2008
30
Nov

I sassi

Commenti () - Page hits: 1200
Autori Contemporanei Narrativa
Il Foglio 2007
Codice ISBN: 978-88-7606-159-2
Pagine: 153
Prezzo: Euro 12, 00
 
I sassi, titolo che Sacha Naspini ha dato al suo romanzo, intelligentemente prefazionato da Walter Serra, ci fa pensare, inevitabilmente, all’assenza di vita, alla durezza di cuore, alla pietra “messa sopra” un qualcosa di spiacevole, alle pietre che “ingoiamo” se siamo costretti a subire in silenzio una situazione, alle pietre della vendetta trovate nello stomaco della signora Longo e a quelle dei sacrifici e dei rancori de Il mangiatore di pietre (Marcos y Marcos, 2004) di Davide Longo, al lavoro da schiavi nelle cave di pietra, a “le pietre fangose di templi sepolti” in Ex Oblivione di Lovecraft, al tonfo di un sasso che cade nell’acqua del mare, di un lago o di uno stagno…

Leggendo il romanzo di Sacha Naspini, ci troviamo ben presto in una griglia sorprendente di motivazioni psicologiche, di sensazioni, sensi e significati, di emozioni, di suspense. “L’uomo” è il primo a destare la nostra curiositas (forse perchè non ha un nome proprio?), poi, in un gradevole crescendo, Corrado Ascanio, il francese, Tredici  (baciato dalla (s)fortuna?), l’arte dei falsari, il gioco a carte nere e a carte rosse, il Greco e il capovolgimento inaspettato, ad effetto, nella realizzazione del personaggio… Riusciamo a cogliere a pieno l’essenza di ogni momento narrativo e degli stati d’animo dei personaggi: la differenza di due realtà familiari complicate, che lo scrittore approfondisce puntando sull’analisi psicologica del sempre difficile rapporto tra genitore e figlio e del comportamento dei singoli personaggi, per es. di Corrado Ascanio, preda del suo rammarico per la permissività paterna e della preoccupazione dopo il furto e la fuga del figlio Marco, poco incline alla riflessione; ancor di più di Eva e del suo stato d’animo conseguente alla scoperta di essere stata adottata, <<…chiamare “mamma” tua madre, sapendo che non è lei, crea una confusione tremenda nella testa di un bambino>>, della sua rievocazione dell’infanzia tormentata soprattutto dal bisogno di appartenenza e dell’adolescenza vissuta senza moralità, “costrizione dello spirito”.

Il romanzo insiste sul tema dell’amore, visto da diverse angolature, e della vendetta, in particolar modo nell’ultima parte, in cui, dopo una lunga calma apparente, s’intensifica l’action. Una partita, di drammatica tensione, coinvolgente, a ping-pong tra Corrado Ascanio e il Greco, con Eva che fa da pallina. Dalla fine della prima parte del romanzo e per tutta la seconda parte, il gioco a carte, metafora della vita, regge in modo originale la struttura narrativa. I protagonisti raccontano la loro vita con nostalgia, “Dovevo solo rompere il muro della prima nostalgia, della paura. E gli eventi già si predisponevano…”. e consapevolezza che niente può ripetersi. La narrazione dà al lettore tempo e spazio per comprendere e assimilare la trama movimentata e ben articolata, man mano sempre più intrigante.

Ogni vita è una storia, una pietra preziosa, posseduta o desiderata, una leggera pietra pomice in balia delle onde, degli eventi, un sasso levigato dal mare, da forze smisuratamente grandi, un macigno, pesante come una pena da scontare in eterno:”Qui vidi gente più che altrove troppa. E d’una parte e d’altra, con grandi urli, voltando pesi per forza di poppa” (Canto VII dell’Inferno dantesco).

Ci sono vite che trascorrono silenziose, alimentate da un desiderio da realizzare in un futuro che appare sempre più incerto e lontano, altre di breve durata, “stelle cadenti”, vite predestinate alla sofferenza, allo sfruttamento, alla schiavitù, il cui tempo trascorre lentamente e su cui si stratificherà in breve il magma dell’oblio. Eva, da bambina, sognava di visitare il mondo e di farlo suo raccogliendo, in ogni dove, una pietra (una storia, un ricordo) e portandola sempre con sé in una borsa.

Vite e storie s’incontrano e si scontrano dando origine ad altre vite, ad altre storie. Alcune, però, viaggiano parallelamente, all’infinito, senza mai incontrarsi. Altre s’incrociano, ecc.  “Ci sono storie che vincono su altre… Ma vincono davvero?” e se “La derivazione è sempre la stessa: il mistero”, non è forse identica l’ultima meta?

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Simonetta De Bartolo
Simonetta De Bartolo, recensore ed intervistatrice, è conduttrice de “Lo Scaffale”, rubrica di recensioni letterarie di www.patriziopacioni.it autentico web-magazine dedicato alla scrittura e a ogni altra forma di espressione artistica, alla solidarietà e all’’attualità. Nata a Cosenza, si è laureata in Lettere moderne, sottoindirizzo artistico, all’Università della Calabria, e ha condotto ricerche in campo etnologico. Ha partecipato a numerosi concorsi letterari e, per alcuni anni, ha fatto parte delle redazioni de La Tela Nera e di Progetto Babele, dell’Associazione culturale “Il Foglio” e del comitato di lettura di «NetEditor», sito su cui ha pubblicato recensioni, racconti e poesie. Ha collaborato con “Il Foglio Magazine” e alla pubblicazione di un volume pensato dagli editori della rivista «Italian Culture», organo ufficiale dell’Aais (Associazione americana per gli studi di italianistica). Sulla rivista «Encuentro de la cultura cubana», ha pubblicato una recensione del volume di autori vari, curato da William Navarrete, Versi tra le sbarre, dato alle stampe nel 2006 dalle Edizioni Il Foglio di Piombino (Livorno). Collabora con le e-zine Progetto Babele, Segreti di Pulcinella, StradaNove e KULT Underground; con i siti Web La Tela Nera, che, nel 2004, le ha pubblicato alcune recensioni nell’e-book antologico “Sangue sui libri”, con Opera Narrativa, KULT Virtual Press. Fa parte dello Staff del portale culturale “L(‘)abile traccia”. In questi ultimi anni si è segnalata e distinta anche nel settore delle interviste letterarie Per La Tela Nera, dopo aver recensito alcune importanti loro opere, ha dialogato con gli scrittori Davil Buio, Andrea Moneti e il caporedattore e fondatore di Progetto Babele, Marco R. Capelli; Per Progetto Babele con Francesco Gitto, Vittorio Bongiorno, Fabio Marangoni, Patrizio Pacioni. Infine, per www.patriziopacioni.it, Sacha Naspini e lo stesso Patrizio Pacioni.
MAIL: Simonadebartolo@libero.it
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 130 millisecondi