:: Home » Eventi » 2006 » Aprile
2006
26
Apr

nuovi modi di proporre la lettura di una poesia

Commenti () - Page hits: 1200

nuovi modi di proporre la lettura di una poesia
AGGIORNAMENTO MAGGIO 2006

Cos’è l’Opiemme…

La nostra mentalità di fare scrittura

Davide Danio (1979) di Alassio, e Danzio B. (1978) di Imperia, sono uniti da un gruppo: l’Opiemme, che formano nel 1998. Entra successivamente a farne parte lo scrittore di origini ungheresi Egon (1977, Pécs) trapiantato in Liguria. L’Opiemme, nel desiderio che le proprie cose vengano lette, inizia una ricerca che la porta oltre il semplice ambito letterario: svecchiare i modi con cui un testo può farsi leggere. Far arrivare le poesie alla gente. E non il contrario.

Le installazioni di rotoli di poesia, le poesie adesive, le video poesie, e i saccottini di poesia sono fra i loro tentativi più innovativi. Parte di questi è visibile on line sulle pagine di www.opiemme.com, che presenta l’Opiemme quale in effetti è: un insolito gruppo di scrittura.

“I siti letterari sono spesso lontani da quello che sono il web design e la comunicazione moderna: sono esempio di una tendenza, quella della poesia che non tiene i passi della comunicazione moderna. Noi cerchiamo un rinnovamento. La poesia ne ha bisogno. Per rendersi attraente...invogliare a farsi leggere. A volte mi sembra che scrivere poesia per alcuni sia una ricerca su un vocabolario di parole in disuso. Ricercate, dotte, auliche...tanto per fare cultura “Alta”. Ecco che per altri è sinonimo di noia. E hanno ragione...La cultura alta nasce morta, la vera cultura è quella che ci vive e crea abitudini. Sarebbe bello che le persone si abituassero a trovare testi per strada. E’ in questo senso che noi diciamo di svecchiare la poesia.” Spiega Danzio.

In quest’ottica l’Opiemme cresce, collaborando a stretto contatto con altre forme espressive. Oggi non è solo un gruppo di scrittura e non ne fanno parte solo scrittori. Ci sono anche: Mr. Fijodor protagonista di performance, installazioni e fumetti, che si completano e arricchiscono le parole dei 3 scrittori; Nicolò Parodi realizza video-clip, e cura per l’Opiemme la linea delle videopoesie, che vengono raccolte nel dvd illustrativo “Organismi poeticamente modificati – Nuovi modi di proporre la lettura di una poesia”, che contiene lavori realizzati grazie alla collaborazione di molte persone; il cuoco Mase e il dj Caffè Nero aiutano con la loro tecnica l’Opiemme ad fondere il proprio lavoro con il cibo e la musica.

“ Rotolini di poesia ” - Installazione poetica

I rotoli di poesia sono messaggi arrotolati e legati con fili di lana, per essere appesi nelle strade e attrarre il pubblico alla lettura. Un misto tra street-art e messaggi nelle bottiglie, in cui la forza comunicativa risiede nella curiosità e nell’intimità che evocano. La reazione di fronte a un rotolino sembra essere comune a molti: si è attratti come sapessimo che qualcuno ci ha lasciato un messaggio privato. Un’installazione di grande effetto, proposta dall’OPIEMME anche alla Fiera del Libro di Torino 2005 nell’insolita cornice delle toilette. Unico posto in fondo dove l’attenzione delle persone non fosse ultra-stimolata.

Il 14 Febbraio 2006 viene proposta “Odore di Donna” un installazione di rotolini che coinvolge 11 città italiane e che prende titolo dalla raccolta che contiene i testi per la giornata. “Si parlerà di poesia a San Valentino, non solo dentro a un dolcetto o a una letterina, qualcuno troverà e userà i nostri testi come sorprese per STUPIRE ragazze. Ben venga! La poesia vive così.” Egon. L'intervento è seguito in diretta da Radio 101.

I testi contenuti nei rotolini arrivano dalla nuova raccolta del gruppo, Odore di Donna appunto, in via di pubblicazione. “Tanto…meglio che vengano lette e conosciute per caso che non essere mai lette. Se poi qualcuno vorrà una lettura approfondita troverà il libro. Ma è importante che una poesia diventi come una caramella da portare via.” Danzio B.

Svecchiare la poesia

Pubblichiamo un libro e ci rendiamo conto che buttiamo carta in un mare di carta .

Pensavamo di aver trovato un modo per farci leggere. Non era vero. Così abbiamo creato i nostri MODI PER FARCI LEGGERE. In quarta di copertina la prima edizione di “Sfioraci” riportava: “Le cose che scriviamo, senza occhi che le leggano, non raccontano. Rimangono in silenzio. Non vivono.” Esemplificativo di una mentalità che cresceva.

L’intento di queste performances e installazioni, oltre a quello di spargere i nostri testi, è lasciare un ricordo nelle persone. Un ricordo di poesia che corrisponda a stupore, a sorpresa. E divertimento. Un qualcosa che contrasti nella testa della gente il giusto stereotipo di noia, con cui la poesia si è ricoperta. Forse il nostro intento è utopico. Ma ci divertiamo e proviamo. Ed è bello scoprire la reazione della gente a tutto questo nelle strade. La poesia può tornare a vivere fra i nostri giorni, nella quotidianità in quella che è la vera cultura…quella condivisa da tutti in attimi, gesti ed emozioni…” Danzio B.

Oggi noi stacchiamo le poesie dalle pagine di Sfioraci, e le portiamo in strada alla genteDavide Danio.

Exibart (Helga Marsala): “La poesia resta una cosa per pochi. L’Opiemme a questo non ci crede e decide di giocare la sua battaglia contro l’autismo di un linguaggio che si sbrodola addosso e resta muto. Contro la noia e in favore della leggerezza.”

Urban ( M.Baruffaldi): ”…Che la Poesia dica quello che vuole, ma il dove come quando non sono da meno.[…] L’Opiemme svecchia la poesia, il modo di proporla i contesti dove la si trova.”

LA POESIA: QUANTO MI ROMPE LE PALLE

Così, provocatoriamente, si intitolano gli appuntamenti in giro per l'Italia che iniziano nell'inverno 2005 e stanno proseguendo e che vedono la sempre protagonista.

Dalla critica stessa del proprio ambiente, del modo in cui la poesia è proposta, e dalla coscienza di quale sia l'immagine predominante che le persone ne hanno (noia), nascono i progetti dell'Opiemme. Non poteva rimanerne fuori la comunicazione e l'immagine data al pubblico. Intitolare così le proprie date diventa così un mezzo per attirarlo, dicendogli proprio: anche a noi, per come di solito la vediamo, la poesia rompe le palle, ma venite che vi mostriamo che invece la si può trovare divertente.

Attirare alla lettura, svecchiare la comunicazione di un testo rimane l'obiettivo principale assieme allo spingere alla riflessione e al pensiero personale. Che questa azione possa portare a ulteriori e più approfondite letture rimane forse un'utopia, ma una bella utopia. Che cerca in qualche modo di fare del bene.

CHE LA POESIA SIA OVUNQUE

E' un intervento che viene presentato per la prima volta alla Fnac di Torino durante la Giornata Mondiale della Poesia svoltasi il 21 marzo scorso.

E' l'invasione poetica di uno spazio: perché la parola diventi protagonista del luogo che la accoglie il collettivo progetta azioni site-specific, in modo che la poesia si fonda all'architettura dell'ambiente e alla funzione che quell'ambiente ha per il pubblico.

Videopoesie trasmesse sugli schermi dei televisori sugli scaffali, e adesivi a forma di tazzina di caffè con poesie strettamente a tema sono un esempio di quanto avvenuto alla Fnac..

“Che la poesia sia ovunque” verrà proposta per la seconda volta ai primi di maggio 2006 nell'albergo Le Meridien Turin Art+Tech e, cambiando sede, cambieranno anche i modi e le forme dell'intervento. Collaboreranno con l'Opiemme l’artista Alessandro Pianca (Biennale di Venezia 2001), il designer Massimo Rasero, e lo studio grafico Dimomedia.

SFIORACI

E’ una raccolta di poesie da leggere a coppie di Davide Danio e Danzio B., edita da Prospettivaeditrice nel 2003. Contiene testi dai toni adolescenziali, che parlano di emozioni, problemi e riflessioni sulla vita, affrontandole con un linguaggio schietto e quotidiano, per superarle. E con questo stile risulta fresca e spontanea. Sincera e diretta. Mai troppo aulica e ricercata. E’ da Sfioraci, e dalla voglia che i testi che contiene possano essere letti, che nascono questi nuovi modi di proporre la lettura di una poesia, con cui l’Opiemme caratterizza il proprio lavoro e il proprio modo di intendere la scrittura e la letteratura.

RASSEGNA STAMPA 2005

Sul canale satellitare RAI-Futura sono state trasmesse alcune delle prime video-poesie.

Interviste Radio : Radio 101, LatteMiele, SBS (Australia), OndaLigure, RockFM.

Principali Articoli: Urban, Exibart, La Stampa, La Repubblica, Repubblica.it, Gioia Casa, Il Secolo XIX.

L’articolo più prestigioso è stato pubblicato involontariamente sulle pagine della Stampa e di Specchio. Uno spot presentava l’uscita del libro di Marco Polo in edicola: nell’immagine si leggeva una poesia adesiva dell’Opiemme sopra una buca postale.

In libreria

Sfioraci”, Prospettivaeditrice 7euro (poesie da leggere a coppie di Danzio B. e Davide Danio), isbn: 88-7418-171-X

Lo riceverete gratis, da internet a casa vs, registrandovi a questo link: http://www.365bookmark.it/promo/radioveronica/

Prossima appuntamento :

Roma, Villa Celimontana Jazz Festival ( http://www.villacelimontanajazz.co m )

dal 15 Giugno al 27 Agosto

L'Opiemme porterà con due installazioni la poesia nelle notti jazz romane

ULTERIORI INFORMAZIONI, PER RICEVERE TESTI, FOTOGRAFIE E VIDEO

349 6709630 danzio b. scrivi@opiemme.com http://www.opiemme.com

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: OPIEMME

Danzio B. e Davide Danio sono liguri e nel 1998 creano l'Opiemme, oggi un collettivo che cerca di svecchiare la poesia e che lavora sulla combinazione di mezzi comunicativi diversi.
Hanno pubblicato ''Sfioraci'' per Prospettiva editrice, una raccolta di poesie da leggere a coppie. Nell'inverno 2006/7 uscirà la loro prima raccolta di racconti si intitolerà ''Sette'' e vedrà contenuti anche i testi di Egon, altro elemento dell'Opiemme, con una partecipazione esclusiva di Serraglia.com.
''Odore di Donna'' è attualmente inedita, alla ricerca di un editore che ne possa garantire una buona distribuzione, funzionale all'ampia visibilità che gli autori danno ai testi con le loro sperimentazioni e l'attenzione del pubblico e degli organi di stampa.
Il progetto definitivo del libro prevede una collaborazione con l'illustratrice che ha realizzato questa copertina: Francesca Ballarini (www.francescaballarini.it) che disegnerà una sintetica scena per accompagnare ogni poesia.

Sito: http://opiemme.com
Email: scrivi@opiemme.com
News e dettagli: http://www.fotolog.com/opiemme/
Ultima intervista: http://www.playzebra.it/zebra04/opiemme/
Recensione lavori: http://www.exhibart.it/searchfullt1v2.asp?search=opiemme
Ultimo articolo: D di Repubblica del 10 giugno, Pag.117-118, immagini. Trafiletto di Helga Marsala.

''Le cose che scriviamo,
senza occhi che le leggano
non raccontano.
Rimangono in silenzio.
Non vivono
''

dalla 4° di copertina di Sfioraci:
http://www.prospettivaeditrice.it/libri/schedeautori/opiemme1.htm
Recensione di Sfioraci: http://www.kultvirtualpress.com/articoli.asp?data=36

:: Eventi recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 77 millisecondi