:: Home » Eventi » 2005 » Gennaio
2005
11
Gen

Silvia Dorme

Commenti () - Page hits: 900

E' con grande piacere che la casa editrice Edizioni Il Foglio annuncia l'uscita del secondo titolo della collana Dammi Spazio, il romanzo Silvia dorme di Giuseppe Mauro. Di seguito la scheda del libro; altre informazioni relative all'acquisto sono presenti nel sito della casa editrice all'indirizzo www.ilfoglioletterario.it

 

SILVIA DORME

di Giuseppe Mauro

 

 

A Mario piace guidare di notte, con le "strade buie e gli occhi allagati di sonno", la macchina che procede tranquilla attraverso le immense arterie romane e Silvia al suo fianco che "dorme bambina". Ed è proprio uno di questi viaggi notturni il motore dell’intero racconto, il pretesto per narrare un’agrodolce storia d’amore.

Mentre l’auto macina chilometri di Appia, Aurelia e Tuscolana, Mario ripercorre gli ultimi anni della sua vita mettendo a nudo le tre storie d’amore che hanno segnato indelebilmente la sua vita.

In un continuo alternarsi di flashback e narrazioni in prima e terza persona, emergono i personaggi chiave che gli ruotano attorno e lo fanno muovere: Pàmela, la sensuale chitarrista/cantante che lo travolgerà in una turbolenta spirale di amore e passione, Laura la figlia inattesa frutto della storia con Pàmela che gli darà la forza per superare l’abbandono della sua compagna e Silvia, l’etera babysitter che proprio grazie all’involontaria e continua mediazione di Laura si innamorerà, contraccambiata, di Mario.

Tre storie d’amore differenti, ma legate indissolubilmente, storie che hanno una ben precisa collocazione temporale, ma che l’autore ripropone con una coraggiosa e per certi versi inedita scelta narrativa. Non esiste un prima e un dopo, Giuseppe Mauro, attraverso i pensieri e gli occhi di Mario, riesce a raccontare tutto contemporaneamente in un modo che Gabriele Dadati, nella postfazione al libro, analizza e spiega impeccabilmente:

Giuseppe Mauro, che è l’autore in questione, fa una scelta singolare e coraggiosa. Decide di non raccontare prima il prima e dopo il dopo, o prima il dopo e dopo il prima. Decide di raccontare sia il prima che il dopo contemporaneamente. Non basta: decide anche di raccontarli da due prospettive diverse. Nella prima c’è un io-narrante che si chiama Mario e racconta l’oggi, nella seconda c’è una terza-persona-narrante che si chiama sempre Mario e racconta quello che è venuto prima dell’oggi. Si capisce bene che Mario è sempre Mario e che le due storie sono i due pezzi di un unico continuum, però è anche vero che giovandosi di questa struttura narrativa nuova ci troviamo ad avere in una stessa parte del libro, le ultime pagine, sia il punto-di-non-ritorno che dovrebbe stare al centro sia il finale vero e proprio.

Il libro è impreziosito da una prefazione di Francesca Mazzucato e, come già annunciato, da una postfazione di Gabriele Dadati.

Edizioni Il Foglio
Via Boccioni 28
57025 Piombino (LI)
www.ilfoglioletterario.it

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
:: Eventi recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 42 millisecondi