:: Home » Articoli » 2013 » Agosto
2013
25
Ago

Dislessia e altri DSA a scuola

media 5 dopo 1 voti
Commenti () - Page hits: 1050


Strategie efficaci per gli insegnanti

LE GUIDE ERICKSON

 
La collana “Le guide Erickson”  ha l’obiettivo principale di fornire agli insegnanti dei manuali completi e aggiornati sulle più importanti tipologie di disabilità e disturbi specifici di apprendimento che si incontrano nelle nostre classi: sono stati pubblicati per ora manuali che riguardano il disturbo dell’attenzione e della iperattività (ADHD), l’autismo e questo manuale che riguarda in particolare la dislessia e tutti gli altri disturbi specifici dell’apprendimento (alunni DSA), come per esempio la discalculia, la disgrafia etc.
Bisogna dire che i disturbi specifici dell’apprendimento, e in particolar modo la dislessia, sono entrati in modo preponderante nell’attenzione della prassi didattica nazionale, soprattutto a partire dalla legge 170 del 2010, che riconosce un’attenzione pedagogica particolare che la Scuola deve porre nei confronti di questi tipi di disturbi, che comunque non devono essere considerati come disabilità e non richiedono un insegnante di sostegno specifico, ma un potenziamento della didattica individualizzata.
Chi fa il lavoro dell’insegnante negli ultimi anni conosce bene tutto l’apparato normativo che tutela gli alunni che presentano questo tipo di problemi e spesso ha la necessità di avere una diagnosi accurata, che faccia partire la possibilità di utilizzare quegli strumenti dispensativi e compensativi che possano aiutarlo nel lavoro di programmazione individuale per gli alunni.
In questo contesto, i manuali, che spieghino agli insegnanti in modo chiaro e concreto quali sono le specificità di questi disturbi e come intervenire praticamente nel lavoro delle nostre classi, sono sicuramente strumenti preziosissimi a disposizione di chi fa questo tipo di mestiere.
Un primo vantaggio di questa guida è sicuramente la completezza, perché si avvale dei contributi dei più importanti esperti del panorama italiano (e si potrebbe allargare internazionale), come Giacomo Stella, Cesare Comoldi, Flavio Fogarolo e davvero tantissimi altri; per fare un esempio le pagine iniziali che presentano gli autori dei diversi contributi elencano ben 48 nomi! La completezza significa anche avere a disposizione i contributi scientifici più moderni intorno a questi tipi di disturbi e quindi anche le strategie più efficaci e particolareggiate per affrontarli.
Un altro aspetto da non sottovalutare è l’estrema chiarezza e sistematicità del manuale, che è così tanto arricchito da presentazione delle singole sezioni, linee temporali e sequenziali, richiami ai contenuti trattati ai bordi della pagina, mappe concettuali per ogni capitolo e  sintesi finali, da rendere davvero la lettura del testo lineare e semplice, permettendo in ogni momento al lettore di orientarsi e richiamare i passaggi che interessano di più, in modo da utilizzare le nozioni più utili senza dovere per forze leggere tutto il manuale, ma selezionando i richiami più importanti.
Il testo è diviso in quattro sezioni:
a) “Conoscere, osservare e valutare”, che presenta le definizioni delle diverse tipologie di DSA, nei campi della lettura, scrittura, calcolo e apprendimento non verbale, richiamandosi alla letteratura scientifica più avanzata. In questa parte si presenta anche la prima valutazione che di solito va compilata dallo specialista, cioè la diagnosi funzionale, che costituisce un primo strumento nelle mani dei genitori e della scuola per impostare il lavoro.
b) “Programmare e agire”: analizza gli interventi concreti che la scuola e gli operatori coinvolti sono chiamati a compiere per una corretta progettazione didattica; è una parte molto ricca che illustra sia come compilare il Piano Didattico Personalizzato (che costituisce anche un obbligo burocratico a cui adempiere e che spesso ha proprio bisogno di questi utili suggerimenti per una corretta compilazione), sia quali sono gli strumenti dispensativi, compensativi (con anche suggerimenti di ausili software) e i consigli pratici su come agire.
c) “Riflettere e comprendere”: questa sezione permette di cogliere anche le conseguenze emotive, motivazionali e relazionali che spesso accompagnano i DSA; questa tipologia di disturbi infatti spesso possono modificare l’autostima, la percezione delle proprie capacità e le relazioni degli alunni e c’è quindi bisogno di uno sguardo completo per intervenire anche su quegli elementi che sono spesso associati. In questa parte, inoltre, si trova un interessante capitolo sugli sviluppi temporali dei DSA, che sebbene sono più pressanti in epoca scolare, accompagnando gli apprendimenti, in realtà devono essere compresi nel percorso di tutto l’arco della vita per migliorarne la qualità anche in età adulta.
d) “Allearsi e condividere”: questa ultima parte, formata di un solo capitolo conclusivo, pone la questione dei DSA all’interno di una logica di “lavoro di rete”, che diventa tanto più efficace  quanto sono definiti in modo preciso ruoli e compiti dei diversi attori sociali (famiglia, scuola, specialisti, extra-scuola etc.).
Anche solo da una rapida presentazione delle sezioni si può evincere che siamo davanti a un manuale davvero ricco di prospettive, per avere uno sguardo completo alle diverse teorie scientifiche, ma anche ricchi suggerimenti pratici per l’intervento sul campo.
La ricchezza del materiale è sicuramente un ultimo e decisivo vantaggio di questo volume (dopo la completezza e la chiarezza): basta scorrere i singoli capitoli per osservare la presenza di numerosi box con esempi di casi, articoli di approfondimento, interviste con esperti che rispondono alle perplessità più comuni e anche, in alcuni capitoli, esempi di attività e schede operative da utilizzare per la progettazione didattica e con gli alunni. Come se non bastasse, il materiale presente nelle più di 300 pagine presenti nel volume è arricchito da altre materiale online scaricabile dal sito della Erickson, da cui è possibile scaricare anche la versione demo di due programmi per la lettura e la creazione di mappe.
In generale, possiamo dire che anche questo volume conferma il lavoro egregio che la collana Le guide Erickson porta avanti per offrire ai docenti delle scuole di ogni ordine e grado degli strumenti davvero utili per il lavoro in classe.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Luca Giorgini
Luca Giorgini, 33 anni, ha il Baccellierato in Teologia e ha frequentato un corso annuale di “Handicap e Svantaggio nell’apprendimento”. Attualmente sta conseguendo la Laurea Specialistica in “Antropologia Culturale ed Etnologia”. Lavora come educatore in ambito scolastico e territoriale con ragazzi della scuola secondaria di primo grado. Ama il suo lavoro, leggere e fare due chiacchiere con gli amici.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 71 millisecondi