:: Home » Articoli » 2007 » Agosto
2007
27
Ago

In controtempo

Commenti () - Page hits: 950

 

C.S. Coop. Studi Torino – www.arpnet.it/cs

Massimo Citi si definisce un libraio eversivo, uno di quelli che piacciono ai piccoli editori e agli autori underground, uno che ama cercare e consigliare, che non si limita a esporre pile di best-seller all’ingresso del negozio. Massimo Citi manda avanti con passione anche una bella rivista di segnalazioni librarie come Libri Nuovi ed è uno degli animatori del progetto ALIA sulla narrativa fantastica.
In controtempo è il suo primo libro, una raccolta di otto racconti scritti dal 1993 al 1995, che seguono la lezione dei migliori Landolfi e Calvino, strada poco battuta dagli autori italiani impegnati a raccontare la circonferenza del loro ombelico. La narrativa fantastica è un genere poco considerato, spesso viene etichettata come letteratura di serie B (la definizione fa sorridere), così come il cinema fantastico non è reputato degno di attenzione dalla critica che conta. Nella nostra letteratura, invece, il racconto gotico, l’horror soprannaturale, le leggende di vampiri, streghe, maledizioni e antiche credenze hanno un posto di tutto rispetto, pure se limitato alla narrativa popolare. Autori importanti che si sono occupati di trame fantastiche sono davvero pochi. A parte Landolfi e Calvino, restano solo gli scrittori pulp degli anni Settanta (I racconti di Dracula, Le storie della cripta), il cinema fantastico di Bava, Margheriti, Ferroni, Fulci e altre storie interessanti, ma sempre poco letterarie. Massimo Citi prova a unire i due aspetti della narrativa fantastica e senza indugiare sugli aspetti spettacolari delle vicende, senza farsi prendere la mano da atmosfere splatter o gore, realizza racconti che seminano inquietudine e angoscia ispirandosi alle costruzioni del vecchio racconto gotico. Le storie di Citi sono fatte di suggestioni, l’orrore e il mistero vengono soltanto suggeriti e lo stile è molto alto, letterario. Basta leggere qualche passo: “La luce penetra come un assediante, entra dalle serrande crollate obliquamente o dai pertugi lasciati tra le assi inchiodate, filtra sotto le porte sbarrate, ma è una luce grigia, senza colore”. Oppure: “La finestra al secondo piano è inchiodata, alcune assi lasciano passare pochi fili di luce che si allargano a fotografare il moto della polvere”. L’autore possiede uno stile proprio, molto descrittivo e denso di contenuti, elaborato con anni di letture importanti e allenamento quotidiano. Non è uno stile da best-seller, per fortuna, niente a che vedere con i thriller della Piemme, ma è uno stile fondato su un uso colto della lingua italiana. Di questi tempi non mi pare poco.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Gordiano Lupi

Gordiano Lupi (Piombino, 1960). Collabora con La Stampa di Torino. Traduce gli scrittori cubani Alejandro Torreguitart Ruiz e Yoani Sánchez. Ha pubblicato molti libri monografici sul cinema di genere italiano per la casa editrice romana Profondo Rosso. Collabora con www.tellusfolio.it curando rubriche su Cuba, cinema italiano e narrativa italiana. Tra i suoi lavori più recenti: Cuba Magica – conversazioni con un santéro (Mursia, 2003), Un’isola a passo di son - viaggio nel mondo della musica cubana (Bastogi, 2004), Almeno il pane Fidel – Cuba quotidiana (Stampa Alternativa, 2006), Mi Cuba (Mediane, 2008), Fellini - A cinema greatmaster (Mediane, 2009), Sangue Habanero (Eumeswil, 2009), Una terribile eredità (Perdisa, 2009), Per conoscere Yoani Sánchez (Il Foglio, 2010), Fidel Castro – biografia non autorizzata (A.Car, 2010), Velina o calciatore, altro che scrittore! (Historica, 2010). Cura la versione italiana del blog Generación Y della scrittrice cubana Yoani Sánchez e ha tradotto per Rizzoli il suo primo libro italiano: Cuba libre – Vivere e scrivere all’Avana (2009). Pagine web: www.infol.it/lupi


MAIL: lupi@infol.it
WEB:
www.infol.it/lupi
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 75 millisecondi