2007
20
Ott

Pazza è la luna

Commenti () - Page hits: 1100

 

 

Dieci storie, dieci racconti, dieci personaggi tratteggiati magistralmente. Silvana Gasso, per chi conosce la sua produzione letteraria non è una novità, passa  dal  romanzo   impegnato come Disìo, all’allegro, ma non troppo, libro 7 uomini 7 Peripezie di una vedova a questi  racconti non slegati, ma tenuti uniti da diversi  fili conduttori: la Sicilia, terra natia della scrittrice, vive ed opera a Gela,  il destino non felice per i protagonisti , “la natura matrigna”, la difficoltà di vivere, il destino cinico e beffardo.  Apre la serie Angiolina, detta “Manetta”,  per via di una mano di ferro,  una donna  dura, decisa e determinata  che, dopo avere realizzato il sogno della sua vita ( essere proprietaria di  un negozio di  cappelli di proprietà) teme che tutto possa essere disperso dal figlio Fortunato che vuole andare a scola e il finale nel racconto non potrà che essere crudele per la protagonista. Il libro ci narra anche la vicenda   di Ninofocu, un uomo solo, che dorme all’aperto anche di notte “per non perdesi  la luna”, forse uno dei migliori racconti del volume, che  disegna Madonne, mentre il potere  politico cerca, dopo la morte del protagonista, di negarla per dare vita ad una serie di speculazioni per il rilancio turistico della zona.   Altri bellissimi racconti fanno parte del libro come Angelo, “ il figlio della Madonna” che aspetta da sessant’anni Aurora, il suo amore inghiotto dal lago, o “Zagara” dove un giovane viene venduto ala maestra di piano Anselma Ferracane e non viene volutamente curato per condurre una vita di schiavitù. In “Violette per Nerina”, la Grasso ci offre l’immagine struggente di un uomo solo, Picaredda,  che porta le violette alla figlia e non si rassegna all’idea della morte della stessa,  cenando con una bambola. La scrittrice ci fa sorridere nel racconto “Un buon partito per Nicolina Gusmet” dove mette in evidenza, criticandolo aspramente, il finto perbenismo borghese, il matrimonio di un ricco possidente  con un magistrato impotente  che  sfocerà in un divorzio, ovviamente ottenuto dalla Sacra Rota. “Regalo di Natale”, che chiude la raccolta, è certamente uno dei racconti più tristi e struggenti. Scrittrice di talento, la Grasso è abile nel delineare situazioni e personaggi, nel dare vita a dialoghi interessanti, ma quello che caratterizza questo volume, come gli altri, è la scrittura: forte, dirompente, infarcita di qualche frase in dialetto. Uno stile letterario inconfondibile, unico, dove ogni parola ha un significato, dove  neanche una virgola, viene lasciata al caso. Questo libro, e anche i precedenti, vanno letti, riletti, meditati e fatti propri perché ci troviamo di fronte ad una scrittrice per la quale la scrittura è  totalizzante e, non caso, la Grasso ha alle spalle anni di studi di filologia con il grande Maestro Gianfranco Contini.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Giuseppe Petralia è giornalista pubblicistica dal 1984. Recensisce il primo libro ''Intervista sul socialismo italiano a Pietro Nenni'' a 18 anni, intervista apparsa sul periodico “Proposta Socialista”. Inizia a scrivere sulle pagine di ''Trapani Nuova'' e diventa, sempre nel 1981 corrispondente da Partanna (Trapani) de ''Il Giornale di Sicilia''. Collabora da dieci anni al periodico ''Il Belìce'', con recensioni di libri e articoli di cronaca e di politica. Ha collaborato con il periodico ''La Notizia-In'' e per quanto riguarda il web con il sito dello scrittore Antonio Messina, con www.belice.it e con libri.brik.it. Ha collaborato con recensioni ed interviste con la scrittrice Francesca Mazzucato e con ''I libri della settimana'' di Giancarlo Macaluso sul sito www.gds.it. Ha intervistato, fra gli altri, Vanessa Ambrosecchio, Simona Vinci, Domenico Cacopardo, Marco Vichi, Luca Di Fulvio, Ivan Cotroneo, Gabriella Imperatori, Paola Mastrocola, Grazia Verasani, Pietro Spirito, Teresa Ciabatti, Simona Corso, Alessandra Montrucchio, Enrico Remmert, Alessandro Perissinotto.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 127 millisecondi