:: Home » Eventi » 2005 » Giugno
2005
8
Giu

Una Vita – Sindrome di Bau

di
Commenti () - Page hits: 1000

AL VISIONARIO:

Guido Scarabottolo

Una Vita – Sindrome di Bau

FINO AL 10 SETTEMBRE A UDINE

Fino a sabato 10 settembre il Visionario “soffrirà” felicemente di sindrome di Bau…

P arallelamente alla pubblicazione del libro Guanda “Una Vita. Romanzo Metafisico” una grande mostra in due atti con i disegni, le illustrazioni, gli oggetti creati da Guido Scarabottolo.

Visionario - Saletta Abside

I atto: UNA VITA: raccoglie le sue più belle illustrazioni pubblicate nell’arco di una carriera poi trasformate in romanzo;

Visionario – Sala espositiva

II atto: LA SINDROME DI BAU: stampe, incisioni, sculture, oggetti e video per delineare una traccia del processo creativo di Scarabottolo;

fino al 10 settembre (negli orari delle proiezioni cinematografiche)

un progetto curato dal Centro per le Arti Visive in collaborazione con il Centro Espressioni Cinematografiche;

con il supporto del Comune di Udine e della Banca Popolare Friuladria

Udine - Dopo le mostre di Mattotti (2002) e Toccafondo (2003), il Visionario/Centro per le Arti Visive e il Centro Espressioni Cinematografiche si ammalano di sindrome di Bau!

Bau è il soprannome di Guido Scarabottolo il primo degli artisti italiani del post digitale. Architetto per formazione, illustratore per elezione, grafico per conseguenza, Scarabottolo (universalmente noto come “il Bau”, nasce il 25 luglio 1947 a Sesto San Giovanni) inizia quindi a disegnare (come a camminare) a Milano immergendosi in un ambiente creativo e stimolante che sconfinava nel mondo dell’editoria, della pubblicità, dell’architettura. Da quel momento, oltre agli editori Einaudi, Rizzoli, Mondadori, II Saggiatore e Guanda collabora, con disegni di epica concisione - umoristici e realistici insieme - a una ventina di testate: “Internazionale”, “L'Unità”, “Corriere della Sera”, “L'Europeo”, “Linea d'ombra”, “Ventiquattro”, “Alias”. Lavora per le principali agenzie pubblicitarie, in televisione per Rai Tre e dal 1982 espone in collettive in Italia e all'estero… Le tappe del suo percorso artistico non servono altro che a confermare il fatto che Scarabottolo sia un artista unico, inimitabile. Il motivo è semplicemente detto: le sue doti sono la levità, la sintesi, l’ironia, la ricchezza inesauribile del suo fantasioso e coloratissimo immaginario d’artista. Scarabottolo, illustratore post digitale, ama disegnare con il computer; la sua matita elettronica, diventa per lui uno strumento per creare immagini a strati invisibili, sovrapposti; si trasforma in un mezzo per scombinare e rimontare una realtà disegnata che appare sempre in tutta la sua forte struttura narrativa. Oltre a disegnare Scarabottolo infatti racconta e si diverte come un bambino a manovrare oggetti e figure in ambienti surreali, statici, quasi mosso da uno stimolo oramai assai raro da ritrovare nell’uomo: la meraviglia. I suoi disegni, le sue illustrazioni vanno guardati con calma, osservati senza fretta, scoperti piano piano, centimetro dopo centimetro. La dimensione apparentemente dimessa e minimale del suo universo iconografico nasconde infatti una rara sapienza nel tracciare lo spazio, una spiccata attitudine a colloquiare utilizzando mezzi e materiali al limite della povertà e una fantasiosa capacità di tradurre le parole in originali segni narrativi che colgono il contenuto nodale di ogni messaggio.

E ce ne saranno 143 di disegni di Guido Scarabottolo al Visionario. Nati come illustrazioni per giornali copertine di libri, brochures istituzionali e persino annunci pubblicitari, questi disegni, esposti senza didascalie, saranno visibili in un allestimento curato da Giovanna Durì per conto del Centro per le Arti Visive in collaborazione con il Centro Espressioni Cinematografiche. La mostra è resa possibile dal sostegno del Comune di Udine e dal prezioso supporto della Banca Popolare Friuladria .

Si tratta di disegni che in realtà “non esistono” (sono stampe digitali da files generati quasi completamente al computer), accompagnati non da un catalogo, ma dal romanzo “Una Vita. Romanzo metafisico” (uscito per l’occasione da Guanda, 160 pagine a colori, in libreria da giugno 2005): una graphic novel il cui soggetto è il racconto di un uomo che scompare e denuncia alla polizia la propria scomparsa. Il testo, magnifico, è creato da Giovanna Zoboli a partire dalle più belle illustrazioni di Scarabattolo pubblicate fino a oggi ripensate e ordinate, in questo caso, come fossero una storia. A questa mostra si accompagna una seconda sezione espositiva sempre curata da Giovanna Durì (e posizionata nella saletta Abside del Visionario) che si propone di approfondire invece il processo produttivo (fisico e mentale) dei disegni di Scarabattolo; cioè quella singolare Sindrome di Bau che definisce lo stato di serena confusione mentale scatenato dal tentativo di analizzare informazioni aggressivamente semplici e dal quale sembra fluire la straordinaria creatività dell’artista.

Con lo scopo di fornire le chiavi interpretative di quel processo creativo, questa seconda sezione - una ventina di grandi stampe, accompagnate e corredate da disegni originali, incisioni, sculture, oggetti e video - è accompagnata da un catalogo edito dal Centro Espressioni Cinematografiche con uno scritto di Lilia Ambrosi. Scarabottolo: un artista discreto dal potente potere evocativo e persuasivo in mostra per tutta l'estate !

Luogo Visionario, via Asquini 33, 33100 Udine – tel. 0432/227798

Orari: tutti i giorni dalle ore 15.30 (circa) alle ore 22.00; negli orari delle proiezioni cinematografiche

Per informazioni:

C.E.C./Ufficio Stampa

Via Villalta 24, 33100 Udine

tel. 0432/299545

cec@cecudine.org www.cecudine.org

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
::
È nata a Montecchio Emilia (RE) nel 1980, ma risiede da sempre in provincia di Parma. Laureata in lettere classiche presso l’Università degli Studi di Parma con una tesi in Storia del Teatro e dello Spettacolo dedicata alle riscritture del mito di Antigone, è attualmente dottoranda in discipline teatrali e cinematografiche presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Collabora con alcuni siti internet dedicati a letteratura e teatro, con un’agenzia letteraria e con un mensile locale. Da sempre interessata all’universo della scrittura e all’editoria, si è recentemente qualificata al primo posto nel concorso Storie a Mezzogiorno (sezione narrativa). Autrice della post-fazione al libro di Fortuna Della Porta IO CONFESSO, sta attendendo l’uscita del suo primo racconto nell’antologia dal titolo Piccole Storie, edizioni La Chiave.
:: Eventi recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 58 millisecondi