:: Home » Articoli » 2006 » Maggio
2006
7
Mag

Versi tra le sbarre

Commenti () - Page hits: 1050

(AA.VV. - Edizioni Il Foglio)

La pubblicazione di Versi tra le sbarre, antologia di autori vari, tutti vittime della violenza del regime di Castro, terzo volume della Collana letteratura cubana, impreziosito dalla copertina originale di Elena Migliorini, si avvale del puntuale lavoro di traduzione di Elisa Montanelli, nonché del serio impegno di cura redazionale di William Navarrete, che, nella sua essenziale prefazione, ha ritenuto doveroso sottolineare che “l’entusiasmo e la determinazione di Gordiano Lupi e della casa editrice Il Foglio da lui diretta” hanno permesso ai poeti di questa antologia di venire alla luce. Di Gordiano Lupi, piace ricordare, da una parte, lo sdegno manifestato sulle pagine di noti quotidiani verso certe “balle propagandistiche” sulla bontà del “vecchio dittatore” Castro, sulle strutture pubbliche ottimamente funzionanti a beneficio del popolo cubano e il suo impegno a far conoscere “il vero volto di Cuba”, dall’altra parte, e di non minore intensità, il suo amore per una terra che sopporta, con dignità estrema, da tanti anni oramai, la miseria materiale e morale causata dalla dittatura, un amore sottolineato in alcune sue opere, come Nero tropicale, Cuba magica, Un’isola a passo di Son. Opera meritoria, quindi, che contribuisce a rompere quello strano silenzio internazionale sui crimini della dittatura di Castro e a marcare l’insensibilità verso la sofferenza del popolo cubano da parte di chi nutre scarso amore per la verità.

Se il motivo ispiratore che lega i vari componimenti dell’antologia è la sofferenza provata direttamente dagli autori a causa della persecuzione della dittatura, diversi sono i registri poetici, diversi i fantasmi poetici che veicolano il personale sentire, diversi gli esiti artistici, dal momento che alcuni degli autori già da tanto tempo hanno lasciato alle loro spalle l’apprendistato ed hanno già conseguito meritevole fama, mentre altri si sono cimentati per la prima volta nella poesia.

Attraverso l’essenzialità del verso, il messaggio di fermezza morale di Ricardo González Alfonso, ancora oggi in prigione, penetra e pervade l’animo del lettore, mentre un dolore non urlato lascia spazio all’amore, fuga la rassegnazione, si tempra di eroica dignità, che sfida gli “sguardi da tridente” degli aguzzini e fa scoprire “un’altra versione/della morte/della vita/dell’amore.” (Giudizio finale).

Nei versi di Regis Iglesias Ramírez, ancora oggi in carcere, versi pervasi da delicati toni elegiaci, rinvigorisce, nel deserto della libertà negata e dell’odio di regime, il verde dell’oasi della speranza, la fonte consolatrice dei ricordi, il senso della vita come armonia di colori e di luce, il sentimento profondamente cristiano dell’amore universale “E ai miei nemici:/Dio li ama. E anch’io.”.

Né la sofferenza causata dal regime di Castro riesce a sgualcire la freschezza giovanile del sogno d’amore dei versi di Mario Enrique Mayo Hernández, ancora oggi in prigione, anzi il ricordo della donna lontana si fa più caldo e sensuale.

Pudico nel mostrare il suo profondo dolore, consapevole che il regime semina “sofferenze onorifiche”, Jorge Olivera Castillo, liberato con “licenza extrapenale”, affonda, con fierezza che ricorda il Farinata di Dante, il bisturi nelle piaghe della dittatura e col suo verso tagliente, fatto di cose e non di parole, squarcia il maleodorante velame dell’ipocrisia e della retorica del potere, svelando il dramma della morte della ragione, del silenzio imposto al pudore, della catastrofe di Cuba.

Il poeta Raúl Rivero Castañeda, esiliato a Madrid dopo aver subito per un anno e mezzo il carcere, perviene a risultati artistici di alto valore, in cui l’uso magistrale dei mezzi espressivi si fonde con motivi ispiratori profondamente interiorizzati. Il poeta non lascia spazio ad autocommiserazione, nega che la prigionia annichilisca la nobiltà d’animo e possa privare della fantasia e dei doni della poesia, proclama che la tirannia è destinata alla sconfitta, mentre “Leggera la cenere. Chiara l’eternità.” sarà di colui che è perseguitato dal regime

I versi di Omar Moisés Ruiz Hernández, attualmente in carcere, denunciano il tradimento degli ideali del socialismo e dell’uomo verso il suo simile. La sua poesia, che a volte ha un andamento quasi prosastico, fa tutt’uno con una fede combattiva, addolcisce il tema del ricordo, veicola la certezza di tempi migliori in una Cuba diversa.

Severo con se stesso, ma soprattutto contro il regime che ha distrutto la felicità, intollerante della perdita d’identità, Manuel Vázquez Portal alterna nella sua poesia momenti di accorato dolore per una patria che non c’è a momenti di consolante ottimismo: “Vengo, patria, ad abbracciarti/per risorgere insieme a te.”.


Qui potete scaricare gratuitamente metà del libro in formato e-book.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Simonetta De Bartolo
Simonetta De Bartolo, recensore ed intervistatrice, è conduttrice de “Lo Scaffale”, rubrica di recensioni letterarie di www.patriziopacioni.it autentico web-magazine dedicato alla scrittura e a ogni altra forma di espressione artistica, alla solidarietà e all’’attualità. Nata a Cosenza, si è laureata in Lettere moderne, sottoindirizzo artistico, all’Università della Calabria, e ha condotto ricerche in campo etnologico. Ha partecipato a numerosi concorsi letterari e, per alcuni anni, ha fatto parte delle redazioni de La Tela Nera e di Progetto Babele, dell’Associazione culturale “Il Foglio” e del comitato di lettura di «NetEditor», sito su cui ha pubblicato recensioni, racconti e poesie. Ha collaborato con “Il Foglio Magazine” e alla pubblicazione di un volume pensato dagli editori della rivista «Italian Culture», organo ufficiale dell’Aais (Associazione americana per gli studi di italianistica). Sulla rivista «Encuentro de la cultura cubana», ha pubblicato una recensione del volume di autori vari, curato da William Navarrete, Versi tra le sbarre, dato alle stampe nel 2006 dalle Edizioni Il Foglio di Piombino (Livorno). Collabora con le e-zine Progetto Babele, Segreti di Pulcinella, StradaNove e KULT Underground; con i siti Web La Tela Nera, che, nel 2004, le ha pubblicato alcune recensioni nell’e-book antologico “Sangue sui libri”, con Opera Narrativa, KULT Virtual Press. Fa parte dello Staff del portale culturale “L(‘)abile traccia”. In questi ultimi anni si è segnalata e distinta anche nel settore delle interviste letterarie Per La Tela Nera, dopo aver recensito alcune importanti loro opere, ha dialogato con gli scrittori Davil Buio, Andrea Moneti e il caporedattore e fondatore di Progetto Babele, Marco R. Capelli; Per Progetto Babele con Francesco Gitto, Vittorio Bongiorno, Fabio Marangoni, Patrizio Pacioni. Infine, per www.patriziopacioni.it, Sacha Naspini e lo stesso Patrizio Pacioni.
MAIL: Simonadebartolo@libero.it
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 47 millisecondi