:: Home » Eventi » 2007 » Giugno
2007
25
Giu

FontanonEstate 2007

media 2 dopo 1 voti
Commenti () - Page hits: 1650


ASSOCIAZIONE CULTURALE

ISTITUTO STUDI DELLO SPETTACOLO

TEATRO STUDIO


FontanonEstate 2007

Via Garibaldi altezza Fontanone del Gianicolo

www.fontanone.it

26 giugno- 4 agosto

segreteria e prenotazioni biglietti: 06 58301159, 06 58335760

RIPARTE NEL SEGNO DEL GIALLO L’ESTATE ROMANA AL GIANICOLO

Riparte anche quest’anno FONTANONESTATE. Approfondendo una vocazione che da anni vedeva la programmazione scandagliare diverse anime dello spettacolo, FONTANONESTATE si suddivide in quattro grandi contenitori: la SCATOLA GIALLA, dedicata alla letteratura gialla e al thriller d’autore per la direzione artistica di Riccardo Bàrbera e Roberto Della Casa; TEATRI DAL MONDO, un viaggio attraverso alcune fra le più interessanti proposte del teatro internazionale, con una particolare attenzione ad Austria e Russia, per la direzione artistica di Lydia Biondi;

NEVERLAND ON STAGE: un programma che propone di fondere il meglio della “computer art” e “animation”, dell’immagine di sintesi e della moderna produzione del racconto per immagini con la performance dal vivo di artisti di fama, per la direzione artistica di Enzo Aronica; 900 RADICI E FOGLIE: un viaggio a partire dalla tradizione letteraria e musicale del secolo appena trascorso, verso nuove forme teatrali, direttore artistico Maria Luisa Bigai.

FONTANONESTATE

Manifestazione tra le più prestigiose della Estate Romana, Fontanonestate ha consolidato la fama di rassegna di qualità nel panorama delle manifestazioni estive, capace di offrire spettacoli di un certo richiamo e appuntamenti di nicchia.

L’interesse della manifestazione, la bellezza e la gradevole frescura dei luoghi insieme all’ampio spazio ristoro, (collocato a fianco della Fontana del Gianicolo) hanno fatto di questa terrazza su Roma, un luogo di incontro straordinario per tutti, spettatori , normali avventori romani e stranieri e personaggi dello spettacolo.

LA SCATOLA GIALLA

26 giugno – 5 luglio

prenotazioni biglietti “scatola gialla”: 06 58301159 – 333 6972689

informazioni e prenotazioni corso di scrittura creativa giallo-noir”: Cell. 347.3884463

Direzione artistica: Roberto Della Casa e Riccardo Barbera

Consulenza: Sabina Marchesi per Non Esserci Sarebbe Un Delitto

L’apertura, quindi, sarà all’insegna del giallo con la SCATOLA GIALLA: dieci giorni dedicati al fenomeno giallo-noir che sta sbancando nel mondo dell’editoria italiana e che s’impone ogni anno di più sui palcoscenici dei nostri teatri.

Si inizia il 26 e 27 giugno con LA GIURIA, uno spettacolo che vuole rendere omaggio al grande cinema giudiziario americano di cui è stato maestro Sidney Lumet. Segue il 29 e 30 giugno la riduzione per il palcoscenico di uno dei romanzi più anomali di Agatha Christie: NELLA MIA FINE IL MIO PRINCIPIO (Endless night), campione d’incassi della stagione del Teatro Stabile del Giallo di Roma. Il 2 e il 3 luglio i più fortunati, o meglio i più astuti, parteciperanno con curiosità e qualche brivido al divertente spettacolo-gioco S-CENA CON DELITTO, scritto da Ellery Queen, cui fanno da contrappunto i FUORIONDA di Riccardo Barbera, che evocano l’atmosfera di uno studio radiofonico. Ricchi premi a chi indovinerà l’assassino. E ancora, il 4 luglio, una intera serata dedicata alla SCUOLA DEI DURI, il genere giallo Hard Boiled caro agli scrittori statunitensi, di cui sono capostipiti Raymond Chandler e Dashiell Hammet. Dopo una breve introduzione di Biagio Proietti e Sabina Marchesi e un reading di brani scelti di Chandler, la terribile esperienza in penitenziario vissuta da Hammet verrà rievocata nell’amaro atto unico HAMMET N° 3241 di Biagio Proietti con Walter Maestosi. Conclude la rassegna il 5 luglio un lavoro particolarissimo, a cavallo tra la Storia e la cronaca giudiziaria. Gli Avvocati alla Ribalta guidati da Luigi Di Majo si mettono alla prova davanti al pubblico dei giallisti in Norimberga, rievocando il celebre processo, atti e documenti alla mano…

Contemporaneamente, dal 2 al 5 luglio NonEsserciSarebbeUnDelitto, la scuola fondata da Carlo Lucarelli, Sabina Marchesi e Mauro Smocovich, presenta il Corso di scrittura giallo-noir. Tutti gli appassionati potranno avere un approccio guidato e professionale alla scrittura di genere, sfruttando la rara opportunità di entrare in contatto con gli esperti del R.I.S.

LA GIURIA

26- 27 giugno, ore 21

Di Claudio Boccaccini, liberamente ispirato al film "La parola ai giurati"

Regia di Claudio Boccaccini

con: Felice Della Corte, Paolo Perelli, Silvia Brogi, Antonia Di Francesco, Alcide Pasquini, Luigi Romagnoli, Antonio Blasi, Teresa Di Gennaro, Daniele Serra, Domenico De Santi, Rosalba Giordano, Luna Romani

Costumi di Alessandro Lorenzetti - Luci di Christian Falco Massimini

Un libero riadattamento di uno dei più celebri film della storia hollywoodiana, “La parola ai giurati” (1957) di Sidney Lumet con Henry Fonda.

Dodici persone, di diversa età, origini ed estrazione sociale, sono chiuse in camera di consiglio per decidere del destino di un ragazzo ispano-americano accusato di parricidio. Devono raggiungere l'unanimità per mandarlo a morte, e sembra quasi cosa fatta, visto che solo uno dei giurati è contrario al verdetto di colpevolezza, ma…..

"Innocente fino a prova contraria" e "colpevole senza nessun ragionevole dubbio" sono due concetti-caposaldo del sistema giudiziario anglosassone, che gli conferiscono grande solidità e al contempo anche fragilità.

Un capolavoro concepito all’inizio degli anni ’50, perfettamente costruito, che, oltre alle innumerevoli messe in scena in tutto il mondo, ha avuto anche due diverse edizioni cinematografiche (la prima di Sidney Lumet nel 1957, con Henry Fonda, la seconda di William Friedkin nel 1997, con Jack Lemmon) e ancor oggi non paga il prezzo degli anni trascorsi, e avvince lo spettatore sorprendendolo ed emozionandolo fino all’ultimo istante.

Il Teatro Stabile Del Giallo presenta

NELLA MIA FINE IL MIO PRINCIPIO

29- 30 giugno, ore 21

Di Agatha Christie

Regia di Raffaele Castria

con: Nino D’Agata, Linda Manganelli, Alberto Caneva, Paola Minieco, Patrizio Cigliano, Maria D’Incoronato, Anna Masullo

Personaggi in video: Vincenzo Failla, Francesca Draghetti, Stefano Abbati

Riduzione per il palcoscenico di uno dei romanzi più particolari e anomali di Agatha Christie, “Endless night”, campione d’incassi della stagione 06/07 del rinato Teatro Stabile del Giallo. Un lungo flash back raccontato in prima persona, un mistero senza investigazione, un delitto la cui soluzione verrà rivelata nell’arco di una sola scena in un finale incalzante dal sapore avvincente. Un giallo psicologico e introspettivo, forse l’unico di questo genere della Christie, ma con il consueto colpo di scena a cui la regina del giallo non ha mai saputo rinunciare. Protagonista un ambiguo Patrizio Cigliano e l’incantevole Linda Manganelli. Camei in video di Francesca Draghetti e Vincenzo Failla.

Regia assolutamente attuale con importanti inserti video di Raffaele Castria

S-CENA CON DELITTO

2- 3 luglio, ore 21

radiogiallo interattivo di Ellery Queen con fuori-onda di Riccardo Bàrbera

Regia di Roberto Bonacini

Con Antonio Conte, Annalisa Favetti, Roberto Della Casa, Lydia Biondi, Riccardo Bàrbera, Riccardo Castagnari, Maurizio Romoli, Chiara Gioncardi, Renato Campese, Armando De Ceccon

In scena un gruppo di attori che si ritrova in uno studio radiofonico per registrare un racconto giallo alla Ellery Queen, affiancati dall’indispensabile rumorista. Verrà direttamente coinvolto parte del pubblico, a cui sarà affidato il compito ricostruire gli eventi e di scoprire l’assassino, così da permettere agli attori di terminare la storia. Tra il pubblico presente vengono sorteggiati un certo numero di “giurati” che verranno fatti accomodare in prima fila e solo al momento della interruzione della storia In un clima disteso e conviviale, opportunamente stimolati dal “Commissario” e da i suoi assistenti, dovranno trovare “l’assassino” e il movente, dopo di che gli attori rappresenteranno il finale del racconto …ma chissà se le due soluzioni coincideranno? Lauti pasti in premio ai vincitori.

LA SCUOLA DEI DURI

Ovvero DAL GIALLO CLASSICO AL NOIR

4 luglio, ore 21

Sabina Marchesi (fondatrice con Carlo Lucarelli di “Non Esserci Sarebbe Un Delitto”, giornalista, scrittrice) e Biagio Proietti (sceneggiatore, scrittore, giallista) ci guidano nel mondo letterario di origine statunitense dell’Hard Boiled, ovvero “la Scuola dei Duri”.

Un'intera serata dedicata alla SCUOLA DEI DURI, il genere giallo Hard Boiled caro agli scrittori statunitensi, di cui sono capostipiti Raymond Chandler e Dashiell Hammet

La serata è divisa in due parti.

Una prima parte sarà dedicata a: “CHANDLER” una serie di brani da Raymond Chandler scelti da Sabina Marchesi interpretati da Giuseppe Lorin.

Nella seconda parte assisteremo a“HAMMET N°3241” di Biagio Proietti con Walter Maestosi ovvero la storia di Samuel Dashiell Hammett (1894-1961), uno dei più importanti scrittori americani di sempre, riconosciuto universalmente come l’inventore del genere noir (su di lui nel 1982 Wim Wenders girò uno sfortunato lungometraggio). Lo troviamo in galera, quando, vittima del maccartismo, si ribellò a quello schema a domino che contraddistinse il metodo della Commissione per le attività antiamericane voluta dal Congresso degli Stati Uniti nell’immediato dopoguerra. E’ il giorno della sua liberazione, ma il pensiero è ancora rivolto soprattutto al passato, a ciò che gli è stato privato con la condanna e alle ripercussioni che questa avrà sulle sue opere letterarie, sul suo lavoro. Sta per liberarsi della divisa azzurra da carcerato, ma quel numero che l’ha identificato per cinque mesi, il 3241, rimarrà per lui come un tatuaggio.

Malinconiche parole che la profonda voce di Walter Maestosi, nella parte dello scrittore, distilla poco a poco in un monologo esistenzialista dalle luci soffuse, proprio come se si stesse leggendo un libro di Hammett .

Ad introdurci nel periodo storico, video e filmati d’epoca ci vengono proiettati su di un velo che poi scopriremo sbarre della cella.

La Compagnia Avvocati alla ribalta’ presenta:

NORIMBERGA: GLI ATTI DEL PROCESSO

5 luglio, ore 21

Di Lucia Nardi e Annalisa Scafi, da un’idea di Luigi Di Majo

Coordinamento teatrale Luigi Di Majo, consulenza artistica Marina Raffanini

con, in ordine di apparizione: Bruno Andreozzi, Luigi Di Majo, Daniele Di Porto, Ferdinando Abbate, Antonio Buttazzo, Maurizio Zanchetti, Rosario Tarantola, Fabio Moneta, Marco Di Lotti, Roberto Manfredi, Aldo Minghelli, Corrado Sabellico, Alessandro Coccoli, Filippo Chirigozzi, Giuseppe Rombolà, Giulio Berri, Andrea Manasse, Simone Salviani, Paola Tarantola, Fabio Risi, Paolo De Santis Manzelli, costumi Manifattura Scalella per le toghe, suono e luci Vincenzo Lazzaro, disegni G. L. Tarantola, coordinamento generale Marina Binda

Un testo che, rigorosamente tratto dagli atti del processo pubblicati dall’Unesco nel 1948, nasce da un’idea dell’avvocato Luigi di Majo, meglio noto al grande pubblico per la sua partecipazione ad alcune trasmissioni televisive quali “Chi l’ha visto?”, “Assassine” e “L’errore”. Particolarità dello spettacolo è il cast, composto interamente da avvocati.

Voluto dalle quattro potenze vincitrici della IIa guerra mondiale ed autorizzato dalle Nazioni Unite, fra il 20 novembre 1945 ed il 1 ottobre 1946 fu celebrato a Norimberga il processo contro 22 fra i maggiori esponenti del regime nazista, e fu così che, attraverso le deposizioni e gli interrogatori di costoro, il mondo conobbe tutto l’orrore di quel regime.

Una ricostruzione del processo che fece conoscere al mondo i crimini nazisti, ma anche il processo che, in un certo senso, cambiò la visione della guerra. Sono diventati celebri i capi d’accusa:

complotto e crimini contro la pace: preparazione inizio e condotta in guerra di aggressione o di violazione di trattati e accordi internazionali

crimini di guerra: violazione delle leggi e usanze di guerra fra cui l’assassinio e la deportazione di lavoratori delle popolazioni dei paesi occupati, l’assassinio e la tortura di prigionieri di guerra, l’uccisione di ostaggi, il saccheggio non giustificato.

crimini contro l'umanità: assassinio, sterminio, deportazione e schiavitù di popolazione civile e persecuzione per motivi razziali, religiosi o politici.

il NESUD (Non Esserci Sarebbe Un Delitto) Centro di Formazione per Scrittura, Cinema e Criminologia fondato da CARLO LUCARELLI, Sabina Marchesi e Mauro Smocovich presenta:

“CORSO DI SCRITTURA CREATIVA GIALLO-NOIR CON ELEMENTI DI CRIMINOLOGIA”

dal 2 al 5 luglio ore 18.00

Per non perdersi l’occasione di cimentarsi nella scrittura gialla!

Tutti gli appassionati potranno avere un approccio guidato e professionale alla scrittura di genere, sfruttando la rara opportunità di entrare in contatto scrittori e sceneggiatori di chiara fama e con gli esperti del R.I.S.

Per informazioni e prenotazioni per il corso telefonare a 347.3884463


 

TEATRI DAL MONDO

6- 15 luglio e 27- 28 luglio

Direzione artistica: Lydia Biondi

Parla austriaco, russo e spagnolo la seconda scatola di spettacoli di FONTANONESTATE.

Dopo gli appuntamenti all’insegna del giallo, è la volta di TEATRI DAL MONDO, un viaggio attraverso alcune fra le più interessanti proposte del teatro internazionale, con una particolare attenzione ad Austria, Russia e Argentina, per la direzione artistica di Lydia Biondi.

Il Teatro L.E.O. Di Vienna presenta

LE TRAVIATE

Ossia LA VERA STORIA DI VIOLETTA

6- 7 luglio, ore 21

con

Alexandra Scholik: Violetta

Stefan Fleischhacker: Violetta II

Werner Riegler: 1° ragazza (Eva)

Thomas Eder: 2.a ragazza (Gretl)

Stephen Delaney: Pianista e maestro di cerimonia

Violetta Valerie, la famosa cortigiana parigina (di origine austro-ungarica), creata (e purtroppo anche uccisa) da Alexandre Dumas e Giuseppe Verdi ha un segreto, e tante amiche. Pur sembrando una donna nel pieno dei suoi anni, e ormai giunta alla rispettabilissima etá di circa 150 anni (sulla precisa data di nascita la diva non si esprime con decisione).

Morta innumerevoli volte in scena, Violetta si é ora stufata di essere la tragica vittima lirica e conduce ormai da tanto tempo una doppia vita.

Sconosciuta e travestita passa le sue serate nei teatri, nei varietà e nei bar di fine 800 fino agli anni 50 del ventesimo secolo, incontrando e frequentando le eroine di Bertold Brecht, le”vedettes” della “vaudeville” francese, le dive “tedesche” Zarah Leander, Marlene Dietrich e “Lilli Marlen”.

Una “folle” sceneggiatura che fa da cornice ad una serata piena di musica, di sorprese e di travestimenti, lasciando pieno spazio all’arte dell’improvvisazione, alle situazioni assurde e ai momenti lirici quando anche “La Traviata” di Giuseppe Verdi si fa intravedere.

Il “cast” di questo spettacolo è formato interpreti en travesti, che, lavorando da anni con enorme successo nella stessa compagnia, hanno trovato un linguaggio in comune che permette loro di coinvolgere il pubblico e comunicare oltre al contenuto musicale dei singoli brani anche comicitá e assurdità delle situazioni teatrali.

SERENATE SINCERE

9 luglio, ore 21

con: Pino Ingrosso voce

Nanni Civitenga chitarra, Stefano Indino fisarmonica, Massimiliano Pischedda contrabasso

Sempre suonata di sera sotto il balcone della fanciulla amata, la “Serenata” ha espresso i più comuni trasporti d’amore, compreso il dispetto. Il “canto all’amata”, già in voga sin dai primi anni del 200, viene raccontato da Pino Ingrosso che ripercorre il genere inserendolo di volta in volta nel contesto dell’epoca e del luogo.

E’ questa la peculiarità e la “novità” dello spettacolo che non si limita a far conoscere solo il testo musicale ma, soprattutto attraverso l’interpretazione, ricerca le atmosfere necessarie e indispensabili, perché le “Serenate sincere” sono oltre che pezzi musicali pezzi di costume e di storia. Da tutto il mondo.

State Academic Russian Drama Theater of Bashkortostan Republic di Ufa presenta

SNEGUROCHKA

La fanciulla delle nevi

11- 12 luglio, ore 21

Di Alexander Ostrovsky

Regia di Mikhail Rabinovich

con

Busygina Irina, Shakirova Aygul, Komarova Tatiana, Iakupova Aleksandrina, Afanasjeva Tatyana, Gaysin Rustem, Krotov Damir, Latypov Vladimir, Federyaev Alexander, Myasnikov Ilya, Nikolaev Grigoriy, Garipov Timur, Belyaev Andrei, Cherepanov Denis, Dolgova Alina

Organizzazione: Elena Kondoyanidi

SNEGUROCHKA, ovvero La fanciulla della neve, è una antica favola dal profondo significato filosofico. Ispirandosi ad una leggenda pagana di origine slava, radicata nel carattere e nel folklore russo, Alexander Ostrovsky, ne ha tratto un racconto delicato e notissimo: La fanciulla delle nevi è di fatto l’incarnazione della pura spiritualità , centro della grande anima russa. Una favola densa di significati che ha ispirato la musica sia di Tchaikovsky che di Rimsky-Korstakov.

La vicenda si svolge nel fantastico regno di ghiaccio e neve di Berendeys, i cui abitanti sono titalmente privi del sentimento dell’amore. Sarà la dolce “fanciulla delle nevi” a sacrificarsi per amore dell’amore scendendo nel mondo degli uomini e portando così la salvezza e la gioia al popolo di Berendeys.

L’interpretazione dell’opera da parte della compagnia teatrale di Ufa, combina insieme diversi linguaggi, dalla drammaticità espressiva al movimento, dalla danza alla plasticità e la prosa.

I PRESI PER CASO in concerto

14 luglio, ore 21

I PRESI PER CASO sono la mitica rock nata dentro il carcere di Rebibbia e lanciata a livello nazionale da Demo di Radio1, dall’energia e vitalità contagiose. In repertorio dai brani più vecchi ai pezzi più recenti tratti da Delinquenti, il cd appena uscito sotto il marchio e l’etichetta di MUSICA MADE IN BIELLA.

Storie di carcerati, quelli veri, raccontate con ironia e con un pizzico di amarezza. Per far sorridere e pensare, conoscere oltrepassando il muro della diffidenza. DELINQUENTI nasce dalla volontà di far incontrare il “dentro” con il “fuori” dal carcere: ex detenuti e qualche folle incensurato, affiatati dalla voglia di fare musica; ma anche la stessa band con tutti coloro che hanno permesso che questo disco diventasse realtà. Per costruire qualcosa di positivo e di vero. Sulle ali della musica.

All’interno di un contenitore dedicato alle culture teatrali diverse dalla nostra, questo appuntamento vuole essere un’occasione d’incontro con una realtà “altra” con la quale il mondo dei liberi ha difficoltà a confrontarsi. Un appuntamento che corona la volontà da parte della manifestazione di collaborare con “Ricomincio da qui”, un progetto del Ministero di Grazia e Giustizia orientato al reinserimento professionale di ex- detenuti o di detenuti in semilibertà.

ASPETTANDO BARBRA

15 luglio, ore 21

Con

Donatella Pandimiglio, voce

Roberto Gori, pianoforte

Un omaggio al migliore repertorio della grande BARBRA STREISAND, percorrendo i brani che l’anno resa famosa in tutto il mondo, ma soprattutto conservando il gioco di ironia e divertimento che la contraddistingue.

Protagonista Donatella Pandimiglio, già considerata dal pubblico e dalla critica la Barbra italiana.

In scena con lei il bravissimo musicista che la affianca negli ultimi anni, Roberto Gori.

TeatriDanzanti (Milano) - Teatro Fantastico di Buenos Aires presenta

Una coproduzione italiana, argentina e spagnola

RESPIRO BLANCO

27- 28 luglio, ore 21pre

Di Gualtiero Scola e Nadia Frola

Silvia Vladimivsky regia e realizzazioni coreografiche (Argentina)

Musiche originali di Andrea Fantasia

con:

Gualtiero Scola canto, poesie e teatrodanza (Italia)

Karina Filomena solista danza contemporanea (Argentina)

Rossella Mitrano solista danza flamenca e canto (Spagna)

Paola Savino solista danza flamenca e canto (Italia)

Alessandro Agrati chitarra (Italia)

Pablo Enrique Oliver percussioni (Argentina)

Francesco Perrotta cajon (Italia)

Omaggio all’opera di Rafael Alberti, poeta spagnolo, la cui vita e produzione letteraria hanno attraversato per intero il’900. Uno spettacolo fatto di canto, danza, musica e recitazione.

Riconosciuto in Spagna come uno dei maggiori autori del secolo al pari di Garcia Lorca e gli altri poeti della “generazione del 27”, è pochissimo tradotto e quasi introvabile in italiano, nonostante il suo lungo soggiorno romano e le numerose opere dedicate alla capitale e alla regione che lo ospitava.

Alberti oltre che vivere a lungo in Spagna e in Italia, ha soggiornato anche in Argentina. Questo il motivo che ha portato alla creazione di una co-produzione italiana, spagnola e argentina.

Una serata alla ricerca dei colori, dei suoni, delle atmosfere della sua poetica. Per entrare in sintonia “teatrale” con le immagini evocate, creando un legame attraverso la musica, il flamenco, la danza contemporanea, la voce e i versi: un unico morbido fluire di emozioni.

Ad ispirare gli autori le opere dedicate al mare, all’infanzia trascorsa sulle spiagge dell’oceano, all’inquietudine per una partenza imminente ed alla nostalgia di quanto partendo si è perduto.

Il flamenco solitamente associato al caldo, al sole e ai colori fortemente contrastati è qui volutamente proposto in un’algida cornice bianca, come danzato e cantato su di una spiaggia atlantica, battuta da un vento che alimenta l’inquietudine e spinge lontano.

Ufficio Stampa SCATOLA GIALLA e TEATRI DAL MONDO: Studio alfa

tel. e fax 06. 8183579, e- mail: ufficiostampa@alfaprom.com

responsabile ufficio stampa e P.R. Lorenza Somogyi Bianchi, cell, 333. 4915100

addetto stampa Olivia Volterri, cell. 338 5690870

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
:: Eventi recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 55 millisecondi