:: Home » Articoli » 2007 » Agosto
2007
27
Ago

Orrori Tropicali

Commenti () - Page hits: 950

 

 

Storie di vudù, santeria e palo mayombe

Introduzione di Gianfranco Nerozzi

Copertina, disegni e fumetti di Oscar Celestini

Già leggendo Nero tropicale avevo colto, pur se in forma embrionale, una caratteristica del tutto particolare di Gordiano Lupi e che in questa raccolta di racconti trova piena conferma.

Mi riferisco al fatto che questo autore scrive testi con finalità che vanno oltre i brividi e le tensioni proprie del genere horror, nel senso che tale struttura narrativa è un mezzo per riaffermare la dignità di ogni essere umano di essere liberato da qualsiasi potere, sia esso rappresentato da forze oscure e trascendenti, sia quello che deriva da un governo opprimente e dispotico.

I personaggi diventano quindi un emblema della volontà di riscatto del singolo di fronte a forze più grandi di lui.

Al riguardo Il mistero di Encrucijada, il romanzo breve che fa parte della raccolta, ne è un tipico esempio, dove non è difficile scorgere nella strega, che cerca di tornare in vita sottomettendo psicologicamente una ragazzina quindicenne, un regime che condiziona fin dall’infanzia e che solo con un atto di estremo coraggio di individui che cercano di capire con la loro testa potrà essere sconfitto. Non solo, ma anche il ricorso ad altri poteri costituiti, come nel caso specifico la chiesa cattolica, non può essere una soluzione, perché anche quello religioso è un regime e come tale non può capire ciò che è al di fuori della sua rigida struttura.

Come in Nero Tropicale l’ambientazione e l’atmosfera sono resi in modo esemplare e anche la tensione non è mai spasmodica, come se fatti al di fuori dell’umana comprensione in certi posti possano essere quasi una costante, addirittura un’abitudine.

Chi pensa di trovare un gotico tenebroso, dalle tinte forti, forse rimarrà deluso, ma personalmente preferisco questa versione sudamericana più ariosa, dove all’azione è preferita l’introspezione dei personaggi, con le loro reazioni e le loro angosce che finiscono con il conferire credibilità a vicende di fantasia.

Da solo Il mistero di Encrucijada vale già tutto il libro e, senza togliere nulla agli altri racconti presenti, questo romanzo ha il pregio non comune, pur in presenza di un ritmo blando, di centellinare accortamente fatti e situazioni, tenendo in tal modo sempre vivo l’interesse, e ciò dalla prima all’ultima pagina.

Gli altri brani, più corti, spaziano un po’ in tutti i campi dell’horror, e così si va dalla moglie vampira de  La pelle bruciata agli zombie di Un terribile rimpianto. Quest’ultimo è un autentico capolavoro, dove sprigiona in tutta la sua evidenza la caratteristica che ho evidenziato sopra, una sorta di parabola che stigmatizza chi si serve del suo potere per schiavizzare gli esseri umani. Credetemi, mai come leggendo questo racconto avvertirete un senso di profonda pietà per i morti viventi.

E per finire c’è Sangue tropicale, testo riuscito e già facente parte di Nero tropicale, ma qui è in versione fumetto, ad opera della capacità creativa e della mano artistica di Oscar Celestini.

Quindi i motivi per leggere questo libro sono tanti, ma ce n’è anche un altro, che ho lasciato per ultimo, ma non è da sottovalutare: il piacere di arrivare all’ultima pagina e il dispiacere che il libro sia terminato.

 

 

Gordiano Lupi (Piombino, 1960). Capo redattore de Il Foglio Letterario e Direttore Editoriale delle Edizioni Il Foglio. Collabora con Mystero e con la Casa Editrice Profondo Rosso di Roma. Pubblica racconti per X Comics, Blue e Underground Press. Scrive soggetti e sceneggiature per fumetti realizzati graficamente dal disegnatore Oscar Celestini (pubblicati su X Comics, Blue e Underground Press). Ha pubblicato: Lettere da Lontano (Tracce, 1998), Il mistero di Incrucijada (Prospettiva, 2000), L’età d’oro (Il Foglio, 2001), Il giustiziere del Malecón (Prospettiva, 2002), Le ultime lettere di Pilvio Tarasconi (Il Foglio, 2002), Per conoscere Aldo Zelli (Il Foglio, 2002). Ha tradotto i romanzi del cubano Alejandro Torreguitart Ruiz: Machi di carta (Stampa Alternativa, 2003), La Marina del mio passato (Nonsoloparole, 2003), Vita da jinetera (Il Foglio, 2005), Cuba particolar – Sesso all’Avana (Stampa Alternativa, 2007). I suoi lavori più recenti sono: Nero Tropicale (Terzo Millennio, 2003), Cuba Magica – conversazioni con un santéro (Mursia, 2003), Cannibal – il cinema selvaggio di Ruggero Deodato (Profondo Rosso, 2003), Un’isola a passo di son - viaggio nel mondo della musica cubana (Bastogi, 2004), Quasi quasi faccio anch’io un corso di scrittura (Stampa Alternativa, 2004), Orrore, erotismo e pornografia secondo Joe D’Amato (Profondo Rosso, 2004), Tomas Milian, il trucido e lo sbirro (Profondo Rosso, 2004), Le dive nude - vol. 1 - il cinema di Gloria Guida e di Edwige Fenech (Profondo Rosso, 2005), Serial Killer italiani (Editoriale Olimpia, 2005), Nemici miei (Stampa Alternativa, 2005), Il cittadino si ribella: il cinema di Enzo G. Castellari - in collaborazione con Fabio Zanello - (Profondo Rosso, 2006), Filmare la morte – Il cinema horror e thriller di Lucio Fulci (Il Foglio, 2006) e Orrori tropicali – storie di vudu, santeria e palo mayombe (Il Foglio, 2006).  Il suo ultimo libro è il saggio Almeno il pane Fidel – Cuba quotidiana (Stampa Alternativa, 2006). Di prossima pubblicazione: Il cinema di Sergio Martino (in collaborazione con Fabio Zanello). Pagine web: www.infol.it/lupi. E-mail per contatti: lupi@infol.it.         Ha preso parte ad alcune trasmissioni TV come Cominciamo bene le storie di Corrado Augias (libro Serial killer italiani), Uno Mattina di Luca Giurato (libro Serial killer italiani), Odeon TV (trasmissione sui Serial killer italiani) e La Commedia all’italiana su Rete Quattro (dove ha parlato di Gloria Guida e di commedia sexy). È stato ospite di alcune trasmissioni radiofoniche per i suoi libri e soprattutto per il saggio su Cuba intitolato Almeno il pane Fidel che sta facendo discutere. I suoi libri sono stati oggetto di numerose recensioni e segnalazioni che si possono leggere al sito ww.infol.it
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Renzo Montagnoli
Renzo Montagnoli nasce a Mantova l’8 maggio 1947. Laureato in economia e commercio, dopo aver lavorato per lungo tempo presso un’azienda di credito ora è in pensione e vive con la moglie Svetlana a Virgilio (MN). Suoi racconti e poesie sono pubblicati sulle riviste letterarie Isola Nera, Prospektiva, Writers Magazine Italia e Carmina. E’ il dominus del sito culturale Arteinsieme (www.arteinsieme.net). Blog:  http://armoniadelleparole.splinder.com  
WEB: www.arteinsieme.net
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 53 millisecondi