:: Home » Articoli » 2008 » Aprile
2008
15
Apr

Prima Esecuzione

Commenti () - Page hits: 750

Feltrinelli
 
Domenico Stasi è un docente di letteratura italiana in pensione. Colto, moderato, pacato,  vive, dopo la morte della moglie, solo. La sua esistenza viene ad essere sconvolta quando apprende che Nina, una sua ex allieva  è stata arrestata con l’accusa di terrorismo. Si mette in contatto con la ragazza che affida a Stasi il compito di recarsi in un appartamento dove dovrà trascrivere una frase del libro “Morte di Virgilio”di Hermann Broch e farla avere a una  persona, che si presenterò al professore. . All’interno della trama, lo scrittore inserisce la figura di Stellito, altro suo ex alunno, diventato poliziotto che arresta Nina, ( due diverse realtà ) e   convoca l’anziano professore in commissariato. Successivamente Stasi riceve una pistola affinché compia una missione e diventa protagonista (consapevole?) di una inquietante storia che avrà dei risvolti inquietanti. Prima esecuzione è un libro che procede su due distinti piani narrativi: da un lato la piaga del terrorismo,   non a caso  il libro è ambientato nell’aprile del 1976, il secondo è rappresentato dalla difficoltà di scrivere un romanzo  e Starnone riesce ad amalgamarli molto bene, tanto da confondere il lettore sulla realtà e sulla fantasia, sui fatti narrati e su quelli inventati. Starnone, dopo il corposo ed autobiografico  “Via Gemito”, libro che lo ha fatto conoscere al grande pubblico anche se aveva, precedentemente, pubblicato diversi libri, sperimenta un nuovo genere letterario, non facile da etichettare. Già nel precedente libro “ Labilità” lo scrittore aveva parlato dei “ fantasmi” che ci assillano e in “Prima esecuzione” porta avanti il suo compito di scrittore che cerca di lasciarsi alle spalle il genere del romanzo classico per dare vita a nuovi generi letterari. Si può definirlo uno scrittore d’avanguardia.  Mescola storia e finzione, mondo reale ed immaginario procedono di pari passo,  la narrazione scorre, a volte non molto fluida,  sul filo dei ricordi personali e di pure invenzioni, lasciando il lettore assillato da diverse domande: il collega Luciano Zara, che ha ospitato per mesi in casa, ha avuto, o no, una relazione con sua moglie? cosa ha rappresentato il terrorismo per l’Italia? , è da preferire Stellito o Nina che hanno preso due strade alternative? .“Prima esecuzione” non è un libro facile, non presenta, volutamente,  una trama narrativa organica, ma volutamente disorganica, procede  fra vicende personali e politiche, non offre soluzioni, pone al lettore inquietanti interrogativi, il più importante dei quali riguarda il protagonista: chi è effettivamente Stai? un moderato-riformista, un docente che ha insegnato ai suoi ex alunni il rispetto delle regole,  o una persona che ha condiviso le idee della terrorista Nina e per le quali si è battuto?.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Giuseppe Petralia è giornalista pubblicistica dal 1984. Recensisce il primo libro ''Intervista sul socialismo italiano a Pietro Nenni'' a 18 anni, intervista apparsa sul periodico “Proposta Socialista”. Inizia a scrivere sulle pagine di ''Trapani Nuova'' e diventa, sempre nel 1981 corrispondente da Partanna (Trapani) de ''Il Giornale di Sicilia''. Collabora da dieci anni al periodico ''Il Belìce'', con recensioni di libri e articoli di cronaca e di politica. Ha collaborato con il periodico ''La Notizia-In'' e per quanto riguarda il web con il sito dello scrittore Antonio Messina, con www.belice.it e con libri.brik.it. Ha collaborato con recensioni ed interviste con la scrittrice Francesca Mazzucato e con ''I libri della settimana'' di Giancarlo Macaluso sul sito www.gds.it. Ha intervistato, fra gli altri, Vanessa Ambrosecchio, Simona Vinci, Domenico Cacopardo, Marco Vichi, Luca Di Fulvio, Ivan Cotroneo, Gabriella Imperatori, Paola Mastrocola, Grazia Verasani, Pietro Spirito, Teresa Ciabatti, Simona Corso, Alessandra Montrucchio, Enrico Remmert, Alessandro Perissinotto.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 40 millisecondi