:: Home » Articoli » 2009 » Marzo
2009
30
Mar

Seconda B

Commenti () - Page hits: 1250
Melino Nerella Edizioni
Anno edizione: 2009
Codice ISBN: 978-88-96311-02-8
Pagine: 192
Prezzo: 10 €

Se “Essemmesse” e “Malinconico Leprechaun”, rispettivamente prima e seconda avventura del commissario Cardona, hanno costituito due genuini e gustosi antipasti, “Seconda B”, nuova uscita in libreria di Patrizio Pacioni, costituisce senza ombra di dubbio un sostanzioso piatto forte.
Già a partire dalle prime righe del prologo il lettore è calato a forza in un “mondo liquido partorito dal sogno” che a me personalmente ha molto ricordato la forza di dirompente coinvolgimento esercitata dal primo capitolo di “Cadaveri senza volto” di Rubert Corbin: in entrambi i casi (e per tutta la durata della narrazione) si avverte infatti “la sensazione di stare vivendo l’incubo di qualcun altro”.
Avviluppato dunque, fin da subito, in una ragnatela di emozioni, il lettore, pur comprensibilmente  timoroso di inoltrarsi nel groviglio spaventoso di una trama che non lascia respiro, è sapientemente indotto a desiderare di raggiungere al più presto, pur di sciogliere una tensione che, pagina dopo pagina si fa sempre più insopportabile, il drammatico climax finale.
Il vortice ansiogeno dello scorrere delle vicende è sostenuto da una struttura enfatica che si sviluppa in senso verticale verso apici emozionali sempre più intensi e, in un tale quadro, la tragedia che si svolge all’interno e all’esterno della scuola elementare Sandro Pertini appare attraversata da una consapevole aritmia narrativa.
Quando l’incalzare degli avvenimenti lo richiede, infatti, la scrittura si fa quasi sincopata, sia mediante l’accorgimento tecnico della snella articolazione dei capitoli, sia attraverso la caratterizzazione essenziale e quasi stilizzata dei personaggi (giornalisti che si fanno concorrenza per sfruttare lo scoop, magistrati indecisi, politici ambiziosi quanto corrotti, delinquenti di bassa lega pronti ad approfittare della confusione, semplici cittadini colti nelle proprie miserie).
Quando al contrario il “respiro” si allarga richiedendo una prospettiva più meditata, il ritmo rallenta, fiume impetuoso che si allarga, placandosi, in un’ansa più tranquilla, fatta di vicende di contorno “a macchia di leopardo” , di atmosfere oniriche, dell’indifferente fluire della vita di ogni giorno in una piccola sonnolenta cittadina.
Rimangono, sempre e comunque, “brevi ma intensissimi bagliori”, tra i quali emergono, con la forza della suggestione letteraria spine aguzze di rovo: numeri che un bambino in pericolo di vita elenca come se stesse snocciolando un disperato Rosario, disegni sanguinosi che un tossico invasato incide sulla propria pelle…
Insomma, nel complesso si tratta di un romanzo che, pur rappresentando un valido esempio di thrilling corale (“Un film che poi regolarmente qualcuno proietta nella grande sala della realtà, quasi sempre un film di paura”),  non risparmia momenti di profonda analisi introspettiva: a questo proposito indimenticabile la figura lacerata di Carmen, mamma di uno dei piccoli protagonisti dell’assurda tragedia che colpisce al cuore Monteselva.
E che in “Seconda B” ci venga fornita l’ennesima dimostrazione, semmai se ne avvertisse il bisogno, che  ricerca intimistica e avventura non sono percorsi inconciliabili anche all’interno della stessa opera, non rappresenta certo una sorpresa: non dimentichiamo che la bella penna che ha scritto “Seconda B” è la stessa che tanto efficace e incisiva si è dimostrata in romanzi pieni di pathos come “Un lungo addio” (opera d’esordio dello scrittore romano nel 1997 che affronta lo scottante tema dell’incesto) e “Mater” (storia tutta al femminile edita nel 2004).
Ambienti, situazioni, personaggi emblematici, chi più, chi meno, sono curati dal punto di vista psicologico (in ambito scolastico anche a livello pedagogico) in modo eccellente, con naturalezza e verosimiglianza. Alcuni dei protagonisti, sia principali che secondari, escono scolpiti a tutto tondo dalle pagine del romanzo. Prima tra tutti l’allucinata Eva Antonini, la maestra della “Seconda B” (la cui personalità e il cui comportamento ci fanno pensare ad Edgler Foreman Vess, il folle omicida, che, in Intensity di Dean Koontz, tiene prigioniera in cantina una bambina). Il suo è un metodo d’insegnamento un po’ all’antica (“Alternare gentilezza e rigore è il modo migliore per tenerli sempre sulla corda”), mentre una voce pregna di inquietante maternità le risuona nella “mente avariata” e la perseguita, amplificando a dismisura l’effetto negativo degli influssi ambientali, cui non si sottraggono neanche i bambini.
Per esempio il figlio del commissario che, molto più dei compagni, i quali si credono ostaggi di chissà quale commando di terroristi, “conosce quale sia la differenza che passa tra la finzione e la realtà… larga e profonda quanto può esserlo il mare.” Incredibilmente suggestiva la figura di Raul, un visionario ribelle asservito irreversibilmente alla droga (“Non c’è un vero Dio nel suo universo allucinato e distorto”, bensì “un’entità malvagia che gode dei dolori del mondo”), oppure l’attempato don Piero, che supplisce a un’inclinazione conservatrice e retrograda con la sana energia, prettamente contadina, del buon senso (incisive le immagini evocate dalla sua arguta definizione dei peccati “a lunga conservazione” e dalla concezione del sensus culpae.) 
 La scrittura, priva di artificiosità, scorrevole e omogenea, favorisce, senza dubbio, l’equilibrio tra l’action incalzante e dialoghi che sprizzano energia da tutti i pori.
Monteselva, immaginaria cittadina in provincia di Piacenza (cui tra l’altro è dedicato un sorprendente e fantasiosissimo blog), appare, con le parole di Patrizio Pacioni, “il cuore e i polmoni di un unico organismo vivente, che di fronte alla minaccia che incombe sulla propria progenie, prima si ferma attonito, poi si commuove, infine si dibatte, ruggendo minaccioso”. I rapporti sociali, la semplicità dei costumi, il chiacchierio, il vociferare e lo scambio di pettegolezzi  che serpeggia tra la gente e nelle strade, prima e durante la tragedia, coinvolgono il lettore fino a trasformarlo anch’esso in uno degli abitanti, facendolo sentire protagonista tra i protagonisti. Per questo tutto, ogni più piccolo dettaglio, ogni seppur minima variazione dei toni di voce viene colta con immediatezza al pari dei muti soliloqui, e ci riportano nella mitica Via del Corno della Firenze di “Cronache di poveri amanti” di Vasco Pratolini.
E poi ancora e sempre i bambini (“Anime ancora candide fragili, così facili da spezzare…” pensa la maestra Antonini, “…un po’ come i gatti, possiedono un istinto che gli permette di avvertire il pericolo molto prima degli adulti”) fragili come le figurine con cui giocano, ma al tempo stesso capaci di resistere con sorprendente energia al terribile shock.
Infine lui, Leonardo Cardona, davvero e più che mai “Leone”, simile in modo singolare, nell’occasione, a uno degli Uomini Specchio de “L’eterna notte dei Bosconero” di Flavio Santi. La missione solitaria che l’Autore gli carica sulle spalle, estrema e disperata carta da giocare nel tentativo di salvare il proprio figlio, ci riporta all’eccellenza di quella svolta da Cyna, ancora nel già citato  Intensity di Dean Koontz. Inoltre, proprio come nelle mie più segrete speranze, in questo nuovo romanzo della saga di Monteselva viene finalmente svelato qualche intrigante particolare in più sulla “affettuosa amicizia” che lega il rude poliziotto alla bella e affermata cronista di Tele Radio Farnese, l’affascinante e sensuale Diana De Rossi.
Al di là del vortice del tragico evento che si abbatte sulla “seconda B”, al di fuori e al di sopra della follia della “signora maestra”, come una marea sale e tracima l’ansia dei genitori degli scolari, capaci di resistere a lungo, come accennato qualche riga più addietro, prima di cedere, comprensibilmente, al più disperato dei panici. 
Resta calmo e gelido il carnefice, mentre le sue prede interiorizzano un presagio di morte.
Ancora Koontz, e il paragone tiene perfettamente.
Chiuso il libro, mentre nel sangue va lentamente pacandosi il flusso dell’adrenalina, cresce la consapevolezza del messaggio che l’Autore riesce a far passare, capitolo dopo capitolo: un amaro esame socio-psicologico di una società in progressivo degrado (intesa come complesso e strutturato intreccio tra scuola, famiglia, lavoro e politica) di cui suo malgrado ogni essere umano è parte integrante, nella quale Patrizio Pacioni affonda le mani senza però restarne contaminato.
È forse lui “L’estraneo” di Lovercraft che, dopo aver spaventato a morte tutti, allunga le dita verso “la fredda e dura superficie di uno specchio”.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Simonetta De Bartolo
Simonetta De Bartolo, recensore ed intervistatrice, è conduttrice de “Lo Scaffale”, rubrica di recensioni letterarie di www.patriziopacioni.it autentico web-magazine dedicato alla scrittura e a ogni altra forma di espressione artistica, alla solidarietà e all’’attualità. Nata a Cosenza, si è laureata in Lettere moderne, sottoindirizzo artistico, all’Università della Calabria, e ha condotto ricerche in campo etnologico. Ha partecipato a numerosi concorsi letterari e, per alcuni anni, ha fatto parte delle redazioni de La Tela Nera e di Progetto Babele, dell’Associazione culturale “Il Foglio” e del comitato di lettura di «NetEditor», sito su cui ha pubblicato recensioni, racconti e poesie. Ha collaborato con “Il Foglio Magazine” e alla pubblicazione di un volume pensato dagli editori della rivista «Italian Culture», organo ufficiale dell’Aais (Associazione americana per gli studi di italianistica). Sulla rivista «Encuentro de la cultura cubana», ha pubblicato una recensione del volume di autori vari, curato da William Navarrete, Versi tra le sbarre, dato alle stampe nel 2006 dalle Edizioni Il Foglio di Piombino (Livorno). Collabora con le e-zine Progetto Babele, Segreti di Pulcinella, StradaNove e KULT Underground; con i siti Web La Tela Nera, che, nel 2004, le ha pubblicato alcune recensioni nell’e-book antologico “Sangue sui libri”, con Opera Narrativa, KULT Virtual Press. Fa parte dello Staff del portale culturale “L(‘)abile traccia”. In questi ultimi anni si è segnalata e distinta anche nel settore delle interviste letterarie Per La Tela Nera, dopo aver recensito alcune importanti loro opere, ha dialogato con gli scrittori Davil Buio, Andrea Moneti e il caporedattore e fondatore di Progetto Babele, Marco R. Capelli; Per Progetto Babele con Francesco Gitto, Vittorio Bongiorno, Fabio Marangoni, Patrizio Pacioni. Infine, per www.patriziopacioni.it, Sacha Naspini e lo stesso Patrizio Pacioni.
MAIL: Simonadebartolo@libero.it
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 67 millisecondi