:: Home » Articoli » 2008 » Aprile
2008
21
Apr

La donna che parlava ai morti

Commenti () - Page hits: 950
Newton Compton Editori
Pag. 240 – Euro 9,90
 
Remo Bassini è un ottimo narratore di storie di provincia che si adegua alla moda del giallo per pubblicare. Funziona così, purtroppo. Devo essere rimasto uno dei pochi italiani che non legge romanzi polizieschi, non guarda una puntata di Montalbano in televisione, non ha ma letto un libro di Camilleri, né pensa di farlo in un prossimo futuro. Ci sono tanti di quei libri importanti da leggere che un giallo è proprio tempo perso... 
Remo Bassini però lo leggo. Sì, perché lui è capace di scrivere un giallo e di metterci dentro cose come sono tristi le risaie d’inverno, ma resterò sempre qua, tra queste nebbie che avvolgono i miei ricordi. E poi butta giù pennellate di racconto che procedono come una sinfonia malinconica, ricorda domeniche da depressione, pomeriggi alla Nutella davanti alla tivù, pane e stracchino… Parla di poliziotti surreali che frequentano librerie, si sofferma su giornate uggiose, anonime, con la nebbia incollata alla vetrina, descrive notti di marzo piovigginose che sanno di glicini in fiore e ricorda passati amori ascoltando una canzone.
Bassini lo leggo, ché mica confeziona best-seller stile Faletti, pure se scrive gialli ci mette parecchia letteratura. La donna che parlava con i morti è una storia d’amore e morte ambientata in provincia, per la precisione a Vercelli, di tanto in tanto si ha l’impressione che ci sia pure qualcosa di vero… ma che importa? Anna Antichi è un personaggio che si fa amare, una persona che vive l’incubo di giornate sempre uguali dopo un grave lutto familiare. Fabrizio è il poliziotto scomparso che la fa innamorare e il suo passato fa parte del mistero collegato a una misteriosa profezia. Ci sono persino elementi horror in questo ultimo lavoro di Bassini, ma non lo diciamo in giro, ché in Italia si leggono soltanto gialli.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Gordiano Lupi

Gordiano Lupi (Piombino, 1960). Collabora con La Stampa di Torino. Traduce gli scrittori cubani Alejandro Torreguitart Ruiz e Yoani Sánchez. Ha pubblicato molti libri monografici sul cinema di genere italiano per la casa editrice romana Profondo Rosso. Collabora con www.tellusfolio.it curando rubriche su Cuba, cinema italiano e narrativa italiana. Tra i suoi lavori più recenti: Cuba Magica – conversazioni con un santéro (Mursia, 2003), Un’isola a passo di son - viaggio nel mondo della musica cubana (Bastogi, 2004), Almeno il pane Fidel – Cuba quotidiana (Stampa Alternativa, 2006), Mi Cuba (Mediane, 2008), Fellini - A cinema greatmaster (Mediane, 2009), Sangue Habanero (Eumeswil, 2009), Una terribile eredità (Perdisa, 2009), Per conoscere Yoani Sánchez (Il Foglio, 2010), Fidel Castro – biografia non autorizzata (A.Car, 2010), Velina o calciatore, altro che scrittore! (Historica, 2010). Cura la versione italiana del blog Generación Y della scrittrice cubana Yoani Sánchez e ha tradotto per Rizzoli il suo primo libro italiano: Cuba libre – Vivere e scrivere all’Avana (2009). Pagine web: www.infol.it/lupi


MAIL: lupi@infol.it
WEB:
www.infol.it/lupi
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 87 millisecondi