2006
7
Set

Nuvole rapide

Commenti () - Page hits: 900

(Massimo Forgione - TraccEDIverse)

È una Modena che non (ri)conosco - quella descritta da Massimo Forgione. Una Modena - non falsa o inesistente. Semplicemente, una Modena non mia. Anche quando fisicamente coincide. Anche quando parla del Vibra, o del Duomo. Forse la differenza d'età - o di stato sociale - o forse, forse sono solo gli occhi a rendere diverso il tutto. Gli occhi, o la sensibilità - sicuramente accentuata - di questo giovane autore.
Nondimeno, apprezzo. Il riconoscere una parte del contesto (anche se quello geografico non è certo il dominante in un opera così pregna di introspezione) aggiunge, a me, un desiderio di ricerca - che semplicemente fa procedere la lettura in modo più facile, in un'opera complessa come questa "Nuvole rapide" edita da TraccEDIverse.
Perché questo testo di Forgione È un'opera complessa.
Non tanto per la trama - che alla fine segue "solo" il trasformarsi in tragedia di una parte della vita della protagonista - quanto per i "quadri" umani che l'autore, in base alla rilevanza che vuole dare, tratteggia o dipinge. Quanto per il loro animarsi, intrecciato, che crea una lunga scia di conflitti. Quanto per le passioni che esplodono o implodono davanti al lettore. In modo preciso - vivido. Quanto per i personaggi - molti monodici di vizi e virtù ma non capziosi.
In meno di centoventi pagine l'autore esplora una varietà di emozioni e/o di tematiche impressionante - partendo dalla complessità sentimentale-emotiva dell'essere single nella (tarda) X generation - e procedendo con l'aggiunta difficoltà dei rapporti padre-figlia - quando ci sono conflitti tra figlia e la nuova famiglia del padre - miscelati con la difficoltà di accettare il suicidio della madre naturale. E poi, via, in un maestoso crescendo di suoni - in cui è proposto l'ambiente del lavoro - i sentimenti tra colleghi - il riproporsi del tema del suicidio, legato a quello dell'amicizia forte, vera - il tema della droga - dell'aborto - della ribellione - dell'amore tradito nei valori. Questo e tanto altro - sfiorando l'amore saffico. In un universo che pur saturo difficilmente tracima. In un crescendo emozionale che forse - in qualche pagina - non riesce completo - ma che nel complesso affascina.
Per un'opera che si ricorda per l'efficace frammentarietà dei periodi - che martellano così - ritmicamente - ogni singolo evento, per qualche passaggio particolarmente riuscito, e per un finale inatteso, tragico e inaspettabile.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Marco Giorgini
Marco Giorgini: (Modena, 21 Agosto 1971) responsabile del settore R&D in una delle più importanti software house italiane che si occupano di linguistica applicata. Dal 1994 coordina la rivista culturale KULT Underground (www.kultunderground.org) e dal 1996 la casa editrice virtuale KULT Virtual Press (www.kultvirtualpress.com); autore di racconti e sceneggiature, ha contribuito ad organizzare mostre e concorsi letterari, tra cui ''Il sogno di Holden'', 8KO- e In Xanadu. Da marzo 2005 realizza una striscia a fumetti bisettimanale sul mondo degli esordienti, chiamata Kurt (www.kurtcomics.com).
MAIL: marco@kultunderground.org
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 57 millisecondi