:: Home » Articoli » 2011 » Luglio
2011
5
Lug

Memorie di un venditore di libri

media 2 dopo 2 voti
Commenti () - Page hits: 1500
Pagg.77 Euro 9,00
Marsilio Editori
 
Un meeeting  di trenta scrittori a Vienna  e un viaggio a Madrid, guidati da don Procolo Falanga, sui libri, sul perché non si vendono, ma restano soltanto le rese ammucchiate nei depositi delle case editrici. Pubblicato, nel 2000 per la raccolta “Disertori”, pubblicata dall’Einaudi, questo piccolo libro, saggio-romanzo, viene riproposto oggi e conserva non solo una  freschezza narrativa non comune,  ma affronta un tema di scottante attualità: i libri che non si vendo; perché? Franchi fa dire ad un protagonista del suo racconto “E libri nun se vendono: Ma nun è che nun se vendono mo’. E i libri nun se venduti maie”. Il protagonista, don Procolo, è un vecchio venditore  di libri, pessimista, a tratti cinico,  ma dal fiuto infallibile nel capire se un volume diventerà, o meno, un best-seller. Gli bastano pochi indizi per capire se un libro avrà, o meno, successo ed invita gli scrittori, ed in modo particolare i poeti, a non scrivere per evitare fallimenti umani ed editoriali. Franchini, esperto del settore, è l’edito della Mondadori al quale si deve, fra l’altro, la scoperta di Paolo Giordano e la scelta del titolo del romanzo “La solitudine dei numeri primi”, mette in evidenza la nostalgia del passato quando, specie al Sud, i libri si vendevano presso le rivendite di tabacchi, i negozi di generi alimentari, i barbieri, mentre, oggi, la situazione editoriale stenta a decollare. Franchini lascia intendere che tutti scrivono, ma pochi leggono libri (un concetto che lo scrittore comisano Gesualdo Bufalino  aveva spesso esternato) e non acquisendo un bagaglio culturale, danno ,o vogliono dare alle stampe, volumi di pessima qualità e il suo è anche un atto d’accusa verso il mondo editoriale per  la facilità con la quale pubblica romanzi destinati al macero. Giustamente, da editor e da scrittore, Franchini non dà soluzioni su cosa e come scrivere romanze, poesie o saggi, ma invita i potenziali scrittori a lasciar perder a meno che non posseggano strumenti culturali adeguati e siano in grado di offrire storie innovative. Con questo libro, l’autore cui aiuta a conoscere meglio la figura del venditore di libri, un mestiere certamente difficile rispetto al passato, ma oggi più che mai, in considerazione che la vendita dei libri, prodotti come altri, è affidata non più alle botteghe, che l’autore rimpiange, sono le pagine piu’ poetiche del libro,ma alla grande distribuzione.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Giuseppe Petralia è giornalista pubblicistica dal 1984. Recensisce il primo libro ''Intervista sul socialismo italiano a Pietro Nenni'' a 18 anni, intervista apparsa sul periodico “Proposta Socialista”. Inizia a scrivere sulle pagine di ''Trapani Nuova'' e diventa, sempre nel 1981 corrispondente da Partanna (Trapani) de ''Il Giornale di Sicilia''. Collabora da dieci anni al periodico ''Il Belìce'', con recensioni di libri e articoli di cronaca e di politica. Ha collaborato con il periodico ''La Notizia-In'' e per quanto riguarda il web con il sito dello scrittore Antonio Messina, con www.belice.it e con libri.brik.it. Ha collaborato con recensioni ed interviste con la scrittrice Francesca Mazzucato e con ''I libri della settimana'' di Giancarlo Macaluso sul sito www.gds.it. Ha intervistato, fra gli altri, Vanessa Ambrosecchio, Simona Vinci, Domenico Cacopardo, Marco Vichi, Luca Di Fulvio, Ivan Cotroneo, Gabriella Imperatori, Paola Mastrocola, Grazia Verasani, Pietro Spirito, Teresa Ciabatti, Simona Corso, Alessandra Montrucchio, Enrico Remmert, Alessandro Perissinotto.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 47 millisecondi