:: Home » Articoli » 2006 » Marzo
2006
3
Mar

Diary

Commenti () - Page hits: 900

(Chuck Palahniuk - Mondadori)

Tradotto da Matteo Colombo per la Mondatori, Diary di Chuck Palahniuk ci coinvolge sempre più, man mano che si procede nella lettura. Misty Marie Kleinman, aspirante artista, sposa l’enigmatico e stravagante Peter Wilmot, conosciuto all’Accademia. Vanno a vivere a Waytansea Island, dove, inizialmente, “tutto era perfetto”, nella casa che Misty ha sempre sognato, “Il sogno borghese di una bimba bianca con le pezze al culo”. “Poi venne fuori che si era sbagliata”. Peter è certo che diverrà presto una pittrice, ma il destino di Misty sarà ben diverso. Chuck Palahnuk, scrittore statunitense, autore di Fight Club, da cui è stato tratto il film diretto da David Fincher, e di altre originali opere, sembra sia del parere che, nella vita, tutto sia prestabilito e nessuno possa sfuggire al proprio destino. Misty ci riuscirà?

In Diary ritroviamo la descrizione insistente di ambienti interni e del loro arredamento e la focalizzazione, in particolar modo, dei colori, che abbiamo incontrato in Ninna nanna (Mondatori, 2003) dello stesso autore; ritorna, leggermente affievolita, la paura dell’ecoterrorismo; persiste la critica del progresso, ancora più accentuata e più incentrata sulla contaminazione delle bellezze naturali, sulla disumanizzazione e sul materialismo, imperanti nella contemporanea società. La morte è intesa come ritorno alla bellezza originaria. Con la morte, attraverso il fuoco purificatore, sull’isola si perpetua il ciclo dell’eterna lotta tra spirito e materia. L’autore dà una particolare e intelligente interpretazione del mondo fenomenico e del mondo delle idee di Platone. Tra il fantasy, l’horror e il grottesco, coordinati da un delicato e costante bilanciamento delle parti, domina il sentimento materno della protagonista per Tabbi, “L’opera d’arte di Misty. Sua figlia”. Lo scrittore fa esplicitamente riferimento, rinviando a La psicologia dell’inconscio, a Carl Jung, il grande studioso che per primo ipotizzò l’esistenza di un inconscio collettivo. Diary è un penetrare nell’io per tirar fuori, come in seduta psicanalitica, le motivazioni del comportamento dei personaggi e, quindi, l’ossatura della stessa trama, “tutto ciò che facciamo è un autoritratto…, sei condannato ad essere te stesso”. Angel Delaport, il grafologo, un deus ex machina fallito, esamina la scrittura (una serie di minacce e avvertimenti non chiari che fanno paura) di Peter Wilmott apparsa sui muri delle abitazioni da lui ristrutturate, sui muri delle stanze che scompaiono. Dalla grafia si risale al carattere; se la si ricalca con un dito, dice Angel a Misty, si conosceranno il pensiero e le sensazioni di chi ha scritto. Lo stile di Palahnuk sprigiona energia; scientifico, asciutto, privo di fronzoli, simile a quello di scrittori come Breat Easton Ellis, Irvine Welsh e Douglas Coupland.

L’autore manifesta con originalità il suo pensiero sull’universalità e sulla continuità nel tempo dell’Arte: l’Arte ha un’anima che s’incarna di generazione in generazione; la sua spiritualità, il suo amore per le varie forme della Bellezza operano una palingenesi, una rinascita, una catarsi nel fruitore. Lo scrittore ribadisce, altresì, la naturalità del genio portato all’Arte e la spontaneità dell’Arte stessa, tanto cara al Romanticismo. Grace Wilmot tiene un diario. Dice che è di Misty. In realtà, è, anche, di tutte le artisti che l’hanno preceduta e che facevano anch’esse parte della leggenda dell’isola, ”ogni cosa è un diario”. E’ il diario che Misty scrive a Peter in coma, nella speranza che si risvegli, e che stiamo leggendo noi? La tecnica del diario nel diario richiama alla mente la tecnica pirandelliana del teatro nel teatro.

Una volta terminato di leggere il romanzo, osserviamo, sul retro della copertina, la fotografia di Chuck Palahniuk: sembra raccontarci di suo nonno che uccise la moglie a colpi di pistola e, poi, si tolse la vita, e di suo padre che fu ucciso da una donna conosciuta con un annuncio sul giornale;“la sofferenza è la chiave dell’ispirazione”.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Simonetta De Bartolo
Simonetta De Bartolo, recensore ed intervistatrice, è conduttrice de “Lo Scaffale”, rubrica di recensioni letterarie di www.patriziopacioni.it autentico web-magazine dedicato alla scrittura e a ogni altra forma di espressione artistica, alla solidarietà e all’’attualità. Nata a Cosenza, si è laureata in Lettere moderne, sottoindirizzo artistico, all’Università della Calabria, e ha condotto ricerche in campo etnologico. Ha partecipato a numerosi concorsi letterari e, per alcuni anni, ha fatto parte delle redazioni de La Tela Nera e di Progetto Babele, dell’Associazione culturale “Il Foglio” e del comitato di lettura di «NetEditor», sito su cui ha pubblicato recensioni, racconti e poesie. Ha collaborato con “Il Foglio Magazine” e alla pubblicazione di un volume pensato dagli editori della rivista «Italian Culture», organo ufficiale dell’Aais (Associazione americana per gli studi di italianistica). Sulla rivista «Encuentro de la cultura cubana», ha pubblicato una recensione del volume di autori vari, curato da William Navarrete, Versi tra le sbarre, dato alle stampe nel 2006 dalle Edizioni Il Foglio di Piombino (Livorno). Collabora con le e-zine Progetto Babele, Segreti di Pulcinella, StradaNove e KULT Underground; con i siti Web La Tela Nera, che, nel 2004, le ha pubblicato alcune recensioni nell’e-book antologico “Sangue sui libri”, con Opera Narrativa, KULT Virtual Press. Fa parte dello Staff del portale culturale “L(‘)abile traccia”. In questi ultimi anni si è segnalata e distinta anche nel settore delle interviste letterarie Per La Tela Nera, dopo aver recensito alcune importanti loro opere, ha dialogato con gli scrittori Davil Buio, Andrea Moneti e il caporedattore e fondatore di Progetto Babele, Marco R. Capelli; Per Progetto Babele con Francesco Gitto, Vittorio Bongiorno, Fabio Marangoni, Patrizio Pacioni. Infine, per www.patriziopacioni.it, Sacha Naspini e lo stesso Patrizio Pacioni.
MAIL: Simonadebartolo@libero.it
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 129 millisecondi