:: Home » Eventi » 2008 » Dicembre
2008
22
Dic

Il gatto che cadde dal Sole

Commenti () - Page hits: 850

Avete mai immaginato di essere un gatto randagio, e scoprire che cosa significa vivere tra le strade di Roma? Cosa pensereste degli esseri umani e delle loro automobili? Capireste mai il significato di una manifestazione, oppure avreste addirittura delle idee politiche tutte vostre? Credereste mai nell'esistenza di un dio dei gatti, o vi sembrerebbe una semplice storia inventata?

La storia del piccolo Nessuno, il cucciolo caduto dal Sole e adottato da una colonia di gatti randagi, vi mostrerà il mondo attraverso gli occhi di un altro mondo più piccolo, che gli scorre accanto non visto.

Nascosto tra marciapiedi, cassonetti e auto parcheggiate.

Scarica il romanzo completo:

Il gatto che cadde dal Sole - Pdf in formato A4 (1240 Kb)

Il gatto che cadde dal Sole - Pdf per lettori portatili (829 Kb)


(Quasi) tutto quello che volevate sapere su Il gatto che cadde dal Sole.

- Che c'è scritto dentro questo libro? Cioè: di che parla, che genere è... quelle cose lì, insomma:

Il protagonista del romanzo è un gattino randagio che vive per le strade di Roma, ci racconta come funziona la vita dei gatti e piano piano cresce e diventa un gatto grande (ma mica tanto, così magari scrivo il seguito). Nel mezzo c'è una storia di intrighi gatteschi con qualcuno che ha cercato di prendere il potere della colonia, gatti rapiti da uomini cattivissimi e che quando tornano sono diventati un po' strani (i gatti, non gli uomini cattivissimi) gatti anarchici rivoluzionari, gatti atei e gatti mistici, mamme gatto ansiose e poi ancora altri gatti che mo' non mi ricordo.

Il tono è generalmente molto leggero, e se non si fosse capito (anche perché non vedo come sia possibile) i personaggi sono tutti gatti che più o meno mi è capitato di vedere realmente per strada, sotto casa mia.

- Ma perché qualcuno dovrebbe volerlo leggere, scusa?

Non so. Per lo stesso motivo per cui qualcuno vuole leggere un qualsiasi altro libro, credo. E poi magari perché gli piacciono i gatti.

- E se a qualcuno piacciono i cani e non i gatti? E poi oggi vanno di moda i topi e i vampiri, non lo sapevi?

Be', trattandosi di un file digitale chiunque può usare il trova-sostituisci di Word e decidere da sé l'animale che preferisce. Cambiando la parola gatto con qualsiasi altro essere vivente o oggetto inanimato puoi avere la scimmia, la zebra, l'elefante o anche la tartaruga che cadde dal Sole. Magari le scene in cui il cucciolo di ippopotamo si nasconde sotto le auto parcheggiate saranno poco realistiche, ma alla fine non è che i topi parlino o che i vampiri esistano davvero...

- Perché hai scelto di pubblicarlo come ebook? Cioè, non era meglio cercare un editore?

Uhm, no. Io ho pensato che era bello che un libro del genere esistesse come ebook, perché credo nella libertà della cultura e stron... valori etici simili.

- Senti, ma a chi vuoi prendere in giro? Dì la verità, che tanto alla storia che hai scritto qui sopra non ci crede nessuno!

E va bene: la verità è che ovviamente avrei preferito un libro stampato con qualche grosso editore. Solo che nessuno mi ha nemmeno risposto, per cui piuttosto che buttarlo nel cestino di Windows lo metto online gratis.

- Ma perché nessuno te l'ha pubblicato? Si vede che è brutto, no? Cioè, lo sanno tutti che in libreria arrivano solo romanzi di qualità.

Sì. Cioè no, no che non è brutto! Bo', veramente non lo so, o meglio non devo deciderlo io. Io l'ho scritto, l'ho riletto e lo trovo un buon lavoro. Secondo me nessun editore pensa che ci sia un vero mercato per un libro del genere, perché magari ora come ora si vendono altri tipi di romanzi.

A dirla tutta dalle non-risposte che ho avuto non mi pare che nessun editore lo abbia neanche letto, e la cosa è un po' deprimente. Però l'ho fatto leggere anche a tante persone che non lavorano in editoria (credo che il termine corretto sia obbligare gli amici) e mi sembra che il libro piaccia... anche a gente a cui in genere non piacciono le altre cose che ho scritto.

In realtà ho avuto qualche proposta da piccoli e micro-editori, però ho sempre paura che alla fine mi chiedano di pagare le copie invendute o cose del genere... ho avuto veramente esperienze tremende con la micro-editoria, e davvero mi dispiace tanto fare di tutta l'erba un fascio perché so che c'è in giro tantissima gente onesta che lavora con passione, ma mi sento più tranquillo con i miei ebook.

- Che tipo di esperienze negative hai avuto, scusa? Ora mi hai incuriosito!

Uhm... tipo la pubblicazione a pagamento con cui ho venduto zero copie? Comunque la cosa che più mi ha fatto girare le scatole è che nessun mini/micro editore non a pagamento ha mai accettato di valutare i miei primi romanzi. Ne avrò contattati un'infinità, e mi hanno sempre risposto: non pubblichiamo fantascienza. A priori, come se avessi la peste.

- Be', allora adesso gli tieni il muso? Cioè, ti sembra un comportamento razionale?

Veramente no. Però io vedo il blog come la mia personale micro-casa-editrice. Ho un bel po' di lettori, amici che mi commentano e gente che scarica i miei libri. Per cui finché non trovo qualcuno più grosso di me che decide di investire sui miei lavori (come è successo con la Delos Books) sono soddisfatto e vado avanti così.

- Non pensi anche tu che gli autori che si pubblicano da soli con degli ebook, siano un po' degli sfigati?

Veramente sì, lo pensavo anch'io. Poi mi è capitato di leggere degli ebook anche molto belli, e ho capito che non sempre un buon libro è anche un libro che incontra l'interesse degli editori. O magari l'autore è stato semplicemente un po' sfortunato, visto che con tutta la gente che scrive e che manda manoscritti agli editori riuscire a farsi notare è diventato veramente difficile.

- Un'ultima domanda sul tuo romanzo. Hai parlato di un possibile seguito: era una battuta, oppure lo scriverai per davvero nel caso che questo primo ebook si venda... voglio dire: si scarichi bene?

Veramente era una battuta. Comunque mi piacerebbe anche scrivere un'altra storia con gli stessi personaggi, ma non credo che sia possibile. Il gatto protagonista si è montato la testa, e adesso non lavora più in editoria: lavora in televisione, dove vende suonerie per cellulari.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
:: Eventi recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 66 millisecondi