2010
1
Nov

Jean Claude Izzo - Storia di un marsigliese

Commenti () - Page hits: 950
Perdisa (Bologna, 2010)
pag. 176, euro 14.00.
 
Questa biografia sentimentale, oltre che ovviamente appassionata, nata a opera di Stefania Nardini, a servizio della figura del poeta, giornalista, scrittore francese Izzo, “Storia di un marsigliese”, è il frutto dell’esistenza a Marsiglia dell’autrice; quattro anni di vita, a raccontare giusto quello che aveva persino annunciato Jean Claude Izzo, ovvero che Marsiglia non è per i turisti ma per chi sceglie di viverla. Il racconto della Nardini, che analizza fino in fondo i connotati di Marsiglia, inizia prima della partenza del padre italiano dello scrittore, Gennaro Izzo, che fu soldato francese di sangue italiano: in un tempo dove l’incrocio di popoli solamente, era Marsiglia. Il porto. L’approdo e le partenze. Gli intrecci di vite vissute viventi. J. C. Izzo, nell’anima del quale il volume di Stefania Nardini entra, fu dapprima giornalista. Intervallando, in gioventù soprattutto e non solo, adesioni a partiti e filosofie politiche e, di più amori e storie d’amore. Da giornalista militante, pronto a raccontare battaglie importantissime per la vicenda politica del mondo operai di Francia, ad agitatore cultura quindi promotore di riviste. Il libro della Nardini, addirittura, confida testi inediti di Izzo. Grazie, in special modo, alla conoscenza e poi relazione con parte della vasta famiglia dello scrittore e, per giunta, di quel barista Hassan gestore del locale dove tante volte Jean Claude Izzo si portò per scrivere. Izzo raggiunse – sottolinea la biografia della Nardini – l’apice della notorietà con la trilogia di romanzi con protagonista Fabio Montale – cognome dedicato al poeta italico amato dall’autore. E prima di questo passaggio fondamentale dell’avventura vitale dello scrittore, oltre all’attività senza dubbio non secondaria di giornalista, lo scrittore aveva scritto tante poesie e diversi racconti, già pubblicato alcuni libri. Eppure il suo racconto di Marsiglia immerso sopra sotto e dentro i romanzi hanno garantito, giustamente, a Izzo di divenire colui che rappresentava più fedelmente e in maniera più poetica l’identità dell’importante e infuocante città francese. Grazie a “Jean Claude Izzo. Storia di un marsigliese” s’arriva a comprendere come, però, si mischiano, quasi a fare di nuovo miscuglio, il cuore e i mutamenti di Marsiglia, la situazione politico-economica della Francia durante il tempo di J. C. Izzo, il personale del poeta, giornalista e scrittore. Ci si commuove. E si riflette, s’impara.  
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 81 millisecondi