:: Home » Articoli » 2006 » Novembre
2006
23
Nov

Pugni

Commenti () - Page hits: 850

Te racconti “Boxe”, “Cavalli” e “La scimmia” compongono questo libro che ha ottenuto, in questi giorni, il premio Fiesole letteraura under 40. Un volune che segna l’esordio narrativo dello scrittore fiorentino. Racconti che anche se racchiudono delle storie ben delineate e diverse, non sono slegati, ma armonicamente tenuti insieme, specie i primi due, da un filo conduttore: la voglia di farcela, di fare e dare pugni al mondo intero, la difficoltà di superare l’età adolescenziale, l’impresa di diventare uomini adulti, mentre il terzo ed ultimo racconto si delinea non come una voglia di affermare il proprio io, ma come una fuga da una realtà non accettata. Lo sciatore delinea tre diversi spaccati generazionali, ma l’abilità dello scrittore risiede nel non proporre al lettore il solito libro sull’”universo giovanile” e sui contrasti generazionali. Pugni è certamente un testo letterario diverso, innovativo sia per stile che per i contenuti, dove vi è una profonda ricercatezza linguistica e i protagonisti sono soli con se stessi. Nel primo racconto, forse il più bello e il più poetico, un ragazzo, figlio della buona borghesia, che va bene a scuola e studia, malvolentieri, pianoforte, decide di cimentarsi con la boxe. Agile, denominato per questo “La Ballerina” sfiderà la Capra, un ragazzo sordomuto e povero. La sfida di boxe, narrata magistralmente, avrà una notevole importanza per i due, non solo per l’esito finale dell’incontro, ma per le loro stesse vite, destinate a cambiare. Nel racconto “Cavalli” lo scrittore ci parla dei fratelli Natan e Daniel che, dopo aver ricevuto, in regalo dal padre, due cavalli, percorreranno due “strade” diverse. Il primo lascerà il paese e andrà in città, il secondo si fermerà e continuerà a comprare cavalli per mettere su un allevamento, anche se un infelice episodio li riavvicinerà per un breve tempo. Ne “La scimmia”, il protagonista Nico viene a conoscenza che l’amico ricco del periodo adolescenziale ha deciso di diventare una scimmia, per evadere da una realtà che non accetta. Una via di fuga, quest’ultima, contrapposta alla voglia dei protagonisti dei due primi racconti di “entrare” nella vita, due facce della stessa “medaglia”, vita e morte. Grossi si avvale di trame narrative robuste, di personaggi convincenti e ben caratterizzati e svolge un accurato lavoro di introspezione psicologica degli stessi. L’autore è abile nell’evidenziare il contrasto e la dicotomia dei personaggi (i fratelli che decidono di condurre vite diverse, il ballerino e la capra, distanti per condizione fisica e sociale, Nico, un tempo povero e Piero, ricco di famiglia che decide di grugnire e trascorrere le giornate nudo, chiuso in camera). Un libro triste, amaro, ma reale, dove tutti i personaggi lottano, comunque, per sopravvivere prima a se stessi e poi al mondo intero. Grossi dà prova di essere uno scrittore di “razza”, del quale sentiremo parlare in futuro.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Giuseppe Petralia è giornalista pubblicistica dal 1984. Recensisce il primo libro ''Intervista sul socialismo italiano a Pietro Nenni'' a 18 anni, intervista apparsa sul periodico “Proposta Socialista”. Inizia a scrivere sulle pagine di ''Trapani Nuova'' e diventa, sempre nel 1981 corrispondente da Partanna (Trapani) de ''Il Giornale di Sicilia''. Collabora da dieci anni al periodico ''Il Belìce'', con recensioni di libri e articoli di cronaca e di politica. Ha collaborato con il periodico ''La Notizia-In'' e per quanto riguarda il web con il sito dello scrittore Antonio Messina, con www.belice.it e con libri.brik.it. Ha collaborato con recensioni ed interviste con la scrittrice Francesca Mazzucato e con ''I libri della settimana'' di Giancarlo Macaluso sul sito www.gds.it. Ha intervistato, fra gli altri, Vanessa Ambrosecchio, Simona Vinci, Domenico Cacopardo, Marco Vichi, Luca Di Fulvio, Ivan Cotroneo, Gabriella Imperatori, Paola Mastrocola, Grazia Verasani, Pietro Spirito, Teresa Ciabatti, Simona Corso, Alessandra Montrucchio, Enrico Remmert, Alessandro Perissinotto.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 69 millisecondi