:: Home » E-Book » 2005 » Maggio
2005
9
Mag

Cuba

Commenti () - Page hits: 2200
Dettagli
Collana: Saggi
Lingua: italiano
Lunghezza: circa 28600 parole (tempo di lettura: 90-130 minuti)
Prezzo: Gratis
Descrizione: Diciassette articoli su Cuba oggi, sui cubani e la loro vita nel duemila, sulle loro tradizioni, sulla loro cultura, sulla loro situazione politica, corredati da splendide immagini di Stefano Pacini. Cuba veramente vista ''dalla parte dei cubani'', raccontata da Gordiano Lupi, capo redattore de Il Foglio Letterario e già autore, tra l'altro, di Cuba Magica e di Un isola a passo di son.
Estratto

La disillusione rivoluzionaria

 

Non sono molti i cubani che sostengono ancora di essere comunisti. Noi almeno ne abbiamo incontrati pochi e quei pochi fanno tanti distinguo, tirano in ballo il passato, Che Guevara e Camilo, dicono che adesso Fidel Castro è troppo cambiato. Nessuno difende il regime e noi siamo i primi a dire che nell'attuale momento storico è difficile difenderlo. Non siamo qui per dare giudizi morali e dire che i costumi con gli anni sono andati peggiorando e che le generazioni post rivoluzionarie sono peggiori delle precedenti. Può essere anche vero, ma non è compito nostro stabilirlo. Sta di fatto che sono rimasti in pochi a credere nella bontà della rivoluzione e che oltre dieci anni di periodo speciale hanno fiaccato ogni convinzione politica. Il famoso discorso di Fidel Castro del 1989 invitava il popolo a ''stringere la cintura''. Adesso i cubani dicono con una divertente barzelletta che nelle loro cinghie manca lo spazio per i buchi. Quella che un tempo era una popolazione tendente all'obesità adesso può vantarsi di esportare la dieta migliore per tenersi in forma. La ''cura Fidel'', come la chiamano scherzando i cubani, soprattutto gli avaneri che sono i più spiritosi e irriverenti nei confronti del potere. Il crollo del muro di Berlino e la fine dei regimi comunisti, che acquistavano prodotti come la canna da zucchero e inviavano in cambio petrolio a prezzi politici, ha prodotto la crisi economica che ancora attanaglia l'isola caraibica e non accenna a finire. Il periodo speciale ha avuto momenti durissimi nei primi anni di proclamazione. Gli avaneri sono anche scesi in piazza per manifestare contro Fidel e il Comandante ha dovuto sedare le proteste di persona facendo ricorso a tutto il suo carisma. Non si trovavano generi alimentari, soprattutto la carne, la libreta del razionamento garantiva solo pochi quantitativi di riso, fagioli e latte per i bambini, al massimo qualche uovo. L'embargo americano diventava ancora più insopportabile, i medicinali e altri generi di prima necessità erano introvabili. Il periodo speciale segnava l'inizio di un'economia di guerra, con razionamento di combustibili, generi alimentari ed elettricità. Le città diventavano semibuie e l'apagon (il black out energetico) era ogni giorno compagno non gradito delle famiglie cubane. I mezzi pubblici scarseggiavano, le biciclette sostituivano le auto e non si trovavano pezzi di ricambio per riparare motori e carrozzerie.

Il recente film Lista de espera di Juan Carlos Tabio dà un'esauriente quadro di questa situazione. Nella pellicola un gruppo di cubani di varia estrazione sociale si ritrova in una stazione di servizio ad attendere la partenza di una corriera che non arriverà mai. Il regista mette in mostra tutta la voglia di non arrendersi dei cubani e la fantasia che anima le loro azioni alla ricerca di una soluzione.

E' normale che tante spiegazioni storiche e politiche il cubano medio non le possa comprendere, perché è lui che vive problemi e mancanze sulla propria pelle e ne sopporta le conseguenze. Chi ha un malato terminale in casa e non possiede un antidolorifico non può contentarsi di sapere che non lo trova perché c'è l'embargo statunitense. Infatti sa benissimo che alla farmacia internazionale del Vedado hanno gli armadi pieni di morfina, Taradoll e ogni tipo di calmante, come sa che occorrono dollari per acquistarle. E allora la tanto osannata assistenza sanitaria del regime va a farsi benedire, perché se è vero che i medici sono gratuiti è anche vero che serve a poco avere la prescrizione di un medicinale che nessuno può permettersi di acquistare. Solo chi ha un parente oltre confine riesce a cavarsela e i cubani di oggi vivono quasi tutti di modeste rimesse dall'estero. Chi ha una figlia sposata in Europa, chi un figlio scappato a Miami su di una zattera ai tempi dell'apertura del Mariel, chi un parente che ha trovato un lavoro fuori per un caso del destino. Le medicine le mandano loro e spesso vanno a finire in una sorta di mercato nero della sofferenza. La stessa considerazione vale per vestiti, giocattoli, quaderni, penne e tutte le cose che vengono dall'estero in occasione delle frequenti visite da parte dei familiari emigrati. Per un po' i regali vengono utilizzati, poi, una volta finito il denaro, sono venduti al mercato nero per comprare qualcosa da mangiare.

Ecco perché il cubano non può più essere comunista.

...continua...

Download
e-paperback
620 kb
Contiene testo/immagini
non richiede lettore esterno
leggibile solo su Windows
il file verrà scaricato compresso come .ZIP
506 kb
Contiene testo/immagini
richiede lettore lettore Windows o lettore Java (gratuiti)
leggibile su Windows + (con lettore Java) Mac / Linux...
il file verrà scaricato compresso come .ZIP
e-pub
500 kb
Contiene testo/immagini
richiede lettore (gratuito)
leggibile su Windows / Mac / Linux / WinCE / Palm / Cellulari / iPhone/iPod Touch (con Stanza)...
PalmDOC
87 kb
Contiene solo testo
richiede lettore (gratuito)
leggibile su Windows / Mac / Linux / WinCE / Palm / Cellulari...
il file verrà scaricato compresso come .ZIP
PalmReader
209 kb
Contiene testo/immagini
richiede lettore (gratuito)
leggibile su Palm / WinCE / Windows / Mac
il file verrà scaricato compresso come .ZIP
496 kb
Contiene testo/immagini (hires)
richiede lettore (gratuito)
leggibile su Palm / WinCE / Windows / Mac
il file verrà scaricato compresso come .ZIP
MS Reader
484 kb
Contiene testo/immagini
richiede lettore (gratuito)
leggibile su Windows / WinCE
Adobe PDF
596 kb
Contiene testo/copertina
richiede lettore (gratuito)
leggibile su Windows / Mac / Linux / PocketPC / Palm OS / Symbian OS...
0 kb
Contiene testo/copertina
ottimizzato per Sony Reader
0 kb
Contiene testo/copertina
ottimizzato per iLiad
Per i formati in cui è richiesto un lettore (un programma aggiuntivo che consenta la visualizzazione dell'e-book) nella descrizione sulla destra è fornito anche il link al più comune di questi programmi scaricabili gratuitamente.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Gordiano Lupi

Gordiano Lupi (Piombino, 1960). Collabora con La Stampa di Torino. Traduce gli scrittori cubani Alejandro Torreguitart Ruiz e Yoani Sánchez. Ha pubblicato molti libri monografici sul cinema di genere italiano per la casa editrice romana Profondo Rosso. Collabora con www.tellusfolio.it curando rubriche su Cuba, cinema italiano e narrativa italiana. Tra i suoi lavori più recenti: Cuba Magica – conversazioni con un santéro (Mursia, 2003), Un’isola a passo di son - viaggio nel mondo della musica cubana (Bastogi, 2004), Almeno il pane Fidel – Cuba quotidiana (Stampa Alternativa, 2006), Mi Cuba (Mediane, 2008), Fellini - A cinema greatmaster (Mediane, 2009), Sangue Habanero (Eumeswil, 2009), Una terribile eredità (Perdisa, 2009), Per conoscere Yoani Sánchez (Il Foglio, 2010), Fidel Castro – biografia non autorizzata (A.Car, 2010), Velina o calciatore, altro che scrittore! (Historica, 2010). Cura la versione italiana del blog Generación Y della scrittrice cubana Yoani Sánchez e ha tradotto per Rizzoli il suo primo libro italiano: Cuba libre – Vivere e scrivere all’Avana (2009). Pagine web: www.infol.it/lupi


MAIL: lupi@infol.it
WEB:
www.infol.it/lupi
:: E-Book recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 87 millisecondi