:: Home » Articoli » 2006 » Dicembre
2006
12
Dic

Monica Cito

Commenti () - Page hits: 950

 

 

Domenica 10 dicembre 2006 si è celebrato in tutta Italia il “Luisona Day”: un’iniziativa di promozione e diffusione del reading letterario in bar, caffè letterari ed affini, che parte dal web (www.stefanobenni.it) per farsi circuito interattivo non più solo virtuale.

Monica Cito è stata invitata dal movimento culturale “Il Paese Incantato” di Carosino (www.carosino.net - ilpaeseincantato@carosino.net), una cittadina in provincia di Taranto, a dare lettura di brani del suo romanzo “Venere, io t’amerò”.

Il luogo scelto per il reading è stato il bar “New Pride”, nei pressi dello stadio comunale.

Prendendo spunto da questa iniziativa, il giornalista Giuseppe Petralia ha intervistato Monica intorno al significato e il senso dell’essere giovani scrittori oggi.

 

 

Essere scrittori oggi: per te cosa significa?

Scrivere per me significa essere un’autrice sociale, una piccola De Amicis, innamorata dell’essere umano, dei valori del rispetto e dell’appartenenza, della mano tesa alla scoperta intima dell’essere in una nazione e del volerci rimanere malgrado gli intoppi e i grandi nomi e le più o meno complesse operazioni editoriali.
 

Come  impronti e vivi  il rapporto coi tuoi lettori?

Quei pochi che mi hanno sentito leggere stralci del MIO “Venere, io t’amerò” hanno apprezzato, dialogato, squisitamente disquisito con me intorno all’essenza dell’essere umano, al profondo senso perduto della giustizia, al profumo novello di quel vino chiamato letteratura.

Si è potuto dimostrare, lavorando alla ricerca di lettori, che la letteratura non è interiora auctoris, defecatio crudele, ma scorrer di sangue e verità e forza e caparbietà nell’esprimerla, malgrado un piccolo marchio editoriale, un piccolo nome di donna bassa di statura stampigliato in prima di copertina. Si è potuto comprendere che la vita è nella penna tanto quanto è nella vita stessa; che la fantasia narrativa può e deve scalfire il noto e l’ignoto della terra.

A Voi “pochi” miei amati lettori tante volte invitati (… se mi sarà concesso o se troverò sistemi per rivendicare…) alla cena della carne, del dolore, è rivolto un RINGRAZIAMENTO che travalica i confini della carta segnata privatamente in appartenenza, affinché lo scrittore – quello vero – come un animale possa segnare il confine del suo sentire, il profumo del proprio resistere imbracciando inchiostro. A Voi, a Noi, miei lettori, tutta la stima; perché aver lettori oggi possa ancora significare parlare di letteratura; quella vera, quella che scalcia sempre con lo spirito d’un neonato che necessita di essere e divenire.
 

La letteratura come engagement, denuncia e testimonianza, ha dunque ancora senso oggi?

È dura per noi, giovani di questa Italia maldestra, sognare, e il letterato, converrai, deve sognare; perché se i sogni svanissero, non rimarrebbe su che argomentare, disquisire, ragionare.

Il noi è quasi perduto, l’anomia minaccia, il rimanere a galla dei vecchi stilemi uccide la giovinezza. Scrivere potrebbe aiutare. Sapere che c’è una donna giovane su un palco ad esclamare la libertà, la speranza.

La letteratura è il lettore, quel suo cadere fra le braccia di un’espressione, quel suo sapere che c’è ancora chi possa descriverlo, far sentire che è vivo, osservato, considerato, ascoltato, trasportato, non scacciato, immerso in un sistema di libertà possibilità cambiamento. È alzare il tiro, posizionare il mirino, scoprire il sangue di noi tutti che scorre attraverso le grandi e piccole questioni del nostro tempo. La letteratura – quella vera – può e deve sempre denudare il nervo, comprimere la forza, svitare il grande bullone della rabbia; far sì che un giovane possa, nel chiuso dei suoi pensieri, contemplare la pagina e, con essa, la propria vita. LA PROPRIA VITA SPEZZATA sempre, malgrado si tratti di flessuoso e caparbio ramo di fico.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Giuseppe Petralia è giornalista pubblicistica dal 1984. Recensisce il primo libro ''Intervista sul socialismo italiano a Pietro Nenni'' a 18 anni, intervista apparsa sul periodico “Proposta Socialista”. Inizia a scrivere sulle pagine di ''Trapani Nuova'' e diventa, sempre nel 1981 corrispondente da Partanna (Trapani) de ''Il Giornale di Sicilia''. Collabora da dieci anni al periodico ''Il Belìce'', con recensioni di libri e articoli di cronaca e di politica. Ha collaborato con il periodico ''La Notizia-In'' e per quanto riguarda il web con il sito dello scrittore Antonio Messina, con www.belice.it e con libri.brik.it. Ha collaborato con recensioni ed interviste con la scrittrice Francesca Mazzucato e con ''I libri della settimana'' di Giancarlo Macaluso sul sito www.gds.it. Ha intervistato, fra gli altri, Vanessa Ambrosecchio, Simona Vinci, Domenico Cacopardo, Marco Vichi, Luca Di Fulvio, Ivan Cotroneo, Gabriella Imperatori, Paola Mastrocola, Grazia Verasani, Pietro Spirito, Teresa Ciabatti, Simona Corso, Alessandra Montrucchio, Enrico Remmert, Alessandro Perissinotto.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 60 millisecondi