2009
19
Dic

La Contessa di ricotta

Commenti () - Page hits: 1100
Pagg. 125 Euro 13,50 Nottetempo Editore

”La famiglia delle tre sorelle, nei primi anni dell’Ottocento, quando il re si rifugiò da noi in Sardegna….”. E’ l’incipit  di questo libro che sembra, all’inizio, una favola d’ altri tempi, ma siamo, oggi, a Cagliari, quartiere Castello. All’interno di un nobile palazzo,  vivono tre sorelle: Noemi, la maggiore, dotata di una visione sistemica,  che sogna di ricomprare gli appartamenti venduti dalla famiglia per motivi economi, la seconda, la formosa e bella Maddalena che, sposata con Mauro , sogna di avere un figlio e per ottenerlo e anche attratti sessualmente, fanno spesso l’amore e  il sesso fatto con amore, scrive l’autrice, è la cosa più  bella della vita.  Il loro amore si riversa, in assenza di un figlio,  sul gatto Miccriu .  La terza sorella non ha un nome, ma è la “ contessa di ricotta”, perché è maldestra, impacciata, insegnante supplente derisa dai ragazzi,  ma anche perché tutta la “realtà fa male al suo debole , anch’esso di ricotta”. Un’anima debole, in pena,  infagottata, a differenza delle due sorelle, in  abiti larghi e che porta grandi scarpe. Single, è   madre di Carlino, ( il padre è andato via subito dopo avere saputo che era incinta) pianista eccellente, spesse lenti da miope,  un vero e proprio terremoto. Tre sorelle , ognuna delle quali vive la vita sperando che qualcosa cambi: mentre Noemi cerca la rivincita sociale, la seconda il figlio, la “ contessa di ricotta” sogna l’amore. Tre personaggi caratterizzati molto bene dalla scrittrice che ci ricordano un po’ le Sorelle Materassi di Palazzeschi e le Tre sorelle di cechoviana memoria. I sogni delle protagoniste  si scontrano con il pragmatismo  di altri personaggi che la scrittrice inserisce in questo suo quarto romanzo: il giovane muratore Elias, del quale sui innamora Noemi, collezionista di pezzi d’arredamento appartenuti all’alta nobiltà e l’anziana tata che vive con le tre sorelle e che vanta una grande esperienza di vita realmente vissuta , o subita,  non avendo avuto tempo per i sogni. Il rapporto fra Elias e Noemi si deteriorerà, la “ contessa di ricotta” si innamorerà del vicino di casa che la aiuta a portare la spesa a casa e che si vuole occupare di Carlino, chissà se Maddalena e Mauro avranno un figlio. La speranza, lascia intendere la scrittrice, è l’ultima a morire, le illusioni non fuggono e chissà” se un giorno non sia possibile “volare e atterrare e sulla pista senza sfracellarsi “, che sarebbe una grande soddisfazione. La Agus si avvale di una scrittura briosa,chiara, a tratti ironica, volutamente senza ricercatezze linguistiche, una scrittura apparentemente semplice, ma in realtà profonda e che lancia importanti messaggi. Tutto avviene sullo sfondo di Cagliari  della quale la scrittrice mette in evidenza il cielo, il mare, i rumori estivi, i vicoli stretti ed angusti.   Un libro positivo che, se pur presenta un contesto certamente non idilliaco,  lascia posto alle speranze riposte nelle tre sorelle, ed in generale, in ciascuno di noi. Aspirare ad una vita diversa,  lascia intendere la Agus, è normale, quello che desideriamo può realizzarsi. Perché, quindi, non sognare?
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Giuseppe Petralia è giornalista pubblicistica dal 1984. Recensisce il primo libro ''Intervista sul socialismo italiano a Pietro Nenni'' a 18 anni, intervista apparsa sul periodico “Proposta Socialista”. Inizia a scrivere sulle pagine di ''Trapani Nuova'' e diventa, sempre nel 1981 corrispondente da Partanna (Trapani) de ''Il Giornale di Sicilia''. Collabora da dieci anni al periodico ''Il Belìce'', con recensioni di libri e articoli di cronaca e di politica. Ha collaborato con il periodico ''La Notizia-In'' e per quanto riguarda il web con il sito dello scrittore Antonio Messina, con www.belice.it e con libri.brik.it. Ha collaborato con recensioni ed interviste con la scrittrice Francesca Mazzucato e con ''I libri della settimana'' di Giancarlo Macaluso sul sito www.gds.it. Ha intervistato, fra gli altri, Vanessa Ambrosecchio, Simona Vinci, Domenico Cacopardo, Marco Vichi, Luca Di Fulvio, Ivan Cotroneo, Gabriella Imperatori, Paola Mastrocola, Grazia Verasani, Pietro Spirito, Teresa Ciabatti, Simona Corso, Alessandra Montrucchio, Enrico Remmert, Alessandro Perissinotto.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 237 millisecondi