:: Home » Articoli » 2007 » Maggio
2007
9
Mag

Misura del tempo

Commenti () - Page hits: 850
 
Ho appena chiuso "Misura del tempo" di Marco Gatto, Castrovillari. Per molto tempo fra gli endacasillabi accentati e quelli solamente sillabici ho preferito i secondi. So che i primi hanno il ritmo che è della vita, e i secondi la prassi che è della mente. E qui, in questa "misura del tempo" di ritmo ce ne è non poco - e come potrebbe essere diversamente a stare al suo solo titolo: "Misura del tempo", appunto -. Ed è un bel ritmo pieno di giovinezza consapevole. (A tale riguardo sorprende la notizia che ci dà Renato Nisticò che l'APA, l'associazione degli psicologi americani, ha, come dire, postdatato la fine dell'adolescenza alla bella età di 31 anni: mah: adolescenti sempre consumatori sempre? sarà per questo?). Molto ritmo dunque, e non direi "di periferia" (dove accidente sta "il centro" adesso?). Piuttosto - forse - il ritmo che arriva da un indirizzo dal nome tanto bello, evocante, come quello di Gatto: Contrada Palombari - Vigne; Castrovillari.
C'è un lutto in questo libro; il lutto, si sa, si addice a tutti, non solo ad Elettra. Ma non si riesce mai e poi mai ad immaginare quanto può addirsi a un giovanissimo adulto, quale è sicuramente l'autore di questo libro qui. E' nato nell'83. A un tiro di schioppo dal presente presente. Il presente "che si snoda senza quiete", il quale a volte "ci schiaccia" - per usare delle locuzioni del libro.   
"- Si cambia, si scende - dobbiamo cambiare, / bisogna scendere." ritma a pagina 72 Gatto, e un poco questo ritmo ha quello del "si spiccino per favore si chiude" del maestro citato da Nisticò, l'Eliot di quell'aprile celeberrimo - il più crudele - che qui invece, più semplicemente - quando sta per finire - "Sfiorisce".
Bel libro, con un gesto pieno di gioventù e giusta ironia alla fine, quando - per chiosa - ci sta un Preludio che diviene "Postludio", e che dice: "E ora? / A una voce poco esperta / non si deve la mancia. / Fuori tuona, è quel che basta."
Mi piace - a me stesso dico - riconoscere riconoscere i libri che mi piacciono, e questo qui mi è piaciuto. E una immagine non la dimenticherò di certo: quel "muto silenzio, sottile / nella quiete dei cipressi oziosi:"
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Adelelmo Ruggieri
Adelelmo Ruggieri (1954) vive e lavora a Fermo. Per ''peQuod'' ha pubblicato le raccolte di poesie: ''La città lontana'' (2003) e ''Vieni presto domani'' (2006). Per Italia Nostra - sezione di Fermo cura la rassegna di natura e poesia ''La natura dei poeti'' giunta alla sua quarta edizione.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 58 millisecondi