:: Home » Articoli » 2007 » Agosto
2007
7
Ago

Ritorno a Torino dei signori Tornio

Commenti () - Page hits: 900

 

 

Lautore di fortunati libri di successo, come “Tutti giù per terra,”“Il paese delle meraviglie”,tanto per citare solo due romanzi, esordisce come autore teatrale. Questo libro è una pièce con la quale lo  descrive una città che conosce molto bene, Torino, dove vive e lavora, profondamente cambiata  nel corso degli anni. La trama è semplice, ma  efficace. Su un autobus fermo al capolinea, seduti dietro l’autista, siedono i signori Tornio che ritornano a Torino, anche se in realtà si scopre che non sono usciti di casa per paura di essere licenziati, dopo decenni. Una coppia di operai Fiat, mito di una Torino degli anni passati “ di quando si nasceva in Fiat, si viveva in Fiat e si moriva in Fiat” che trovano una realtà completamente mutata. A raccogliere lo stupore e il disagio della coppia nell’apprendere la metamorfosi subita dalla città è il tranviere, personaggio chiave all’interno del testo teatrale che li informa della  morte dell’Avvocato, alla notizia i coniugi rispondono “ma, non è possibile, com’è che Torino c’é ancora senza di lui?), della costruzione del villaggio olimpico al posto dei mercati generali, la creazione di uno spazio fieristico  nei terreni dell’ex Lingotto, l’apertura di un McDonald’s in un negozio storico di piazza Castello. I signori Tornio ascoltano i mutamenti che ha subito una città e che non comptendo. Ricordano la Torino  degli scioperi,  piena di immigrati del Sud in cerca di lavoro. Perplessità, stupore, smarrimento sono i sentimenti che provano, alle notizie del tranviere, i signori Tornio che non si identificano più in una città profondamente cambiata nel corso degli anni e, non a caso, quando l’autobus parte, la signora chiede al tranviere: “Dove ci porta?”. Culicchia esprime, in senso lato, lo smarrimento di una parte della società, non solo torinese,di fronte ai cambiamenti, alle novità, di fronte ad un futuro che non può più, a differenza del passato, offrire garanzie e valide certezze.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Giuseppe Petralia è giornalista pubblicistica dal 1984. Recensisce il primo libro ''Intervista sul socialismo italiano a Pietro Nenni'' a 18 anni, intervista apparsa sul periodico “Proposta Socialista”. Inizia a scrivere sulle pagine di ''Trapani Nuova'' e diventa, sempre nel 1981 corrispondente da Partanna (Trapani) de ''Il Giornale di Sicilia''. Collabora da dieci anni al periodico ''Il Belìce'', con recensioni di libri e articoli di cronaca e di politica. Ha collaborato con il periodico ''La Notizia-In'' e per quanto riguarda il web con il sito dello scrittore Antonio Messina, con www.belice.it e con libri.brik.it. Ha collaborato con recensioni ed interviste con la scrittrice Francesca Mazzucato e con ''I libri della settimana'' di Giancarlo Macaluso sul sito www.gds.it. Ha intervistato, fra gli altri, Vanessa Ambrosecchio, Simona Vinci, Domenico Cacopardo, Marco Vichi, Luca Di Fulvio, Ivan Cotroneo, Gabriella Imperatori, Paola Mastrocola, Grazia Verasani, Pietro Spirito, Teresa Ciabatti, Simona Corso, Alessandra Montrucchio, Enrico Remmert, Alessandro Perissinotto.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 56 millisecondi