2006
27
Dic

Ragionevoli Dubbi

Commenti () - Page hits: 1050

Dopo la parentesi con Rizzoli “Il passato è una terra straniera”, lo scrittore barese ci regala una storia (la terza) incentrata sull’avvocato Guido Guerrieri. In crisi, solo dopo la decisione di Margherita di trasferirsi per un anno in America per motivi di lavoro, il personaggio di Carofiglio è alle prese con una importante decisione. Difendere, o no, un detenuto già in carcere, condannato  primo grado per avere trasportato 40 kg di cocaina all’interno della  macchina di ritorno da un viaggio? Il detenuto, che si dichiara innocente, è Fabio Paolicelli, detto Raybàn, un ex picchiatore-fascista che, in gioventù, terrorizzò il giovane Guerrieri. Inoltre l’imputato vuole revocare il suo mandato all’avvocato Macrì che lo ha difeso in prima istanza, senza grossi risultati, ma con una serie di comportamenti, come il ritiro personale della macchina sequestrata, che seminano dubbi ed interrogativi, specie dopo la scomparsa del legale.Sono dei “ragionevoli dubbi” che lo assillano. Guerrieri si consulta con l’amico Carmelo Tandredi, ispettore di polizia che lo aiuta nelle  indagini e gli fa capire che l’imputato può essere vittima di una macchinazione. Chi fa decidere all’avvocato di accettare la difesa di Raybàn è la moglie dell’imputato, la bellissima giapponese Natsu Kawabata, ”avvolta in un  profumo d’ambra” della quale il nostro si innamora. La bellezza della donna , i modi garbati, il rapporto stretto che si instaura fra di essi, le rivelazioni della stessa, l’affetto per la figlia Anna dagli “spendidi occhi blu”, inducono Guerrieri ad accettare la difesa dell’uomo, in passato odiato. Carofiglio ci regala un ottimo thriller dell’anima perché, al di là della trama robusta ed orchestrata magistralmente, si tratta di un libro basato sui sentimenti come l’amore per la donna, per la bambina della coppia, affermando che non ha messo al mondo dei figli perché “vigliacco” e bellissima è la scena di sesso (ed in senso lato d’amore) fra l’avvocato e la bella giapponese. Per amore della donna e della verità, il nostro violerà una regola non scritta: quella di chiamare in giudizio un collega, ma sarà proprio l’audizione  di Macrì a risolvere i problemi legati alla vicenda giudiziaria con un finale imprevedibile anche per gli attenti lettori di libri gialli. Questo terzo volume, dopo “Testine inconsapevole” e “Ad oggi chiusi” è certamente, almeno finora, il migliore della triologia perché l’autore imbastisce una trama narrativa più complessa ed articolata dei precedenti volumi, approfondisce la psicologia dei personaggi e dà vita, nella seconda parte del libro, ad un dibattito processuale da antologia. Al centro della storia vi è naturalmente  il personaggio di Guerrieri e lo scrittore ne  accentua l’aspetto autoironico, libertario, come la bevuta di birra con alcuni compagni occasionali in una Bari notturna (città che fa da sfondo alle storie descritte). Un uomo solo con se stesso, fondamentalmente  malinconico,  che crede nella giustizia. Un personaggio, questo Guerrieri, difficile da dimenticare.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Giuseppe Petralia è giornalista pubblicistica dal 1984. Recensisce il primo libro ''Intervista sul socialismo italiano a Pietro Nenni'' a 18 anni, intervista apparsa sul periodico “Proposta Socialista”. Inizia a scrivere sulle pagine di ''Trapani Nuova'' e diventa, sempre nel 1981 corrispondente da Partanna (Trapani) de ''Il Giornale di Sicilia''. Collabora da dieci anni al periodico ''Il Belìce'', con recensioni di libri e articoli di cronaca e di politica. Ha collaborato con il periodico ''La Notizia-In'' e per quanto riguarda il web con il sito dello scrittore Antonio Messina, con www.belice.it e con libri.brik.it. Ha collaborato con recensioni ed interviste con la scrittrice Francesca Mazzucato e con ''I libri della settimana'' di Giancarlo Macaluso sul sito www.gds.it. Ha intervistato, fra gli altri, Vanessa Ambrosecchio, Simona Vinci, Domenico Cacopardo, Marco Vichi, Luca Di Fulvio, Ivan Cotroneo, Gabriella Imperatori, Paola Mastrocola, Grazia Verasani, Pietro Spirito, Teresa Ciabatti, Simona Corso, Alessandra Montrucchio, Enrico Remmert, Alessandro Perissinotto.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 70 millisecondi