2009
24
Gen

Il Romanzo della Politica-La Politica nel Romanzo

Commenti () - Page hits: 750
Almanacco Guanda
Guanda Pagg. 189 Euro 22
 
La letteratura ha abdicato al proprio ruolo di farsi interprete della realtà?  Esiste una divaricazione fra letteratura e mondo reale? A queste domande cerca di risponde questo ottimo Almanacco della Guanda che, curato da Ranieri Polese, cerca, e ci riesce, di dare risposte agli interrogativi. Per fortuna, sostiene Polese, da alcuni anni i nostri scrittori sono ritornati a raccontare il reale abbandonando la letteratura bonsai ( come la chiamava il critico letterario Goffredo Fofi, ( specie dopo la pubblicazione del romanzo Gomorra, libro difficilmente catalogabile. Ranieri Polese sostiene che il più grande romanzo politico del secondo Nocevento sia stato Petrolio di Pasolini , che non è Stato preso in considerazione dagli italiani. L’almanacco contempla altresi’ un saggio di Corrado Stajano che racconta la genesi del libro  Unu eroe borghese, un testo di Paolo Franchi  che parla del passaggio del giornalismo dai fondi dal gossip, una testimonianza del produttore televisivo  Pietro Valsecchi che ricorda l’importanza che hanno avuto, per il grande pubblico, le fiction televisive come la Piovra per la conoscenza del fenomeno mafioso. L’Almanacco presenta un testo di Franco Cordelli che pubblicò il libro “ Il duca di Mantova” e le conseguenze giudiziarie con l’ex ministro Cesare Previti, di Andrea Cortellessa che analizza il decreto delle borghese, di Giancarlo De Cataldo che narra dei suoi romanzi ispirati alla banda della “Magliana”, ma sono presenti anche testimonianze di  Bruno Arpaia, Marzio Breda, Fulvia Caprara, Andrea Cortellesa, Albero Rebori. L’Almanaccco comprende anche quattro prove di laboratorio  ispirate al tema: per questo numero hanno scritto Gianni Biondillo,  Marco Desiati, Giuseppe Genna e  Gaetano Savatteri.. L’Almanacco è un ottimo testo, quello di Ranieri Polese è eccellente,  non solo per chi ama la letteratura, ma per chi vuole comprendere la realtà che ci circonda, realtà spesso non analizzata dagli scrittori. Ed è proprio questo l’invito degli autori del volume: Un appello a chi, scrittori e giornalisti, opera nel mondo dell’informazione per dare vita a delle inchieste vere, anche se dopo Gomorra di Saviano, qualcosa si sta muovendo.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Giuseppe Petralia è giornalista pubblicistica dal 1984. Recensisce il primo libro ''Intervista sul socialismo italiano a Pietro Nenni'' a 18 anni, intervista apparsa sul periodico “Proposta Socialista”. Inizia a scrivere sulle pagine di ''Trapani Nuova'' e diventa, sempre nel 1981 corrispondente da Partanna (Trapani) de ''Il Giornale di Sicilia''. Collabora da dieci anni al periodico ''Il Belìce'', con recensioni di libri e articoli di cronaca e di politica. Ha collaborato con il periodico ''La Notizia-In'' e per quanto riguarda il web con il sito dello scrittore Antonio Messina, con www.belice.it e con libri.brik.it. Ha collaborato con recensioni ed interviste con la scrittrice Francesca Mazzucato e con ''I libri della settimana'' di Giancarlo Macaluso sul sito www.gds.it. Ha intervistato, fra gli altri, Vanessa Ambrosecchio, Simona Vinci, Domenico Cacopardo, Marco Vichi, Luca Di Fulvio, Ivan Cotroneo, Gabriella Imperatori, Paola Mastrocola, Grazia Verasani, Pietro Spirito, Teresa Ciabatti, Simona Corso, Alessandra Montrucchio, Enrico Remmert, Alessandro Perissinotto.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 105 millisecondi