:: Home » Articoli » 2006 » Novembre
2006
20
Nov

L'Ombra del Cerro

Commenti () - Page hits: 850

La scrittrice , dopo il successo del volume “Il giardino del luppolo”, ritorna alla narrativa con questo libro ambientato nei giorni decisivi prima della Liberazione. La storia si svolge nelle campagne dell’appennino tosco-romagnolo e la scrittrice è molto brava nel descrivere i paesaggi che fanno da sfondo al romanzo. Diverse le storie umane presenti, svariati i personaggi tratteggiati: Solidea che si innamora del partigiano Rinaldo e con il comandante delle SS Olaf Scharf Zoraide dà vita ad un secondo rapporto sentimentale e sessuale, forse per salvare Rinaldo, Zoraide, soprannominata Nadya che si innamora del partigiano “Il Passatore“, ucciso dai suoi stessi compagni partigiani, Ortensia che imbastisce una storia d’amore con il russo Sergej. Tre donne, come il Poggio dei “Tre Vescovi”, uno dei posti del romanzo, che avranno destini diversi. Nel libro non mancano altri personaggi come padre Fosco, don Alvaro, il conte Nello Gabiccini, il fratello Gerlando, una delle figure maggiormente riuscite, che “misura” con un bastone le donne dando loro i voti relativi alla loro bellezza. Un uomo apparentemente strano, ma che si fine pazzo per distribuire lettere ai partigiani. E’ un periodo difficile, si aspetta l’arrivo da parte degli alleati, ci si rifugia nella “Linea Gotica”, si diffida di tutto e di tutti, si ama e si odia con la stessa intensità, si vive, ma si muore con facilità. Non è un romanzo sulla Resistenza tout-court, perché la scrittrice pone l’attenzione sulle vicende personali e umane degli innumerevoli personaggi che animano il libro. Le vicende narrate si snodano nell’arco di un anno, autunno 1943, autunno 1944, ma quello che interessa alla Di Natale è offrirci non la Storia collettiva, ma personaggi veri, alle prese con problemi personali ed è molto brava nel caratterizzarli. Su tutti emerge la figura di Solidea, ”una lucertola che ti sguscia fra le mani”, una ragazza molto bella, sigaretta perennemente in bocca, occhi verdi, insofferente alle regole e alla disciplina, desiderosa di vivere , ma che avrà un futuro drammatico. Le donne rivestono, in questo libro, un ruolo molto importante, di fondamentale importanza per la loro vita e quella degli altri. L’Ombra del cerro è un romanzo corale, di ampio respiro e anche se è eccessivamente prolisso, con diverse storie imbastite che si intersecano magistralmente, non rende difficile la lettura del testo. La scrittrice non concede, per fortuna, spazio alla retorica, ma tratteggia delle scene altamente poetiche come, per citarne alcune, il desiderio di Nicola, uno dei ragazzi del collegio, di ritornare a scuola e, in senso lato, alla normalità e alla vita, Ortensia e Sergej che aspettano un figlio e decidono di chiamarlo “Libertà”, E’ un invito, questo dell’autrice, alla speranza, alla libertà, a non dimenticare il passato, a far propria l’esperienza per affrontare i problemi che ci presenta la nostra società. Un libro che ha ottenuto il premio “Grinzane Cavour” per la narrativa, un premio ampiamente meritato.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Giuseppe Petralia è giornalista pubblicistica dal 1984. Recensisce il primo libro ''Intervista sul socialismo italiano a Pietro Nenni'' a 18 anni, intervista apparsa sul periodico “Proposta Socialista”. Inizia a scrivere sulle pagine di ''Trapani Nuova'' e diventa, sempre nel 1981 corrispondente da Partanna (Trapani) de ''Il Giornale di Sicilia''. Collabora da dieci anni al periodico ''Il Belìce'', con recensioni di libri e articoli di cronaca e di politica. Ha collaborato con il periodico ''La Notizia-In'' e per quanto riguarda il web con il sito dello scrittore Antonio Messina, con www.belice.it e con libri.brik.it. Ha collaborato con recensioni ed interviste con la scrittrice Francesca Mazzucato e con ''I libri della settimana'' di Giancarlo Macaluso sul sito www.gds.it. Ha intervistato, fra gli altri, Vanessa Ambrosecchio, Simona Vinci, Domenico Cacopardo, Marco Vichi, Luca Di Fulvio, Ivan Cotroneo, Gabriella Imperatori, Paola Mastrocola, Grazia Verasani, Pietro Spirito, Teresa Ciabatti, Simona Corso, Alessandra Montrucchio, Enrico Remmert, Alessandro Perissinotto.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 79 millisecondi