:: Home » Eventi » 2004 » Novembre
2004
17
Nov

christiandelmonte.com n. 3

Commenti () - Page hits: 1350
.................................. da ...................................
 ########################  CHRISTIANDELMONTE.COM #########################
 '''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''
 mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm
 m                      NUMERO 3 -- NOVEMBRE 2004                        m
 mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm

      .8      ,8888o     o8888.      8.     8888888.   8888888.   8888888
      88.     88   88.  888  `8.    .88     8888  ^88. 8888  ^88. 8888
     :888   8 88    `8,8888   `8   :888.    8888    `8.8888    `8.8888
    . 888.  8 88      88888        .`888.   8888     888888     888888
    8.`888. 8 88      88888       .8 8888   8888     888888     8888888888
   .88.8888 8 88      88888       88.`888.  8888     888888     888888
   8'`8`888.8 88      88888      .8`8.8888  8888     888888     888888
  .8  8.88888 88    .8`8888   .8 8' `8`888. 8888    ,8'8888    ,8'8888
  888888`888. 88   88'  888  ,8'.88888.`888 8888  o88' 8888  o88' 8888
 .8    8.`888 `8888P     88888'.8'   `8 888.8888888'   8888888'   88888888
         ,___J8"7                                        F"8L___,
     __/""'     7    ,8888o     ,8888o     o8888.  8888  F     `""\__
 _"""'          7   .88   88.   88   88.  888  `8. 8888  F          `"""_
 "7888"8878"777P7  ,888    `8 8 88    `8,8888   `8 8888  F9FFF"8F88"888F"
     /     .   .7  8888     8b8 88      88888      8888  F.   .     \
    /      `_  (7  8888     888 88      88888      8888  F)  _'      \
    7"8_.    , `7  8888     888 88      88888      8888  F' ,    ._8"F
   J' ) `     `77  8888     8P8 88  888888888 8888 8888  FF'     ' ( `L
  /'  .         7  `888    ,8 8 88    .8`8888   .8 8888  F         .  `\
  ""P'"'        7   `88   88'   88   88'  888  ,8' 8888  F        `"`9""
    8_(\       `7    `8888P     `8888P     88888'  8888  F'       /)_8
    ).     _    7MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMF    _     .(
    '""""8P /   7MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMF   \ 98""""`
          7     7MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMF    F
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMq^        uZpMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM                    MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM       `   `       `    MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM    `;..` ``` ```  `````    zMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMMM   ^.       ` `` .```..`` ;. .lMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMM ^^ `` ` `  ` ``   .  `  .``^^ kbMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMM:.   `   . `.`^` ``^` :..:: : ^luMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMM.t;`  ^.. . ` `` ^`.`  `.``  ^bM^MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMH;^ .^ `       ` `            t.HMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMMbt                .      =.  :r.MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMMM    :      ``..=p`=MMMMk     MtMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMMq  :?zgMMMMmM=;p?`MM;MMMMMMzp H M MMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMM My.MMMMMMMNkMM .` HMMMMMMMMMMMggMM  MMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMMM MMN MMMMMMM    MMZ?  M       gMM MMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMM M^=y        `?    .=M           Mp. MMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMM M   v     M. ^   ^?  MM^  :.    M   MMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMM M.     ;uV  =k  .q:^  `bV.      MM  MMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMM uMz    .:  ;`=` ``ZM    `tMtz ^M   MMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMM  MMmqH;   M       .M       MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMHMM;   MM       zMM?    MM:HMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM`?H  MM MMMgfMM=  MM  Mrp.MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMgZu.Mb   ?MMM``    MMMM?r MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMN MMM      p=   ^uH ^l`b:MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM ^N MMMMMMMMMMMMMMMH  qMgMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMk  Mq ;  ?f.       Mq^mM MM MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM`;M  .`.tHHf;^^?q`?N`Mu MM MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
 MMMMMMMMM?  ;rMMMMMM:lMMMM ^gMMq`   ;gg:   ^MM  MM MMMMMMMM? ?guuZMMMMMM
 MMMMMMM=lyMMM`MM.f.p=MMMMMg               MM`  HMM r:MMMMMMMMpM:=:MMMMMM
 MMMMMMll;;MMMMM?yMMHVtMMMvMMM .;. .:Z ..MMMM.;;MMM^M MMMMMmMMMmgMMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMMtMHlZMMM MMMMMMMMMMMMMMM=^;:mMMMM M  MMM ^^;MNMyMMMMMMM
 MMMMMMMMMMMMMMMMv;buH:MMM MMMMMMMMMMMMMMz^; ;MMMMM My prMbgVVf:  MMMMMMM
 MMMMMMMM CDM ME FECIT MMMMMMMMMMMMMMMMMMM  MMMMMMM  M   M: mM^M?MMMMMMMM
 mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm ___________ mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm
 m                             -- INDEX --                              m
 m                             '''''''''''                              m
 m                              __SPAZI__                               m
 m                                                                      m
 m    define('SC', 'Spazi Complessi');                                  m
 m    /*                                                                m
 m      -Derrida e lo spazio per la complessita' di Alberto Gelsumini   m
 m    */                                                                m
 m                                                                      m
 m                                                                      m
 m    define('SAM', 'Spazi Artistici Metropolitani');                   m
 m    /*                                                                m
 m      -Sos Cerriglio. Se Caravaggio non occupa di Giovanni Bove.      m
 m    */                                                                m
 m                                                                      m
 m                                                                      m
 m    define('ST', 'Spazi Teatrali');                                   m
 m    /*                                                                m
 m      -Sentieri d'acqua (1) di Christian Del Monte.                   m
 m    */                                                                m
 mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm


  [...][SC - Spazi Complessi]                                      [...]
  ======================================================================
  Derrida e lo spazio per la complessita'.           [Alberto Gelsumini]

          "Non solo non c'e' un regno della différance ma essa fomenta
           la sovversione da ogni regno. Il che la rende evidentemente
            minacciosa e infallibilmente temuta da tutto quello che in
   noi desidera il regno, la presenza passata o avvenire di un regno".
                                                Derrida, La différance

  Attorno a marzo scorso la rivista francese Inrockuptibles ha richiesto
  a Jacques Derrida un'intervista sul rapporto fra intellettualita' e
  politica. Il filosofo l'ha concessa, a condizione pero' che non gli
  venisse posto nessun limite di spazio, nessuna accondiscendenza ai
  formati e ai codici mediatici. Il risultato sono state undici pagine
  articolate, complesse, difficili da ridurre a uno slogan.
     Fra le altre cose ha affermato: "Quante volte mi e' stato spiegato
  che era troppo complicato, che bisognava tagliare perche' la gente 'non
  seguiva' o non capiva. I responsabili dei media che strutturano il
  campo dello spazio pubblico conducono una vera e propria caccia
  all'intelligenza, un'offensiva contro tutto cio' che manifesta
  dell'intelligenza, e che e' necessariamente complesso, pieno di
  pieghe, circospetto, che procede secondo il proprio ritmo, e che
  richiede tempo e lentezza."
     Non e' questa l'unica battaglia del genere affrontata da Derrida.
  Coi  sui scritti, sempre volutamente complessi, ha attaccato uno dopo
  l'altro alcuni fra i concetti sacri del nostro pensare: autore,
  contesto, intenzione di significazione ("il voler dire"),
  interpretazione privilegiata, origine, sequenza, realta' del
  referente, verita', finalita', autorita' (reale o trascendentale),
  dicotomia, unita', profondita', "trascinando con se' tutti
  i significati rassicuranti, costringendo alla resa tutte le
  piazzeforti".
     Tutte battaglie ardue e radicalmente rivoluzionarie, perche'
  costrette a combattere, oltre alle logiche e le dinamiche del
  potere politico, mediatico e industriale, quelle dell'individuo
  stesso, con le sue (nostre) tendenze alla semplificazione, alla
  classificazione rozza, alla ricerca di punti di riferimento
  forti, stabili e necessari.
     Ecco che forse un compito intellettuale e politico lasciato in
  eredita' da Derrida e' quello, tutt'altro che semplice, di provare
  a difendere e ad affermare la complessita' non ridotta, trovando
  i mezzi, i metodi e gli spazi per comprenderla e comunicarla.
  -----------------------------------------------------------------[end]


  [...][SAM - Spazi Artistici Metropolitani]                       [...]
  ======================================================================
  Sos Cerriglio. Se Caravaggio non occupa.               [Giovanni Bove]

     Se Caravaggio avesse deciso di occupare la taverna del Cerriglio
  per farne uno spazio dedito all'arte forse oggi non si parlerebbe
  di uno sgombero, e i suoi ultimi capolavori non sarebbero esposti
  alla reggia di Capodimonte, a Napoli. E però della sua indole, e
  della sua animosa e rivoluzionaria ricerca di nuovi canoni artistici
  pare alimentarsi oggi lo Spazio Sociale Cerriglio
  (
www.spaziosocialecerriglio.org) situato al posto della storica
  taverna dove l'artista amava intrattenersi nel suo periodo di
  permanenza a Napoli.
     Occupato da dieci anni e sostenuto da una variegata fauna di
  artisti provenienti dal centro della città e dal suo hinterland,
  lo Spazio Sociale Cerriglio si presenta al quartiere come una
  comunità artistica aperta, promuovendo attività culturali
  profondamente correlate alla vita quotidiana del quartiere in
  cui si trova. Così, con l'attività di diversi pittori,
  fotografi, musicisti, attori, performers, il Cerriglio si
  distingue nel panorama degli spazi occupati napoletani
  innanzitutto per l'attenzione rivolta alle arti visive e per
  l'organizzazione di iniziative artistiche orientate agli abitanti
  del quartiere, in particolare ai bambini. In una città come
  Napoli, infatti, dove gli spazi occupati sembrano conformarsi
  sempre più spesso al tessuto sociale che abita il quartiere
  in cui essi si trovano, il Cerriglio pulsa come se fosse un cuore
  artistico del centro città, posizionandosi nell'area portuale
  e vicino ai palazzi delle università partenopee.
     Situato negli stessi vicoli che Pier Paolo Pasolini scelse per
  girare alcune scene del suo Decameron, il Cerriglio ha preso
  forma negli spazi di una proprietà privata abbandonata e si trova
  attualmente sotto la minaccia dello sgombero. Infatti la mattina
  del 14 settembre, giorno in cui era atteso un ufficiale
  giudiziario, sono state erette le prime barricate creative, come
  sono state definite dalle comunità di artisti che animano
  e difendono lo spazio. Allontanato l'ufficiale con i modi
  della resistenza artistica, le barricate sono state disfatte,
  ma l'atmosfera è diventata più tesa dei mesi precedenti.
     Ad oggi, sembra che gli artisti del Cerriglio abbiano cessato la
  loro attività nel quartiere, e si siano dileguati sotto il
  buon auspicio del fantasma di Caravaggio, abdicando alla loro
  autorità artistica: delle loro attività, come mostre, performances
  teatrali, cineforum, laboratorio di stamperia occupata non si
  hanno più tracce, né tanto meno si ritrovano nelle strade del
  centro gli annunci del topo con il mantello,
  il simbolo del Cerriglio.
     Così, con la vicenda del Cerriglio riemerge un problema che
  attanaglia da anni ormai le comunità artistiche metropolitane:
  il problema degli spazi e della loro gestione per conto di
  proprietari privati o pubblici. In questa direzione, infatti,
  è evidente quanto sia difficile ormai l'esistenza, o meglio
  la sopravvivenza, di "nuclei artistici produttivi" orientati
  all'esplorazione del rapporto esistente fra la produzione
  dell'arte, i suoi linguaggi e la sua stessa capacità di contagio
  negli spazi urbani di riferimento. Le energie degli artisti
  del Cerriglio, ad esempio, sembrano ormai destinate alla resistenza
  artistica, lasciando poco spazio alla creazione di momenti
  di convivio diffuso, che da secoli ormai sembrano
  abitare questi vicoli.
  -----------------------------------------------------------------[end]


  [...][ST - Spazi Tatrali]                                        [...]
  ======================================================================
  Sentieri d'acqua - 1                             [Christian Del Monte]

     E arrivato dinanzi al Berliner Ensemble, sentii il desiderio di
  entrarvi e qualcosa mi tratteneva dal farlo e fermo lì dinanzi
  lasciai perdere. Troppa polvere; mi sarei trovato da fare altro.
  Per non ricominciare. A farmi desistere doveva essere stato l'aver
  notato la lastra di metallo infissa a una delle finestre al primo
  piano, ala sinistra dell'edificio, facciata principale, quasi
  all'angolo; nella ruggine sono incisi gli estremi anagrafici
  di Heiner Mueller, regista drammaturgo che aveva diretto nei suoi
  ultimi anni l'Ensemble. "Sarà stata la finestra del suo studio",
  dovevo aver pensato, incerto su cosa di suo restasse in quella
  stanza apparentemente sigillata dall'esterno.
     Gli occhi stretti, sedevo ora su una tra le panchine che circondano
  il bronzo di BBrecht, nell'omonima piazza antistante il teatro.
  Respirando a tratti, osservavo la statua nera, rigida, chiedendomi
  cosa 'teatro' significhi, pure già sapendo che per me, quasiregista,
  esso è atto in cui la visione si consuma e gli occhi fibrillano
  di luce. Desiderio negato dei corpi nell'assenza della loro
  pesantezza. Carne tesa nella ripetizione di azioni slegate dal
  contesto spinta a instaurare un nuovo ordine di realtà e successione.
  E' essere che si fa immagine. Immagine sfatta di fraintendimenti
  e odori. Incrostazioni percettive, la cui natura e intensità
  esercitano una diversificata serie di effetti, creando anche un
  senso di intenso piacere personale nel caso in cui vi si partecipi
  voyeuristicamente o feticisticamente, tanto radicante al punto da
  poter ingenerare forme di dipendenza.

     NB: a questo proposito è utile notare come le forme di dipendenza
     non siano ostacolate, bensì favorite dai sistemi sociali, che in
     esse trovano efficaci strumenti di controllo: basti ricordare che
     in una prospettiva macrosociologica è possibile affermare come
     l'accettazione culturalmente mediata di un'elevata presenza
     di forme di dipendenza tenda a garantire conformità sociale.

     Ne ero uscito fuori da troppo poco per non ricaderci. Appena
  qualche mese prima e prendendo parte a una terapia di gruppo
  di un'associazione di registi anonimi mi resi conto di quanto
  io sia sempre stato il solo, unico responsabile di ciò che ho
  fatto e di quanto mi è successo, e il fatto che io soffra di
  questa forma di dipendenza non giustifica il mio non assumerne
  le debite responsabilità. Quelle cose che facevo ad attori,
  spettatori erano davvero insignificanti e dannose... non voglio
  mai più far subire a qualcuno qualcosa di simile, e voglio
  trovare le vere ragioni che mi hanno spinto a praticare il
  teatro, masturbando e manipolando altre persone anche ricorrendo
  alla menzogna. E questo perché voglio aiutare chi può soffrire
  del mio stesso problema.
     Ecco, se ad esempio definiamo con 'spazio teatrale' il sistema
  delle ridondanze relazionali instaurate attraverso messe
  a fuoco su un insieme finito di elementi e rispetto a punti
  di fuga vincolati, possiamo riconoscere che questi 'elementi'
  sono innanzitutto individuati nello strato di relazioni che ne
  differenziano la presenza e individualizzati secondo le loro
  proprietà, in base alle qualità attribuite a ciascuna
  di queste; possiamo inoltre osservare come ciascuno di essi
  possa essere in diverso grado dinamico rispetto alla
  possibilità di riattribuirne entro una data unità di tempo
  le proprietà già qualificate e autonomo riguardo alla qualità
  delle relazioni intrattenute. E senza più soldi, tre parole
  in tasca e poi la fatica di esserci, gli occhi curvati senza
  accorgermene ero dinanzi a un qualcosa già vissuto. Muti,
  due adolescenti si dividevano tra loro scorpioni, li tiravano
  su da una scatola. Io stavo lì, presente ed estraneo; ne
  osservavo le mani, i movimenti. Sembrava non si interessassero
  a me e tuttavia tra loro non parlavano. Forse perché li
  osservavo? Probabilmente loro avvertivano la mia presenza,
  il loro comportamento ne era condizionato quasi ne fossi una
  condizione di luce. Mi sentii fuoriluogo. Non era la situazione
  in sé a disorientarmi: non avveniva forse lo stesso anche
  nel teatro? Erano piuttosto i ragazzi a pormi in una situazione
  di disagio. Il loro modo di esserci non era vincolato
  a specifiche condizioni: tra di noi non intercorreva
  alcun contratto, al contrario di quanto avviene a teatro
  tra attori e spettatori. Ero già in Friederichstr. quando mi
  domandai se in fin dei conti il teatro fosse in primo
  luogo definibile come uno specifico tipo di relazione
  che intercorre secondo precise regole
  tra chi osserva e chi è osservato.
  ------------------------------------------------------------[continua]


 ''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''
 .................................. da ..................................
 ########################  CHRISTIANDELMONTE.COM ########################
 ''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Christian Del Monte

Christian Del Monte (Matera, 1975)
[1990-1994]
    Collaboratore per diverse testate giornalistiche.
[1995]
    Intermezzi. Raccolta di poesie.
[1997]
    Marta. Romanzo breve.
[1998]
    Écru. Raccolta di racconti.
[1999]
    Steady-cam. Racconto lungo.
    Film 8.4.06. Racconto premiato col secondo posto al concorso di fantascienza 8K0.
[2000]
    Stretto in tra(s)posizioni. Installazione performance.
    Incontrando Burroughs. Ciclo di sette incontri dedicati a William Burroughs.
    The Soft Machine Dal testo all'ipertesto.Tesi di laurea in Scienze della Comunicazione; relatore Umberto Eco.
    Frattaglie. Raccolta di racconti illustrati da Gianluca Costantini.
    Fughe. Raccolta di racconti.
[2001]
    Orazio. Racconto breve per il progetto multimediale Inguine.
    Scomposto. Raccolta di racconti.
    Il bambino di Velluto.

[2002]
    Frontiere. Racconto premiato al concorso Il giovane Holden.
    Sonntag. Lavoro teatrale per 8 testimon
    Racconti sciolti
. Raccolta di racconti.
[2003]
    Segale. Lavoro teatrale per due testimoni.
    Scrittura e Controllo. Saggio su William Burroughs.

:: Eventi recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 65 millisecondi