:: Home » Articoli » 2010 » Marzo
2010
14
Mar

Il libro di legno

Commenti () - Page hits: 300
pagg.295 euro 13
Sellerio Editore

A distanza di nove anni dalla pubblicazione del libro Yesterday, ritorna il giallista palermitano, ex giornalista de “ L’Ora”, attualmente in servizio alla Rai di Palermo. Se il primo era un romanzo di formazione, incentrato sulla figura di Pietro, alter ego dell’autore,  che trovava cadaveri e bigliettini delle canzoni dei Beatles, in questo secondo romanzo dà vita d una struttura narrativa certamente piu’ complessa ed articola, sapientemente costruita, corale, di ampio respiro. Siamo a Palermo dove muore il professore Mirabella, uno stimato docente universitario lasciando, fra le altre cose, una biblioteca ricchissima di volumi: cinque mancano, forse prestati  e il professore li aveva fatti sostituire con dei libri in legno , annotando i titoli,  l’anno della stampa. Cristina, la figlia bella e attraente del professore,   si rivolge ad un ex alunno del padre, il cinquantenne Enzo Baiamonte, single, un uomo modesto che per vivere fa il radiotecnico in una piccola bottega e , per arrotondare il salario  svolge delle indagini, soprattutto su adulteri,  per conto dell’avvocato Marziano. Un tipo preciso, meticoloso, che si aggira per Palermo a bordo di una Fiat Punto che porta spesso in officina, che frequenta poche persone, che non ha una storia sentimentale. Un uomo tranquillo, che si accontenta di piccole cose e  Cristina che gli ricorda la soubrette Tiziana Pini, dallo stesso tanto amata,  fa accettare l’incarico ad Enzo. di recuperare  i cinque volumi. Da questo momento in poi, Costa , tramite Enzo, ci fa “entrare” in una  Palermo molto diversa da quella descritta in Yesterday, analizzando un contesto socio- politico animato  da personaggi senza scrupoli, desiderosi di potere e di successo che contrappone ad Enzo, un uomo, seppur bravo a scuola, che non ha auto fortuna,  un uomo che non ha conosciuto il potere. Ma sarà proprio questo personaggio “anomalo” a scoprire una serie di meccanismi come il fatto che Cristina tradisce il marito con un uomo della malavita organizzata. Riesce a ritrovare  l’ex compagno di scuola, l’ emergente Tanino Lo Manto, si imbatte nell’enigmatico  padre Ringhio, scopre i rapporti  che legano il suo avvocato Marziano ad ambienti politici non puliti, si trova ad essere invischiato in un gioco piu’ grande di lui. Una trama avvincente, molto articolata, ricca di situazioni e di personaggi egregiamente descritti  dallo scrittore che ci regala un finale sorprendente. Enzo, troverà anche l’amore , ma non più l’amata Palermo, perché è diventato estraneo alla sua città, refrattario ai suoi luoghi, alle cattedrali e alle chiesette dei riti musicali , gastronomici e sessuali”. “ Era un pesce rosso, resistente, ma incapace di vivere in un’acqua con componenti chimiche diverse”, tranne che con gli amici al bar e/o a giocare a arte nel quartiere dell’Olivuzza “l’ultimo vero quartiere della Palermo del secolo scorso”. Enzo riuscirà a decifrare il mistero dei libri di legno e molto altro ancora e lo scrittore intende lanciare un messaggio di speranza, contro la mafia e i soprusi, subiti storicamente  dai siciliani.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Giuseppe Petralia è giornalista pubblicistica dal 1984. Recensisce il primo libro "Intervista sul socialismo italiano a Pietro Nenni" a 18 anni, intervista apparsa sul periodico “Proposta Socialista”. Inizia a scrivere sulle pagine di "Trapani Nuova" e diventa, sempre nel 1981 corrispondente da Partanna (Trapani) de "Il Giornale di Sicilia". Collabora da dieci anni al periodico "Il Belìce", con recensioni di libri e articoli di cronaca e di politica. Ha collaborato con il periodico "La Notizia-In" e per quanto riguarda il web con il sito dello scrittore Antonio Messina, con www.belice.it e con libri.brik.it. Ha collaborato con recensioni ed interviste con la scrittrice Francesca Mazzucato e con "I libri della settimana" di Giancarlo Macaluso sul sito www.gds.it. Ha intervistato, fra gli altri, Vanessa Ambrosecchio, Simona Vinci, Domenico Cacopardo, Marco Vichi, Luca Di Fulvio, Ivan Cotroneo, Gabriella Imperatori, Paola Mastrocola, Grazia Verasani, Pietro Spirito, Teresa Ciabatti, Simona Corso, Alessandra Montrucchio, Enrico Remmert, Alessandro Perissinotto.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server INDICHOST

pagina generata in 65 millisecondi