2006
3
Dic

Sono come il fiume che scorre

Commenti () - Page hits: 850

 

 

Lo scrittore brasiliano più famoso al mondo, autore prolifico di best- seller tradotti in 65 Paesi, come “L’Alchimista”, “Manuale del pensiero della luce”, “11 minuti”, tanto per citare alcuni titoli, dà alle stampe questo libro che raccoglie una serie di idee, aneddoti, bozzetti autobiografici scritti nell’arco di un tempo che va dal 1998 al 2005. Una serie di spunti, di riflessioni, pubbliche e private, esternate con la stessa serenità con la quale “si posa lo sguardo sul dorso di un fiume che scorre”. Il filo conduttore del volume è la ricerca dell’armonia, della serenità , della pace con se stesso e con gli altri. I racconti, brevi ma intensi, finiscono per dare vita ad un libro organico, unico nel suo genere e inducono, inevitabilmente, il lettore alla riflessione. Coelho ci offre la sua visione mistica, religiosa della vita (della quale dà spiegazioni nel volume). Invita il lettore a cogliere l’intensità dell’attimo, la bellezza della natura, a vivere il presente in maniera intensa. La fede religiosa è uno dei temi ricorrenti di questo libro: non mancano pagine struggenti e belle come la ragazza che suona in una piccola cappella all’interno di un bosco, a riprova dell’esistenza di Dio, la cerimonia spirituale per il thé in Giappone, il rimpianto per un libro non comprato da un sacerdote in una piccola chiesa di provincia e acquistato successivamente presso un altro sacerdote, che scopre di essere il fratello dell’autore del volume rifiutato. I brevi racconti sono anche autobiografici come quello iniziale che ci descrive il suo inizio di scrittore, l’amore e la bontà dello scrittore brasiliano Amado, la vita vissuta in giro per innumerevoli Paesi dove lo scrittore dà delle indicazioni sui viaggi. Viaggi tesi non alla scoperta dei musei (e del passato), all’acquisto di oggetti futili, ma mirati a conoscere gente, luoghi e abitudini per arricchire il proprio bagaglio culturale. Coelho esterna la sua filosofia di vita dando consigli pratici interessanti: vestirsi con gli stessi abiti, lui usa sempre un completo nero, evitando perdite di tempo, specie la mattina, ridurre i volumi della biblioteca, lui ne possiede solo 400, regalare i libri letti evitando l’abbattimento di foreste, comprendere e cercare di comprendere gli altri per un arricchimento personale e spirituale. Assieme a questi temi intimistici e personali, lo scrittore ci offre spunti di critica e riflessione sulla globalizzazione, sulla guerra in Iraq, sull’attentato dell’11 settembre. Sia che si trovi nella sua cascina sui Pirenei, solo a contatto con la natura, ma con Internet per dare uno sguardo al mondo”, sia che si trovi in giro per il mondo “sostenendo che ha cambiato più Paesi che scarpe come sosteneva Bertolt Brecht”, lo scrittore brasiliano ci conferma di essere un cittadino del mondo che cerca sempre di comprendere, capire e scoprire. La scrittura, per chi ha letto ed apprezzato i precedenti volumi non è una novità. E’ lineare, calma, musicale, dolce, priva di ricercatezze linguistiche. Il libro è un condensato di consigli, neppure velati, di suggerimenti al lettore. Si può, o meno, amare Coelho, ma il libro infonde una sensazione di tranquillità e di benessere al lettore. Non è cosa da poco.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Giuseppe Petralia è giornalista pubblicistica dal 1984. Recensisce il primo libro ''Intervista sul socialismo italiano a Pietro Nenni'' a 18 anni, intervista apparsa sul periodico “Proposta Socialista”. Inizia a scrivere sulle pagine di ''Trapani Nuova'' e diventa, sempre nel 1981 corrispondente da Partanna (Trapani) de ''Il Giornale di Sicilia''. Collabora da dieci anni al periodico ''Il Belìce'', con recensioni di libri e articoli di cronaca e di politica. Ha collaborato con il periodico ''La Notizia-In'' e per quanto riguarda il web con il sito dello scrittore Antonio Messina, con www.belice.it e con libri.brik.it. Ha collaborato con recensioni ed interviste con la scrittrice Francesca Mazzucato e con ''I libri della settimana'' di Giancarlo Macaluso sul sito www.gds.it. Ha intervistato, fra gli altri, Vanessa Ambrosecchio, Simona Vinci, Domenico Cacopardo, Marco Vichi, Luca Di Fulvio, Ivan Cotroneo, Gabriella Imperatori, Paola Mastrocola, Grazia Verasani, Pietro Spirito, Teresa Ciabatti, Simona Corso, Alessandra Montrucchio, Enrico Remmert, Alessandro Perissinotto.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 60 millisecondi