:: Home » Articoli » 2011 » Gennaio
2011
31
Gen

Io e te

Commenti () - Page hits: 2150
Pagg.116 euro 10
Einaudi editore
 
Ad un anno dalla pubblicazione dell’apocalittico “Che la festa cominci”, lo scrittore romano ritorna in libreria con un romanzo esile di pagine, ma denso di contenuti. Protagonista è Lorenzo Cuni,  un ragazzo di quattordici anni, che ha un rapporto molto intenso con la madre, “sente il suo profumo di sandalo”,  il padre è assente nel volume, ma che si sente inadeguato rispetto ai compagni di classe e, per vivere, o per sopravvivere alle regole del “branco”,  cerca di adeguarsi al loro stile di vita, anche se “mi sentivo come una sardina in una scatola di sardine”.  Veste in jeans, indossa felpe Adidas, cerca di essere come “loro”, ma non è lo è, è diverso. Vuole differenziasi, essere una mosca fra tante vespe,  ma non vi riesce e questa diversità induce i genitori a spedirlo dallo psicanalista. Ma Lorenzo è normale, anche se resta, nonostante tutto, emarginato, tanto da non essere invitato a trascorrere una settimana bianca a Cortina nella villa della bella compagna di scuola. Mente alla madre, informandola che partirà per Cortina,  ma si rifugia in cantina dove decide di trascorre i  sette giorni, solo con se stesso, circondato da bottiglie di Coca-Cola, libri horror e sporcizia. La sua prigione volontaria viene ad essere violata da Olivia, la sua “sorellastra”, figlia del matrimonio precedente del padre con un’altra donna.  Lorenzo è costretto a farla dormire nella cantina, per evitare che la ragazza possa rivelare che il giovane non è a sciare, ma in cantina e, dopo un’iniziale diffidenza, fra i due si instaura  un rapporto di complicità. Olivia sta male, ha seri  problemi di droga,  il padre ha cercato di salvarla, ma non vi è riuscito. Sola, senza soldi e senza un tetto, pensa che il bunker di Lorenzo sia il suo  posto ideale per una guarigione per allontanarsi da compagnie non idilliache che frequenta. Grazie a lei, Lorenzo uscirà, non solo fisicamente, dalla sua prigione, accettando la maturità, abbandonandosi alle spalle l’adolescenza, superando la famosa “Linea d’ombra” di Conrad. Accetterà la vita, il suo caos, i suoi drammi. Lo scrittore ci regala un finale a sorpresa, inaspettato, forse le pagine migliori del romanzo, con un Lorenzo grande che sarà chiamato a riconoscere Olivia, una figura intensa, sofferente, ben tratteggiata. La scrittura di Ammaniti è molto cinematografica e visiva (non a caso Bernardo Bertolucci girerà, presto, un film tratto dal libro),   ma questo piccolo volume, forse più dei precedenti, racchiude “il mondo” dello scrittore romano, amato dal  pubblico, sovente messo sotto accusa dai critici: l’adolescenza con i suoi innumerevoli problemi, i rapporti genitori-figli, sovente pessimi, una omologazione giovanile che fa di Lorenzo un “disadattato”, le difficoltà per crescere, per crearsi un proprio “mondo interiore, i rapporti con i nonni, molto poetica la descrizione della visita del protagonista alla nonna ricoverata in ospedale. La scrittura è scarna, asciutta, essenziale. Con pochi  elementi, l’autore di “Come Dio Comanda”, sicuramente uno dei suoi migliori libri, ci descrive, in questo è bravissimo,  uno dei passaggi più complicati e dolorosi, dall’adolescenza alla maturità, che un uomo deve affrontare.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Giuseppe Petralia è giornalista pubblicistica dal 1984. Recensisce il primo libro ''Intervista sul socialismo italiano a Pietro Nenni'' a 18 anni, intervista apparsa sul periodico “Proposta Socialista”. Inizia a scrivere sulle pagine di ''Trapani Nuova'' e diventa, sempre nel 1981 corrispondente da Partanna (Trapani) de ''Il Giornale di Sicilia''. Collabora da dieci anni al periodico ''Il Belìce'', con recensioni di libri e articoli di cronaca e di politica. Ha collaborato con il periodico ''La Notizia-In'' e per quanto riguarda il web con il sito dello scrittore Antonio Messina, con www.belice.it e con libri.brik.it. Ha collaborato con recensioni ed interviste con la scrittrice Francesca Mazzucato e con ''I libri della settimana'' di Giancarlo Macaluso sul sito www.gds.it. Ha intervistato, fra gli altri, Vanessa Ambrosecchio, Simona Vinci, Domenico Cacopardo, Marco Vichi, Luca Di Fulvio, Ivan Cotroneo, Gabriella Imperatori, Paola Mastrocola, Grazia Verasani, Pietro Spirito, Teresa Ciabatti, Simona Corso, Alessandra Montrucchio, Enrico Remmert, Alessandro Perissinotto.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 92 millisecondi