2011
26
Gen

Il Meccanico Landru

Commenti () - Page hits: 1300
Garzanti Editore
Pagg.370 Euro 18,60
 
Bellano, gennaio 1930. Da un treno scendono sei operai che hanno il compito di montare i nuovi telai elettrici nel cotonificio. In seguito ad una rissa avvenuta in occasione di una festa,cinque vengono condannati a lasciare il paese, ad eccezione del meccanico Landru, “salvato” dalla testimonianza della bella Maddalena. Un personaggio, Landru,  che porterà scompiglio e scalpore nella tranquilla vita paesana,  un uomo che prenderà in giro molte persone, ma del quale, in virtù delle eccezionali qualità calcistiche, il potere costituito, rappresentato dal segretario fascista Aurelio Pasta, non potrà farne a meno. Pubblicato, per la prima volta, nel 1992, Vitali ripropone questo romanzo arricchendolo di nuovi personaggi e situazioni. Landru è il sogno di molte donne: da Maddalena Gilardoni ( l’esuberante rossa)  all’Emilia Personnini, segretaria del cotonificio retto dall’ingegnere Galimbelli. Una donna , quest’ultima, che sogna di scappare con Landru in Argentina e per il quale, nonostante una vita privata e professionale irreprensibile, commetterà un reato  e sarà costretta a lasciare il posto di lavoro per andare a vivere con il fratello , la moglie e i nipoti.  Ma Angelucci  Landru è un poco di buono: si fa dare soldi dal fratello di Emilia, Otello che ha scritto, “ in un momento di profonda angoscia” una lettera d’amore a Maddalena, anche se poi si sposerà con Maddalena, ruba soldi dentro la chiesa del paese, viene assunto, come becchino, presso il cimitero, ma dà vita ad uno strano commercio di ossa.  Eppure, il segretario fascista Pasta ha bisogno di lui: è un centravanti formidabile, riesce sempre a segnare e a far vincere la propria squadra  di calcio e per il fascismo le vittorie sportive son importanti, fino a quando la situazione precipita e Vitali ci regala un bel  finale. Lo scrittore imbastisce una trama narrativa ricca di personaggi e situazioni, alternando abilmente le scene ai dialoghi. E’ come un burattinaio che manovra abilmente i propri burattini : nel libro un posto di non secondaria importanza hanno il capostazione Amedeo Musante, informatore del maresciallo dei carabinieri Rodinò, l’avversario interno  di Pasta, l’astuto Eumeo Pennati, personaggi ben caratterizzati. Ancora una volta, Vitali non si smentisce: è molto bravo a dare vita a diverse storie che si intersecano per formare un perfetto mosaico ( il romanzo) , delinea molto bene le figure femminili, e in modo particolare l’ Emilia, che perde la testa per il meccanico, ma l’ambientazione dei suoi libri negli anni del fascismo è un pretesto narrativo per ridicolizzare alcun atteggiamenti tipici  del regime. Basti pensare alla spedizione punitiva degli uomini che vogliono dare una “ lezione” a Landru”, al processo imbastito per i cinque operai. La scrittura di Vitali è chiara, diretta, semplice;  ironica ,sarcastica, lo scrittore ci fa sorridere leggendo i suoi libri, che si leggono facilmente, qualcuno li ha definiti “ libri da bere”,   un’ironia che lascia spazio alla riflessione.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Giuseppe Petralia è giornalista pubblicistica dal 1984. Recensisce il primo libro ''Intervista sul socialismo italiano a Pietro Nenni'' a 18 anni, intervista apparsa sul periodico “Proposta Socialista”. Inizia a scrivere sulle pagine di ''Trapani Nuova'' e diventa, sempre nel 1981 corrispondente da Partanna (Trapani) de ''Il Giornale di Sicilia''. Collabora da dieci anni al periodico ''Il Belìce'', con recensioni di libri e articoli di cronaca e di politica. Ha collaborato con il periodico ''La Notizia-In'' e per quanto riguarda il web con il sito dello scrittore Antonio Messina, con www.belice.it e con libri.brik.it. Ha collaborato con recensioni ed interviste con la scrittrice Francesca Mazzucato e con ''I libri della settimana'' di Giancarlo Macaluso sul sito www.gds.it. Ha intervistato, fra gli altri, Vanessa Ambrosecchio, Simona Vinci, Domenico Cacopardo, Marco Vichi, Luca Di Fulvio, Ivan Cotroneo, Gabriella Imperatori, Paola Mastrocola, Grazia Verasani, Pietro Spirito, Teresa Ciabatti, Simona Corso, Alessandra Montrucchio, Enrico Remmert, Alessandro Perissinotto.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 69 millisecondi