:: Home » Articoli » 2006 » Giugno
2006
4
Giu

Estate

Commenti () - Page hits: 750

(René Frégni - MeridianoZero)

 

 

… VOICI LE TROISIÈME!

 

Ecco il terzo, sì, romanzo tradotto in Italia di questo marsigliese, erede a tratti del ben più celebre Georges Simenon.

Un Simenon senza il suo Maigret, però, ma con tanto di leitmotiv che caratterizza il suo stilema di autore di genere (il noir): la Caduta agli Inferi.

Caduta ispirata, causata da una profonda solitudine interiore (in questo si riverbera l’eredità del Simenon) del personaggio principale, sempre un uomo, sempre in precario equilibrio su una vita solo apparentemente fatta di rassicuranti trantran.

 

In quest’ultimo “Estate”, il protagonista si chiama Paul, è ristoratore assieme ad un socio (Tony), cuoco sopraffino ma afflitto dalla dipendenza dal gioco d’azzardo. Tony cerca in Paul il suo argine, ciò che non lo faccia letteralmente tracimare nell’abisso senza fondo della sindrome del Gambler[1].

 

Ambedue si arrabbattano tra affari che vanno bene e ritmi massacranti di lavoro, quand’ecco che nella vita di Paul irrompe la Follia, personificata da un’ammaliante Sylvia. Molto diversa dalla Silvia leopardiana, anche se ne condivide nome e nazionalità.

Sylvia infatti è una psicopatica – assassina, la chiama Tony – in plenissima regola.

 

Come al solito, il travolto (Paul) si perde e si danna irrimediabilmente.

Spettatrice della discesa agl’inferi, è ancora una volta Marsiglia, la selvaggia, l’abbacinante, dove il cielo è sempre più terso che altrove, grazie al Mistral che la spazza come la Bora Trieste.

Marsiglia dei ristoranti, delle pizzerie (i francesi, peraltro, tendono a pronunciare le due zeta come nel nostro idioma si pronuncia zappa; con un effetto che lascio immaginare ai lettori); Marsiglia delle periferie sotto i calanchi; Marsiglia che impotente assiste alla dannazione di Paul, come degli altri protagnisti degli altri romanzi di Frégni.

 

Un romanzo che si legge tutto d’un fiato, perché scorrevole e… rilassante.

Sì, avete capito bene: l’ideale, sotto l’ombrellone.

Anche se vi è trattata la follia umana.

Anche se vi si legge in filigrana un sostanziale pessimismo dell’autore: la saviezza, la tranquillita, sono – pare egli dirci – soltanto una crosta superficiale.

Sotto, e ben poco sotto, ribolle il magma, la lava. La Follia, appunto.

Pare confermare quest’interpretazione anche un’altra costante narrativa del Frégni: i manicomi e/o le case di riposo, dove vengono rinchiusi – parcheggiati, diremmo – i Vinti.

Paradossalmente, la si scampa proprio lasciandosi andare nel vortice della Follia “da savi”. Così poi si ha il tempo di leccarsi le ferite, e chissà, di rimettersi in carregiata.

Fino alle prossime Circi, maschi o femmine che siano…

 

 

EDIZIONE ESAMINATA e BREVI NOTE.

René Frégni romanziere francese di genere. Ha fatto conoscenza con la scrittura a diciannove anni, nella prigione militare dove fu rinchiuso.

Ha pubblicato vari romanzi, tre dei quali[2] tradotti in Italia.

E li ha pubblicati col contributo di istituzioni quali l’Ambasciata  di Francia e del Ministero francese degli Affari Esteri (almeno, tanto si legge sulle edizioni italiane). Beato lui: la Francia sì, che ha a cuore ses écrivains[3]! Qui in Italia… è tutt’un’altra storia: arrabbattatevi e via!

 

René Frégni“Estate”, Meridiano Zero, Padova, 2004.

 

Traduzione di: Claudia Zonghetti.

 

Titolo originale: L’Été, Éditions Denoël, 2002


[1] Giocatore, in questo caso d’azzardo

[2] Oltre al presente, “Neromarsiglia” e “La città dell’oblio”, da me recensiti su www.lankelot.com

[3] I propri scrittori

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Elisabetta Blasi
Elisabetta Blasi è nata a Grottaglie (Taranto) nel 1968. Laureata in Scienze Politiche – indirizzo storico- politico – ha curato vari studi sull’applicazione della pari opportunità fra uomini e donne nel campo del disagio sociale (in Francia), nell’istruzione scolastica, universitaria e nella formazione professionale (in Italia). Ha collaborato colla rivista web www.lankelot.com come critica letteraria ed opinionista. Attualmente collabora con Giulio Perrone Editore.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 73 millisecondi