2009
16
Feb

Magda e il peccatore

Commenti () - Page hits: 850
Pagg. 250 Euro 16 Mursia Editore
 
Trent’anni, una moglie, un figlio in arrivo. Il protagonista compie un “viaggio interiore”, fa un bilancio della propria esistenza. Sogni infranti, ambizioni sbagliate, una laurea non voluta, un romanzo che è rimasto un sogno nel cassetto. Cosa resta dunque di buono? Restano le donne, le tante meretrici con le quali il protagonista ha avuto rapporti sporadici. Amplessi con ragazzine, come con la diciottenne vestita da Cappuccetto Rosso con la quale il protagonista ha un rapporto quasi brutale, rapporto che fa piangere la giovane. Il protagonista ricorda con nostalgia Magdalena, una ragazza della quale si innamora. La donna aspetta un figlio  e il protagonista ha il sospetto che sia il padre, donna che viene uccisi dai propri sfruttatori. I rapporti fra il protagonista e Magdalena sono le pagine più belle di un romanzo che sembra una sorte di catarsi liberatoria perché il protagonista rimane vittima di una malattia, frutto della vita scapestrata condotta e di un senso di colpa per quello fatto. Leggendo il romanzo vengono alla mente Moravia e Buzzati (il rapporto fra il protagonista e Magdalena ci ricorda il romanzo Un Amore del giornalista milanese. Il romanzo è scritto bene, la figura di Magdalena egregiamente tratteggiata, ma il limite del romanzo, e bisogna capirlo essendo lo scrittore al suo esordio narrativo, riguarda il contesto sociale che non è ben definito. Lunghe, eccessive, le peripezie descritte nel libro che vedono il protagonista girare per gli ospedali di Roma alla ricerca di una diagnosi sulla malattia, intensi i dialoghi con Magdalena, molto spazio è dedicato al sesso visto come strumento di liberazione.  E’ un libro intriso di rabbia, dolore, un romanzo di formazione. Aspettiamo Di Maio alla seconda prova narrativa per tracciare un giudizio definitivo.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Giuseppe Petralia è giornalista pubblicistica dal 1984. Recensisce il primo libro ''Intervista sul socialismo italiano a Pietro Nenni'' a 18 anni, intervista apparsa sul periodico “Proposta Socialista”. Inizia a scrivere sulle pagine di ''Trapani Nuova'' e diventa, sempre nel 1981 corrispondente da Partanna (Trapani) de ''Il Giornale di Sicilia''. Collabora da dieci anni al periodico ''Il Belìce'', con recensioni di libri e articoli di cronaca e di politica. Ha collaborato con il periodico ''La Notizia-In'' e per quanto riguarda il web con il sito dello scrittore Antonio Messina, con www.belice.it e con libri.brik.it. Ha collaborato con recensioni ed interviste con la scrittrice Francesca Mazzucato e con ''I libri della settimana'' di Giancarlo Macaluso sul sito www.gds.it. Ha intervistato, fra gli altri, Vanessa Ambrosecchio, Simona Vinci, Domenico Cacopardo, Marco Vichi, Luca Di Fulvio, Ivan Cotroneo, Gabriella Imperatori, Paola Mastrocola, Grazia Verasani, Pietro Spirito, Teresa Ciabatti, Simona Corso, Alessandra Montrucchio, Enrico Remmert, Alessandro Perissinotto.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 43 millisecondi