:: Home » Eventi » 2006 » Maggio
2006
11
Mag

La memoria di Ras Tafari Diredawa (Mongai)

Commenti () - Page hits: 1100

La memoria di Ras Tafari Diredawa

di

Massimo Mongai

(edizioni Robin-Biblioteca del Vascello)

“Il giorno dopo, appena ebbe cinque minuti liberi, andò a visitare la casa di Eurosia. Da fuori naturalmente. Era sul lato sinistro di via Massaja, … I “lotti” affascinarono Tafari, che se li studiò a lungo. La casa di Eurosia era appunto dentro un “lotto”: un gruppo di case, uno di quegli edifici vecchi ormai oltre sessant’anni, le case popolari dello IACp, che sono popolari di costruzione e di finiture, ma senza dubbio non di qualità di vita o di pregio urbanistico-ecologico. Immerse nel verde, all’interno di “lotti” cintati da muretti e ringhiere, nei quali non possono entrare le macchine, sono in realtà le più belle case di Roma, seconde solo alle ville dell’Aventino. Forse. O forse è una esagerazione”.

Massimo Mongai , scrittore di culto e noto in Italia per i suoi romanzi di fantascienza, firma un noir ambientato in uno dei più caratteristici quartieri della capitale, la Garbetella.

Tafari è un barbone alcolizzato, etiope e ultraquarantenne, uno tra i mille volti di diseredati che abitano le stazioni della metropolitana o i giardini pubblici romani, elemosinando i pochi spiccioli sufficienti per comprare del vino in cartone, unico “ansiolitico” che permette di restare in un continuo stato d’incoscienza. Di se ricorda solo il suo nome, Ras Tafari Diredawa e la sua lingua madre, l'Amhara. L’unico contatto con il mondo è il sorriso che Eurosia, una volontaria della Caritas, gli regala ogni giorno dietro al bancone della mensa dei poveri. Tutto cambia quando Tafari, non visto, assiste dal suo rifugio di cartone all'omicidio di Eurosia. Suo malgrado, ora, si vede costretto a uscire dal suo stato di torpore e, con estrema fatica, Tafari è costretto a ricordare il suo passato terribile di rifugiato politico e a desiderare che questa volta l’omicidio di una persona a lui cara non resti impunito. Da sfondo la Garbatella , un quartiere popolare che sorge su una serie di colline coperte di pini più alti delle case, con vie e "lotti" che non sembrano Roma, ma una piccola perla incastonata nel grigiore della città.

Uno romanzo di “redenzione”, in cui Massimo Mongai non limita la narrazione alla pura e semplice descrizione di un barbaro omicidio e delle indagini a esso collegato, ma apre al lettore una diversa visione sul mondo degli homeless attraverso la vicenda di Tafari.

Massimo Mongai , autore di culto, ha esordito con "Memorie di un cuoco d'astronave", pubblicato da Mondadori, vincitore del Premio Urania. Pubblica successivamente "Il gioco degli immortali" (Mondadori) e "Tette e pistole" (Malatempora). Con la Robin ha giù pubblicato "Memorie di un cuoco di un bordello spaziale" (2002), "Cronache, non ufficiali, di due spie italiane" (2003), "Il Fascio sulle Stelle di Benito Mussolini" (2004) e "Alienati" (2005).

In libreria dall’11 maggio 2006

Collana: I Luoghi del delitto

Pagg. 264 Euro 9,00 - ISBN 88-7371-211-8

Ufficio stampa Robin - Biblioteca del Vascello

addetta stampa: Roberta Di Donato

coordinamento: Carola Messina e Maurizio Gelatti

___________________________________________________

con.testi - Ufficio stampa Robin Biblioteca del Vascello

Via Massena 91 - 10128 - Torino

tel. +39 011 5096036 fax +39 011 5087282

stampa.robinedizioni@contesti.it

www.robinedizioni.it

www.contesti.it

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
:: Eventi recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 74 millisecondi