:: Home » Articoli » 2007 » Marzo
2007
8
Mar

Un mare di nulla

Commenti () - Page hits: 900

 

Un viaggio a ritroso nel tempo, prendendo spunto dalla figura paterna, per cercare di trovare “la memoria che ancora cerco e scrivo.” E’ quello che compie lo scrittore piemontese in questo libro pubblicato tre anni dopo il premio “Strega” ottenuto con il romanzo “Il dolore perfetto”. Ironico, affabulatore, bugiardo, frutto di un matrimonio riparatore fra il nonno capomastro e la giovane nonna spigolatrice (Mondo e Adelina) che andranno ad abitare in una casina rosa, la figura paterna viene tratteggiata senza reticenze, tanto che l’esergo del libro recita una frase di Fernando Pessoa: ”La sincerità è un grande ostacolo che l’artista deve vincere”. Nel libro vengono tratteggiati gli amici del padre, Marione, ucciso da una bomba mentre era in viaggio con il padre, Teresio, Toni, gli zii paterni Attilio e Tonio, il primo volubile, il secondo opportunista. La vicenda si snoda fra un piccolo paesino del Piemonte, si sposta a Torino e Riccarelli descrive le avventure del padre che viene chiamato alle armi, in Africa e si improvvisa panettiere per sopravvivere alle insidie della guerra, degli aguzzini, dei soprusi e lo scrittore lancia un grido di dolore contro le guerre, auspicando la pace. Nella vita del padre, un insieme di contrari, un ruolo importane hanno le donne, “oggetti delicati da manipolare, qualcosa che necessita di astuzia e pazienza, delicatezza e decisone“, donne che danno al protagonista senso d libertà, fino a quando lo steso non rimane imprigionato dallo squadro intenso e pieno di tristezza di Aisha, una donna che vive all’interno della casa di un enigmatico personaggio, monsieur Laplace. Nel libro fanno la loro comparsa, anche con un ruolo minore, le mogli degli zii: Marianna, moglie di Attilio e Adalgisa convolata a nozze con lo zio Tonio. Due donne diverse per cultura e carattere, ma che avranno un ruolo all’interno della saga familiare tratteggiata dallo scrittore che prende spunto dalla descrizione del padre per offrirci una serie di vite che si intersecano magistralmente. La peculiarità principale dello scrittore, al di là della trama sapientemente orchestrata, resta il linguaggio. Tenue, dolce, romantico, perfetto. Uno stile narrativo unico, particolare che lo discosta dagli scrittori contemporanei. Ricciarelli si avvale di una scrittura magistrale, perfetta e nessun aggettivo e/o sostantivo è lasciato al caso, ma è il frutto di un accurato lavoro artigianale, da grande scrittore.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Giuseppe Petralia è giornalista pubblicistica dal 1984. Recensisce il primo libro ''Intervista sul socialismo italiano a Pietro Nenni'' a 18 anni, intervista apparsa sul periodico “Proposta Socialista”. Inizia a scrivere sulle pagine di ''Trapani Nuova'' e diventa, sempre nel 1981 corrispondente da Partanna (Trapani) de ''Il Giornale di Sicilia''. Collabora da dieci anni al periodico ''Il Belìce'', con recensioni di libri e articoli di cronaca e di politica. Ha collaborato con il periodico ''La Notizia-In'' e per quanto riguarda il web con il sito dello scrittore Antonio Messina, con www.belice.it e con libri.brik.it. Ha collaborato con recensioni ed interviste con la scrittrice Francesca Mazzucato e con ''I libri della settimana'' di Giancarlo Macaluso sul sito www.gds.it. Ha intervistato, fra gli altri, Vanessa Ambrosecchio, Simona Vinci, Domenico Cacopardo, Marco Vichi, Luca Di Fulvio, Ivan Cotroneo, Gabriella Imperatori, Paola Mastrocola, Grazia Verasani, Pietro Spirito, Teresa Ciabatti, Simona Corso, Alessandra Montrucchio, Enrico Remmert, Alessandro Perissinotto.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 51 millisecondi