:: Home » Articoli » 2007 » Maggio
2007
13
Mag

Un'estate al mare

Commenti () - Page hits: 1150

Luca ed Elisabetta si sposano e decidono di trascorre la loro luna di miele in Sicilia Si recano a Marsala, città d’origine del protagonista che non vi ritorna da venticinque anni, forse per non fare i conti con il proprio passato, caratterizzato dalla perdita del padre avvenuta in tragiche circostanze. I due sono molto diversi: Lei, trentenne milanese in carriera, ignorante, lui l’intellettuale che legge diversi quotidiani,  ipocondiacro, assillato dalla perdita dei capelli e da un lancinante dolore al ginocchio che gli fa temere di avere un tumore. Siano nell’estate del 2006, l’Italia sta disputando i campionati mondiali di calcio, il caldo in Sicilia è torrido, Elisabetta è ossessionata dal desiderio di rimanere incinta, forse perché lo è la sua amica Tarita, lui incontra la tedesca Katja, il suo primo amore adolescenziale accompagnata dalla conturbante figlia Andrea, ma incontra anche il generale Rallo, amico e superiore del padre, pilota dell’Aeronautica Militare. Incontri che portano Luca a rivivere il proprio passato adolescenziale, a confrontarsi con lo stesso e il libro si snoda su due distinti registri narrativi che si intersecano magistralmente: il passato, i ricordi delle escursioni con il padre, la prima bicicletta ed il presente rappresentato dalla moglie, da una Sicilia cambiata esteriormente, ma non nella mentalità, sempre identica a se stessa. La trama narrativa è un pretesto letterario per descrivere l’Italia di oggi: una Nazione, secondo Culicchia, che si prefigge l’obiettivo di vincere il campionato mondiale di calcio al fine di avere un’amnistia dopo “Calciacopoli”, che non pensa ai disastri ecologici in corso, una società dove il “problema non é Berlusconi, ma è che lui rappresenta meglio di chiunque altro la maggioranza degli italiani”, un’Italia, impersonata da Benedetta che fa shopping indecisa se acquistare un vestito Versace o Prada, un popolo che ha smarrito il senso dell’esistenza umana. La griffe che domina sull’essenza, l’apparire sull’essere. Ironico, avvincente, caratterizzato da una scrittura ritmica,  a tratti  esilarante, basti pensare ai mancati rapporti sessuali fra i coniugi in presenza di una macchinetta con la luce verde o rossa, che deve decidere quando fare sesso per far rimanere incinta Elisabetta, il libro presenta delle pagine commoventi, altamente poetiche come quando Luca si reca a Mozia e implora disperato l’aiuto del padre, la cui perdita sarà un dolore che lo accompagnerà per tutta la sua vita. E’ un libro che descrive dettagliatamente la Sicilia Occidente, Marsala, il caos di San Vito Lo Capo, le bellezze di Erice, la confusione che regna a Palermo, la struggente bellezza del teatro di Segesta, il mare pulito di Favigana. Un’estate al mare  è anche  un libro sui  sapori tipici siciliani:  i piatti di ricci, di cous-cous, le granite, le olive del Belice. La differenza che emerge, rispetto ai precedenti libri di Culicchia, risiede non tanto nella visione pessimista  della società descritta, una delle costanti della sua produzione letteraria  dello scrittore,  ma in un sentimentalismo, che non sfiora mai nella retorica, mai fine a se stesso, ma un modo per cercare di trovare il senso da dare alla propria vita in una società sempre più statica, dominata da falsi valori. Un libro nuovo, diverso dai precedenti, un viaggio a ritroso nel tempo alla ricerca delle radici e delle soluzioni al “mal di vivere”.  E’, quello di Culicchia,  un grido di allarme che coinvolge il lettore che, terminato di leggere il romanzo, si pone un inquietante interrogativo: dove andremo a finire?

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Giuseppe Petralia è giornalista pubblicistica dal 1984. Recensisce il primo libro ''Intervista sul socialismo italiano a Pietro Nenni'' a 18 anni, intervista apparsa sul periodico “Proposta Socialista”. Inizia a scrivere sulle pagine di ''Trapani Nuova'' e diventa, sempre nel 1981 corrispondente da Partanna (Trapani) de ''Il Giornale di Sicilia''. Collabora da dieci anni al periodico ''Il Belìce'', con recensioni di libri e articoli di cronaca e di politica. Ha collaborato con il periodico ''La Notizia-In'' e per quanto riguarda il web con il sito dello scrittore Antonio Messina, con www.belice.it e con libri.brik.it. Ha collaborato con recensioni ed interviste con la scrittrice Francesca Mazzucato e con ''I libri della settimana'' di Giancarlo Macaluso sul sito www.gds.it. Ha intervistato, fra gli altri, Vanessa Ambrosecchio, Simona Vinci, Domenico Cacopardo, Marco Vichi, Luca Di Fulvio, Ivan Cotroneo, Gabriella Imperatori, Paola Mastrocola, Grazia Verasani, Pietro Spirito, Teresa Ciabatti, Simona Corso, Alessandra Montrucchio, Enrico Remmert, Alessandro Perissinotto.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 213 millisecondi