2008
3
Feb

Via del Campo

Commenti () - Page hits: 850
Edizioni Il Foglio
Narrativa – romanzo noir
Pagg. 97
ISBN: 8888515224
Prezzo: € 7,50
 
Genova, il suo angiporto con le viuzze strette e maleodoranti, popolate da puttane e da bar equivoci, un cielo sempre coperto da cui scende impietosa una pioggia pressoché costante sono il teatro di scena di questo noir.
Si aggira in questo ambiente un feroce serial killer che ha come prede delle giovani donne, uccise e poi tagliate in due.
Un malinconico maresciallo dei carabinieri è incaricato delle indagini; è un uomo stanco, a cui la vita non ha più nulla da dire, ma che si illude di arrivare alla difficile soluzione del caso.
Il suo percorso si interseca con quello di Lorenzo Zingaro, il giornalista di cronaca nera del Corriere mercantile; anche lui vive in un limbo di infelicità e trova rifugio nell’alcool, soprattutto in compagnia degli amici del bar, un bel campionario di gente che vive al confine con la legalità, quando addirittura non l’ha già sorpassato da tempo.
Non ci sono eroi in queste pagine, non troviamo riscatti, ma solo personaggi vinti da tempo ed è questa caratteristica che connota in modo egregio tutta l’opera, dove in fondo i delitti e le indagini finiscono con il diventare un corollario, quasi al servizio del disegno psicologico dei protagonisti.
Non è, peraltro, che la vicenda sia modesta, anzi ha un suo sviluppo, apparentemente caotico, che si sbroglia nelle pagine finali in una soluzione logica, ma che lascia tanto amaro in bocca.
Questo battere e ribattere sul tema dei vinti lascia trapelare anche intenzioni che vanno oltre quelle del racconto di genere e finiscono con il costituire una specie di rappresentazione, in chiave altamente drammatica, di una società in cui, tutti, chi più chi meno, siamo degli sconfitti, davanti ai nostri occhi e a quelli dei pochi vincitori, alla cui furbizia dobbiamo rassegnarci.
Lo stile è nervoso, a volte addirittura i periodi vengono sgranati come raffiche di mitragliatrice, ma ci sono anche dei momenti riflessivi, soste per riprendere il fiato e per meglio comprendere la psicologia dei protagonisti.
Nell’insieme queste 95 pagine rappresentano l’occasione per una lettura gradevole e d’evasione, ma, giunti alla fine, l’amarezza prende gradualmente il sopravvento, incerti se identificarci con il giornalista o con il maresciallo, ma certi di un’unica cosa: da qualunque punto di vista si osservino questi due personaggi, nell’uno e nell’altro ritroviamo sempre qualcosa di noi, e restiamo delusi, non del romanzo, assai piacevole, ma di noi stessi.
 
 
Fabio Beccacini (Imperia, 1977) Fa il ghost writer per un noto personaggio italiano. Il suo primo romanzo noir “Via del Campo”  è uscito per i tipi del Foglio nel marzo 2003 ed è giunto in breve tempo alla seconda edizione. Ha pubblicato sul quotidiano nazionale Il Riformista e sulle riviste il Foglio Clandestino, Il Foglio Letterario, Container, Penna d'Autore, Progetto Babele e altre. Ha partecipato a varie antologie tra cui "Liguria in giallo e nero" (Fratelli Frilli Ed. 2006), "Torinoir" (Il Foglio Ed. 2006), "Tempo Scaduto" (Eumeswil Ed. 2007), “Brividi Neri” (Terzo Millennio Ed. 2002),"Dammi Spazio" (Il Foglio Ed. 2003), "Semi di fico d'india" (Nuova Dimensione 2005). Premiato in numerosi concorsi letterari vive tra Imperia, Genova e Torino dove è laureando in D.A.M.S. cinema ed è stato per due anni redattore del Magazine ExtraNews in onda sul canale digitale terrestre Extracampus. Un suo servizio sullo scrittore americano Bret Easton Ellis è stato trasmesso da Sky. Il suo primo cortometraggio (sceneggiatura e regia) "Hate & Love" è stato presentato a marzo 2005 nei club di torino e al primo festival del giallo ligure Marenoir. In via di lavorazione un cortometraggio ispirato all'antologia Torinoir. Attualmente è redattore del settimanale News Liguria Magazine e sta lavorando a un thriller ambientato nell'entroterra imperiese "Gustav non deve parlare con nessuno" e alla raccolta di racconti senza lieto fine "Aurelia: sedici strade che non portano a roma". Il suo romanzo giallo "Torino non esiste" è in via di pubblicazione. Assieme all'attore Simone Gandolfo sta sviluppando la piece teatrale "Rien a Signaler - Niente da Segnalare". Per conto del comune di Imperia sta avviando un progetto formativo di educazione alla cultura dell’immagine che lo porterà a contatto con la realtà scolastica, dalle elementari all’università. Organizza eventi e partecipa frequentemente come Disc Jockey e Art Director a serate multimediali nelle discoteche del Nord Ovest. E' resident Dj in alcuni club della riviera ligure.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Renzo Montagnoli
Renzo Montagnoli nasce a Mantova l’8 maggio 1947. Laureato in economia e commercio, dopo aver lavorato per lungo tempo presso un’azienda di credito ora è in pensione e vive con la moglie Svetlana a Virgilio (MN). Suoi racconti e poesie sono pubblicati sulle riviste letterarie Isola Nera, Prospektiva, Writers Magazine Italia e Carmina. E’ il dominus del sito culturale Arteinsieme (www.arteinsieme.net). Blog:  http://armoniadelleparole.splinder.com  
WEB: www.arteinsieme.net
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 76 millisecondi