contemporanea, scritture per musica e letterature comparate. Ha tradotto opere di narrativa, saggistica e teatro inglesi e francesi, tra cui alcune di Gore Vidal. È autore di saggi su teatro e letteratura ( La musa inquietante. Il computer e l'immaginario contemporaneo ) ed è tra i curatori dell'opera di Giorgio Manganelli. Insegna presso la Scuola Holden e collabora con vari teatri in Italia e Inghilterra.

Il gruppo Odhecaton deriva il suo nome da Harmonice Musices Odhecaton, prima edizione di musica, pubblicata a Venezia da Ottaviano Petrucci nel 1501. Il repertorio d’elezione di Odhecaton (che significa «cento canti») è rappresentato dalla produzione musicale di compositori italiani e fiamminghi attivi in Italia tra Quattro e Cinquecento. L’ensemble vocale ha realizzato (nelle parole della rivista francese Diapason) una “entrée fracassante” nel mondo della polifonia rinascimentale, avendo ricevuto, nello spazio di soli quattro anni, le maggiori distinzioni discografiche per ognuno dei tre cd che ha prodotto, ed eccellenti critiche da parte di riviste specializzate di tutta Europa.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
::
È nata a Montecchio Emilia (RE) nel 1980, ma risiede da sempre in provincia di Parma. Laureata in lettere classiche presso l’Università degli Studi di Parma con una tesi in Storia del Teatro e dello Spettacolo dedicata alle riscritture del mito di Antigone, è attualmente dottoranda in discipline teatrali e cinematografiche presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Collabora con alcuni siti internet dedicati a letteratura e teatro, con un’agenzia letteraria e con un mensile locale. Da sempre interessata all’universo della scrittura e all’editoria, si è recentemente qualificata al primo posto nel concorso Storie a Mezzogiorno (sezione narrativa). Autrice della post-fazione al libro di Fortuna Della Porta IO CONFESSO, sta attendendo l’uscita del suo primo racconto nell’antologia dal titolo Piccole Storie, edizioni La Chiave.
:: Eventi recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 92 millisecondi