2005
20
Nov

Ontalgie

Commenti () - Page hits: 800

(Lino Aldani - Ed. Perseo Libri, Biblioteca di Nova SF*)

La Perseo Libri è una casa editrice di Bologna che, dagli anni ’80, si dedica alla pubblicazione e diffusione di riviste, antologie e romanzi incentrati sulla narrativa fantascientifica.
Non essendo i suoi volumi distribuiti nelle librerie né reperibili su Internet Bookshop o altri negozi on line, le attività della Perseo sono poco note, almeno al grande pubblico. Il che è un vero peccato, viste la notevole cura editoriale che caratterizza le proposte della Perseo e la qualità assoluta del catalogo, che annovera nomi del calibro di Brian Aldiss, Ian Watson, Clifford D. Sidmak e Bruce Sterling (per restare al nostro paese, invece, mi piace citare Donato Altomare, premio Urania 2000 con “Mater Maxima”, che con la Perseo ha pubblicato la space-opera “Il fuoco e il silenzio”).
Con questo articolo vorrei sostenere e dare un po’ più di visibilità a un’attività editoriale e culturale che ritengo di interesse, e che tutti possono scoprire ed “esplorare” attraverso il sito http://www.perseolibri.it
In particolare, i volumi su cui vorrei soffermarmi sono quelli dedicati dalla Perseo, dal 2002 in poi, a Lino Aldani. Uno scrittore italiano, lombardo per la precisione, oggi quasi ottantenne e che sin dagli anni ’60 ha visto riconoscere il tuo talento, venendo pubblicato su antologie e volumi di molti paesi europei.
Praticamente scomparse da alcuni anni dal panorama editoriale italiano, le opere aldaniane sono state riproposte integralmente dalla Perseo Libri, con “Ontalgie”, “Aria di Roma andalusa” e “Febbre di Luna” (sostanzialmente tre antologie di racconti, arricchite però anche da alcuni romanzi brevi dell’autore), con il romanzo “La croce di ghiaccio” (originale opera sulla difficile opera di evangelizzazione del lontano e violento pianeta Geron) e, infine, con “Millennium” (un’antologia di racconti di Aldani affiancati da altri opera di Ugo Malaguti, il responsabile della Perseo Libri).
Si tratta, nel complesso, di molte e molte pagine di narrativa fantascientifica (ma non solo: ad esempio, “Febbre di Luna”, che dà il titolo a una delle antologie, è un romanzo fantasy breve, scritto con Daniela Piegai), che ogni appassionato del genere, desideroso di conoscere anche i migliori autori italiani, dovrebbe leggere, o almeno “provare”.
Questo vale, in particolare, per i racconti, la forma narrativa prediletta da Aldani, e per l’antologia “Ontalgie”, forse la più riuscita fra quelle che ho citato.
Nelle storie brevi di Lino Aldani è possibile apprezzare non solo l’ottima tecnica ma anche (e soprattutto) la capacità dell’autore di tratteggiare in modo completo e credibile i protagonisti, sempre al centro della narrazione. Anche il gusto per un’ambientazione spesso italiana (la campagna pavese, di solito) è un elemento originale e da sottolineare, visto che negli scorsi decenni non era affatto scontato che uno scrittore italiano facesse scelte di questo tipo.
La produzione aldaniana, comunque, è stata realizzata nell’arco di oltre quarant’anni, dai primi anni ’60 ai giorni nostri, e quindi ha affrontato una vasta pluralità di tematiche, toni e spunti… anche per questo credo che la sua lettura possa risultare intrigante: ognuno può trovarci la chiave di lettura che preferisce, apprezzandone questo o quell’altro aspetto.
Personalmente, ho scoperto Lino Aldani in modo abbastanza casuale, la scorsa estate, e da allora ho già letto molte delle sue opere... e non posso, sinceramente, che consigliarle a tutti.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 183 millisecondi