:: Home » Articoli » 2005 » Marzo
2005
11
Mar

Memoria delle mie puttane tristi

Commenti () - Page hits: 950

(Gabriel Garcia Marquez - Mondadori)

Ho comprato questo romanzo del grande narratore sudamericano, premio Nobel per la letteratura nel 1982, sulla spinta emotiva di giganteschi marchettoni letti un po’ ovunque. Augias, D’Orrico, riviste letterarie, inserti culturali. Aprivo un giornale e leggevo una recensione entusiasta. “Marquez torna alla narrativa dopo dieci anni di astinenza e ci consegna un vero capolavoro”, tuonava Augias dalle autorevoli colonne del Venerdì di Repubblica. Ormai lo so che non mi dovrei fidare e che quando si muovono quasi tutti i marchettari di regime c’è sempre qualcosa sotto, però Marquez è sudamericano, mica italiano, e allora l’ho comprato.
Il romanzo si legge in due ore scarse, perché è impaginato a maglie larghe a uso e consumo dei non lettori che comprano un libro solo perché è in testa alle classifiche di vendita. Il sistema l’ha inaugurato Rizzoli con Senza sangue di Baricco ma prosegue con successo anche in casa Mondadori e permette di vendere un racconto di ottanta pagine a 14 euro, come se fosse un vero romanzo. Mica male, se si considera che lo ha scritto un premio Nobel per la letteratura e che la vendita di oltre ottantamila copie è cosa quasi certa. Marquez è padrone di uno stile eccelso, la sua prosa incanta pagina dopo pagina, appassiona al punto che lui racconta il niente e tu resti lo stesso incollato alla pagina. Però tutto si esaurisce con uno sterile esercizio di stile che il maestro colombiano svolge con la bravura del primo della classe. Un aspirante scrittore troverà in questo libro una grande lezione di scrittura creativa e capirà che per scrivere un buon romanzo non occorre avere grandi cose da dire, basta lo stile e la padronanza della lingua. Ma da uno come Marquez ci si attenderebbe di più che seguire per due ore scarse le gesta di un professore - giornalista che in vita sua ha fatto l’amore solo con puttane e che alla fine si innamora di una prostituta di quindici anni. Io ho iniziato il libro convinto di leggere un capolavoro e a pagina centoquaranta la mia testa ribolliva di domande: “E allora? Cosa mi volevi dire? Perché ti ho letto?”. Ho rimpianto di non aver attaccato un manoscritto inedito di uno dei ragazzi che selezioniamo per pubblicare con Il Foglio. A caldo mi resta solo l’impressione di aver perso due ore e del romanzo non mi è rimasto niente. Il mio consiglio quindi è quello di non comprare Memoria delle mie puttane tristi ma di riscoprire il vecchio Marquez, magari quello di Cronaca di una morte annunciata e de L’amore ai tempi del colera. Un Marquez che non deludeva e che soprattutto non aveva bisogno di diluire un raccontino in un finto romanzo di centoquaranta pagine a corpo sedici e interlina due.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Gordiano Lupi

Gordiano Lupi (Piombino, 1960). Collabora con La Stampa di Torino. Traduce gli scrittori cubani Alejandro Torreguitart Ruiz e Yoani Sánchez. Ha pubblicato molti libri monografici sul cinema di genere italiano per la casa editrice romana Profondo Rosso. Collabora con www.tellusfolio.it curando rubriche su Cuba, cinema italiano e narrativa italiana. Tra i suoi lavori più recenti: Cuba Magica – conversazioni con un santéro (Mursia, 2003), Un’isola a passo di son - viaggio nel mondo della musica cubana (Bastogi, 2004), Almeno il pane Fidel – Cuba quotidiana (Stampa Alternativa, 2006), Mi Cuba (Mediane, 2008), Fellini - A cinema greatmaster (Mediane, 2009), Sangue Habanero (Eumeswil, 2009), Una terribile eredità (Perdisa, 2009), Per conoscere Yoani Sánchez (Il Foglio, 2010), Fidel Castro – biografia non autorizzata (A.Car, 2010), Velina o calciatore, altro che scrittore! (Historica, 2010). Cura la versione italiana del blog Generación Y della scrittrice cubana Yoani Sánchez e ha tradotto per Rizzoli il suo primo libro italiano: Cuba libre – Vivere e scrivere all’Avana (2009). Pagine web: www.infol.it/lupi


MAIL: lupi@infol.it
WEB:
www.infol.it/lupi
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 43 millisecondi