2007
22
Feb

Vangelo di Giuda - da Traditore a Eroe

media 5 dopo 1 voti
Commenti () - Page hits: 800

Un testo, il Vangelo di Giuda, necessario ed equilibrato in ogni sua parte, che tiene desta l’attenzione del lettore e fa crescere sempre più l’interesse per argomenti resi spesso ostici dagli esperti in materia. L’autore, Antonio Bica, propone, con particolare chiarezza discorsiva e di contenuti, la genesi e gli adattamenti dei Vangeli, la scoperta del Vangelo di Giuda e gli “aspetti alternativi del messaggio di Gesù”, inquadra Giuda e il suo maestro nel contesto delle lotte delle fazioni politiche oltranziste contro l’occupazione romana della Palestina, presenta le guerre di predominio fra le sette agli albori del cristianesimo come antefatto del formarsi dell’ideologia cristiana ortodossa, della gerarchia e del potere ecclesiastico. Tutto in una sintesi che svela la passione, ben radicata, per la materia religiosa e l’urgenza interiore dell’autore di farla conoscere ad altri, l’indulgenza verso i “cervelli cheti” e le “ menti spente”, l’onestà intellettuale, l’aderenza al fatto storico documentato, la prudenza nell’analisi e nel giudizio, indispensabili per un apporto costruttivo a delle problematiche storico-politiche, filosofico-teologiche, ecc., le cui propaggini arrivano ai giorni nostri. Ma soprattutto la determinazione di contribuire al rafforzamento dello spirito critico, l’invito a rifuggire dallo sterile dogmatismo e a non sottovalutare il relativismo storico-culturale di ogni verità. Giuda non è più traditore, ma discepolo prediletto di Gesù ed eroe con funzione salvifica. L’autorità assoluta e il potere di successione della Chiesa sono delegittimati dal pensiero gnostico, che, rivoluzionario e moderno, presuppone in Dio l’elemento maschile e quello femminile.

L’autore, già nell’ “Antefatto”, rivela con lieve ironia e con orgoglio, tra note di profonda e sincera malinconia per i ricordi della sua infanzia e tra accenti d’amore per la sua Sicilia, il suo precoce scetticismo su una provvidenzialità agente nella storia, la sua innata avversione contro le certezze mai poste al vaglio della ragione, rivendica per sé e per tutti gli uomini il diritto di percorrere in piena libertà la strada della ricerca del vero, ammette gli umani limiti del pensiero e  il permanere di interrogativi mai risolti.

 

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Simonetta De Bartolo
Simonetta De Bartolo, recensore ed intervistatrice, è conduttrice de “Lo Scaffale”, rubrica di recensioni letterarie di www.patriziopacioni.it autentico web-magazine dedicato alla scrittura e a ogni altra forma di espressione artistica, alla solidarietà e all’’attualità. Nata a Cosenza, si è laureata in Lettere moderne, sottoindirizzo artistico, all’Università della Calabria, e ha condotto ricerche in campo etnologico. Ha partecipato a numerosi concorsi letterari e, per alcuni anni, ha fatto parte delle redazioni de La Tela Nera e di Progetto Babele, dell’Associazione culturale “Il Foglio” e del comitato di lettura di «NetEditor», sito su cui ha pubblicato recensioni, racconti e poesie. Ha collaborato con “Il Foglio Magazine” e alla pubblicazione di un volume pensato dagli editori della rivista «Italian Culture», organo ufficiale dell’Aais (Associazione americana per gli studi di italianistica). Sulla rivista «Encuentro de la cultura cubana», ha pubblicato una recensione del volume di autori vari, curato da William Navarrete, Versi tra le sbarre, dato alle stampe nel 2006 dalle Edizioni Il Foglio di Piombino (Livorno). Collabora con le e-zine Progetto Babele, Segreti di Pulcinella, StradaNove e KULT Underground; con i siti Web La Tela Nera, che, nel 2004, le ha pubblicato alcune recensioni nell’e-book antologico “Sangue sui libri”, con Opera Narrativa, KULT Virtual Press. Fa parte dello Staff del portale culturale “L(‘)abile traccia”. In questi ultimi anni si è segnalata e distinta anche nel settore delle interviste letterarie Per La Tela Nera, dopo aver recensito alcune importanti loro opere, ha dialogato con gli scrittori Davil Buio, Andrea Moneti e il caporedattore e fondatore di Progetto Babele, Marco R. Capelli; Per Progetto Babele con Francesco Gitto, Vittorio Bongiorno, Fabio Marangoni, Patrizio Pacioni. Infine, per www.patriziopacioni.it, Sacha Naspini e lo stesso Patrizio Pacioni.
MAIL: Simonadebartolo@libero.it
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 49 millisecondi